HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Cucina  Ricette Italia  Ricette Europa  Ricette Mondo  Menu speciali  Vostre ricette  Enologia
 
 
COME GESTIRE LA PICCOLA CANTINA DI CASA
La parola cantina
La cantina ideale
Tra scaffali e bottiglie
La cantina moderna
Vino sfuso e attrezzatura
La scelta delle damigiane
Calendario e imbottigliamento
Accorgimenti e controlli

Nel linguaggio tecnico la parola "cantina" viene usata con il significato di stabilimento enologico e quindi luogo, all'interno dell'azienda vitivinicola, in cui si svolgono le varie fasi della vinificazione. Nel linguaggio comune invece la parola "cantina" conserva il significato di luogo appartato, ripostiglio, interrato o seminterrato, in cui si conservano il vino e alcuni alimenti.

È poi interessante e curioso il significato della parola "cantina" nel linguaggio dei simboli: qui infatti indica la stanza del tesoro, sul piano spirituale corrisponde alla conoscenza di sé e su quello monastico ha senso di interiorità, di stanza del segreto. Parlando della cantina privata ci si riferisce al luogo in cui viene tenuto, per la conservazione e l'eventuale collezione, il vino destinato al consumo familiare. Il locale adibito a tale scopo deve avere alcuni requisiti fondamentali, infatti la qualità del vino dipende anche dalle condizioni ambientali in cui è conservato perché il vino non è un prodotto inerte ma i suoi composti sono in continua evoluzione.

BIBLIOGRAFIA
A.A.V.V., I MIEI VINI, 1978, Istituto Geografico De Agostani, Novara
Vaccarini G., MANUALE DEL SOMMELIER, 1995, AIS, Milano
J. Priewe, VINO UNA CULTURA MONDIALE, 2002, Bolis edizioni, Azzano San Paolo
G. Sichieri, IL LIBRO COMPLETO DEL VINO, De Agostani, Novara, 2002
J. Chevallier, A. Gheerbrant, DIZIONARIO DEI SIMBOLI, 1986, Rizzoli, Milano





 

A cura di Enrico Tiziana, enologa

HomePage