HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Cucina  Ricette Italia  Ricette Europa  Ricette Mondo  Menu speciali  Vostre ricette  Enologia
 
 
COME GESTIRE LA PICCOLA CANTINA DI CASA
La parola cantina
La cantina ideale
Tra scaffali e bottiglie
La cantina moderna
Vino sfuso e attrezzatura
La scelta delle damigiane
Calendario e imbottigliamento
Accorgimenti e controlli

Accorgimenti per l'imbottigliamento

Dopo aver scelto il vino, essersi riforniti e aver scelto il periodo di imbottigliamento bisogna preparare l'attrezzatura e procedere all'operazione. In particolare bisogna controllare accuratamente le bottiglie a una a una e verificare che non vi siano al fondo residui o odori strani. Dalla damigiana, che si troverà sul panchetto di legno, si travasa il vino nelle bottiglie adoperando il classico sistema della gomme a sifone. A tappatura ultimata non devono rimanere più di due centimetri di spazio vuoto tra il tappo e il vino perché è necessario che nella bottiglia sia presente la giusta quantità di aria per cautelarsi contro i naturali fenomeni di natura ossido-riduttiva che avvengono durante l'affinamento in bottiglia.

I controlli periodici alla propria cantina

Di tanto in tanto è consigliabile fare dei controlli sullo stato di conservazione ed evoluzione dei vini custoditi nella cantina in particolare controllando i tappi e il livello del vino nelle bottiglie. Bisognerebbe avere l'accortezza di consumare nei tempi giusti le varie scorte di vino, sapere quando è il momento ottimale per bere un dato vino e quando inizia invece a tramontare. È sconsigliabile tenere vini in cantina per molto tempo soprattutto se bianchi, rosati, spumanti o rossi leggeri, è meglio ridurre a brevi periodi l'intervello di tempo tra acquisto e consumo perché nella maggior parte dei casi i vini che si trovano in commercio sono maturi abbastanza per poterne apprezzare da subito le migliori caratteristiche. Una più lunga permanenza in cantina deve essere riservata solo a particolari vini di corpo che maturano lentamente migliorando a poco a poco le loro caratteristiche evitando però anche qui gli eccessi. Va anche tenuto presente che lo stesso tipo di vino può cambiare da una vendemmia all'altra: è quindi bene tenersi al corrente dell'andamento stagionale delle varie annate anche aggiornandosi con le valutazioni fatte dagli esperti.





 

A cura di Enrico Tiziana, enologa

HomePage