HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Copenaghen: la città del Natale
Copenaghen è la città del Natale, non solo perché la Danimarca è il paese di Babbo Natale e del francobollo natalizio...

Copenaghen è la città del Natale, non solo perché la Danimarca è il paese di Babbo Natale e del francobollo natalizio (il che è assolutamente vero), ma perché è la festa natalizia più attesa da tutti i danesi, che continuano a tramandarsi la gioia e la ricca tradizione del Natale da una generazione all’altra.

Per visitare bene la città, nel periodo natalizio, occorre iniziare da Kongens Nytorv (la Nuova Piazza Reale), dove il venerando Hotel D’Angleterre, elegantemente decorato, domina sulla piazza, evocando il Natale di tanti anni fa. In diagonale rispetto all’hotel si trova il Teatro Reale, palcoscenico delle produzioni natalizie realizzate dal Balletto Reale Danese. Di fianco all’Hotel d’Angleterre, si incontra Hviids Vinstue, un locale storico ed evocativo, che ha servito libagioni ai danesi fin dal 1723. Ha finestre con il vetro piombato, travi molto scure, tavoli di legno consumati dal tempo e foto ingiallite con gli anni, che incuriosiscono nello stesso modo clienti vecchi e nuovi.

Lungo lo Strøget si eplora la parte più elegante di questa famosa strada pedonale in festa, con verdi ghirlande illuminate da una tenue luce e con un cuore rosso al centro. Per cercare un regalo originale del design danese a un prezzo accessibile, si deve entrare da Bodum che offre quattro piani con una grande scelta di proposte. Merita una visita anche la sezione natalizia (al quarto piano) del grande magazzino Illum, pieno zeppo di una miriade di regali e decorazioni natalizie.

C’è anche un negozio del Museo di Arte Moderna Louisiana e una caffetteria con il tetto trasparente, da cui si possono ammirare i tetti della città.

In questo periodo dell’anno i ristoranti propongono menu che comprendono i tipici piatti natalizi danesi: prosciutto in gelatina e arrosto di maiale, oppure un’anatra deliziosa, servita con il cavolo rosso, prugne, cetrioli e piccole patate caramellate, mentre il dolce tipico è il Ris à l’amande (una specie di riso e latte con panna e mandorle tritate e innaffiato da un po’ di cherry).

Le bevande tradizionali sono il gløgg (preparato con vino rosso, acquavite, cannella, uva sultanina, chiodi di garofano e mandorle a pezzetti), molto forte e da bere caldo, e la speciale birra di Natale, scura e più forte, detta Julbryg.

A metà novembre, per le strade girano dei carretti della Tuborg trainati da cavalli, tutti addobbati e pieni di bandierine danesi, e, un minuto prima della mezzanotte, i Babbi Natale che lo conducono regalano bottiglie della birra di Natale. Ma non sono solo Tuborg e Carlsberg che producono la birra natalizia, tutti i microbirrifici che sono nati in questi ultimi anni fanno la birra di Natale. Da assaggiare!

Nella piazza di Amagertorv, con la fontana delle cicogne, domina il complesso di Royal Copenhagen, un triumvirato architettonico risalente al XVII secolo, collegato con corridoi interni, che contiene meravigliosi disegni indelebili su argento, porcellana e cristallo. È l’occasione per acquistare un piatto di Natale della Bing & Grøndahl, oppure le posate da dessert decorate con un disegno particolare, una tradizione natalizia che risale al 1910. La Casa di Cristallo e il negozio ammiraglio di Georg Jensen (di fianco al negozio di antiquariato di Georg Jensen), rappresentano l’incarnazione moderna dell’architetto danese Torsten Thorup.

Nella Casa della Porcellana di Royal Copenhagen, di stile rinascimentale, noti personaggi danesi apparecchiano e addobbano delle tavole natalizie, una tradizione che continua dal 1963. Al secondo piano dell’edificio, la merce di seconda mano è venduta con uno sconto che varia dal 20% fino al 50%, l’occasione per acquistare molti articoli, che si possono regalare in qualche occasione futura. La pasticceria di Royal Copenhagen è fornita di dolciumi tradizionali, come i croccanti, i biscotti scuri o quelli aromatizzati allo zenzero, ideali con una tazza di cioccolata fumante.

Proseguendo lungo lo Strøget, vale la pena di fermarsi a Illum Bolighus, centro del design danese, e al negozio di Natale ispirato alla campagna, pieno di cesti ornamentali, alberi in miniatura fatti di cristallo, animali di paglia in dimensioni quasi reali e decorazioni particolari create dall’artista danese Jette Frölich.

Al numero 15 di Frederiksberggade, si trova il Mercato dei Maglioni, un magazzino di maglioni caratteristici scandinavi, mentre sul lato opposto della strada c’è la Casa dell’Ambra (il Museo e il negozio sono in Kongens Nytorv). Da lì si gira in Strædet, piena di negozi di antiquariato, per raggiungete poi il National Museum, in Ny Vestergade 10. Nel museo si trova un grande negozio, dove si possono acquistare riproduzioni di gioielli vichinghi in argento, oro e bronzo, gioielli in ambra e modelli di castelli, di villaggi medievali e delle navi vichinghe.

Dal museo si raggiunge H.C. Andersen Boulevard e la Ny Carlsberg Glyptotek, restaurata e riaperta completamente recentemente e nota per le sue collezioni di arte moderna francese e danese (ha anche un’elegante caffetteria). Proseguendo si arriva al negozio del Museo del Tivoli, fornito di soldatini, di puzzle in legno e di infiniti altri oggetti danesi, tra cui il francobollo di Natale, la cui tradizione risale al 1904.

Di fronte, un abete solitario, coperto di luci bianche e di cuori di carta in continuo movimento, riempie la piazza del Municipio, restaurata nel 1996. Le melodie natalizie, provenienti da uno speciale sistema di diffusione musicale, si aggiungono a questa atmosfera così festosa.

Alla libreria Boghallen, che si affaccia sulla piazza dall’edificio del quotidiano danese Politiken, si possono acquistare tutte le fiabe del favolista Hans Christian Andersen.

Si deve poi seguire Vesterbrogade fino al Tivoli. Qui il percorso porta in mezzo a gaie e variopinte bancarelle, che vendono piccoli oggetti e souvenir. I bambini possono andare sulle giostre o fare un giretto sul pony, e anche quest’anno ci sarà una pista di pattinaggio su una parte del laghetto. L’atmosfera fa pensare quasi a una sagra, impregnata del profumo autentico delle torte e del gløgg, oltre che delle melodie natalizie familiari a tutti. Ci si può attardare con il menu tradizionale o accontentarsi di qualcosa da mangiucchiare velocemente in uno dei ristoranti del Tivoli.

Una fonte molto ricca di idee per un regalo, che rappresenta un vero tesoro per la Danimarca, è l’aeroporto di Copenaghen. I suoi negozi offrono un’impressionante varietà di prodotti, dai profumi firmati ai prodotti di Georg Jensen e Royal Copenhagen, ai mattoncini LEGO, persino la birra di Natale.

Per tutte le informazioni: www.visitdenmark.com






La vera letterina di Babbo Natale

 

Biblioteca di viaggio

Svezia
Le lunghe giornate estive illuminano le vibranti cittadine, dove storia e tradizione si sposano con un moderno fermento culturale...

Stoccolma
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli.

Stoccolma. Con cartina
A Stoccolma potrete incontrare: una lettura di poesie allo Street, il mercato e luogo di ritrovo più di tendenza di Sòdermalm...

Danimarca
Famoso per la sua politica progressista e per la tolleranza diffusa, questo piccolo paese offre al visitatore molto da vedere

Copenhagen. Con cartina
A Copenaghen incontrerete l'atmosfera hygge (piacevole) da vivere in compagnia; in un caffè all'aperto a lume di candela, i fuochi d'artificio del Tivoli, gli splendidi gioielli della corona nel fiabesco RosenborgSlot, ostriche e aragoste da gustare al Noma, ristorante premiato con due stelle Michelin, vedute da cartolina durante un'escursione lungo il pittoresco canale di Nyhavn, il tiepido sole del nord sulla pelle nella spiaggia dell'Amager Strandpark

Moleskine City Notebook Copenhagen
Un taccuino speciale destinato ai viaggiatori, per turismo o per lavoro, che vogliono organizzare il proprio viaggio e conservarne memoria, e ai residenti, che voglio organizzare le proprie informazioni sulla città in cui vivono.

Moleskine City Notebook Stockholm
Il taccuino, dotato di copertina cartonata con angoli ricurvi e chiusura ad elastico, è composto da 228 pagine di carta senza cloro, rilegate a punto refe, e dispone di una tasca interna a soffietto e di tre segnalibri di colori diversi.

Pippi Calzelunghe, piccola grande cuoca. Comfort food in salsa svedese
Chi, anche soltanto per una volta, non ha desiderato di essere seduto accanto a Tommy e Annika sul cassone della legna, davanti al fuoco scoppiettante, a guardare Pippi che ritaglia biscotti (almeno cinquecento!) o prepara frittelle di mele?

 

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage