HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Il Mudejar: itinerari nella Spagna meno conosciuta
C'è una Spagna meno conosciuta, antica e nuova, di architetture che fondono il meglio dell'arte cristiana, musulmana ed ebraica: è l'arte Mudejar

Che voi viaggiate in camper, automobile o moto, che siate appassionati d'arte o meno, questi itinerari sapranno sicuramente affascinarvi, coccolarvi, stupirvi e deliziarvi. Perfetti per le coppie, ma anche per le famiglie con i bambini che avranno di che divertirsi.

Le strade più rappresentative dell'arte Mudejar sono indubbiamente quelle della Castilla-Leon, la regione a nord di Madrid, ma l'essenza Mudejar si può cogliere nell'Andalucia, nella Murcia, nella Castilla La Mancha e in Aragona, persino in Madrid e fino al lontano Messico.

Ma cos'è l'arte Mudejar?

E' forse l'arte spagnola per definizione. Proprio così, perchè è l'arte della pacifica convivenza, l'arte che rappresenta una civiltà composta di tante religioni e stili di vita. E' l'arte che fonde il meglio delle architetture arabe e musulmane, elementi ebraici e navate cristiane. Ed è un'arte che si esprime non solo negli edifici rappresentivi religiosi, bensì anche nelle architetture civili, nei castelli e nelle fortezze, nelle torri, nei campanili, nelle case.
Gli elementi decorativi arabi esaltano le forme delle piante architettoniche cristiane e gli elementi decorativi cristiani esaltano le forme degli elementi architettonici tipicamenti arabi come l'arco a ferro di cavallo. E' dunque un'arte tanto decorativa quanto strutturale.

Mudejar e Mozarabico

La disputa, in Spagna, è aperta: per alcuni Mudejar e Mozarabico sono termini sinonimi, mentre altri studiosi dell'arte ritengono siano termini complementari, indicando con Mudejar quell'arte nata da autori musulmani che hanno subito influenze artistiche cristiane, e mozarabe architetture opere di autori cristiani che hanno utilizzato elementi mutuati dall'arte araba. Questi ultimi distinguono così le chiese con absidi decorate ad archi nella parte esterna, come ad Olmedo, opere Mudejar mentre architetture con all'interno arcate a ferro di cavallo, come il Monasterio di San Miguel de Escalada, come mozarabe.

Olmedo, nel cuore dell'arte Mudejar

Olmedo deve il suo nome all'abbondanza di olmi che esistevano alla sua fondazione. Fu uno dei villaggi conquistati da Alfonso VI prima del 1085 ed è oggi un museo a cielo aperto dove poter apprezzare la vista castigliana. Il paese, racchiuso da antiche mura è anche patria delle cicogne che in primavera e in estate soggiornano qui, sopra i tetti di case, castelli e chiese!
Le feste più importanti, occasioni per visitare questo bellissimo paese, sono San Miguel y San Jerónimo il 29 e 30 de Settembre e il 10 ottobre, giorno in cui ricorre l'inconorazione de Nuestra Señora la Virgen de la Soterraña. Qui si trova anche il Parco Pasion Mudejar dove potrete fare un viaggio nelle miniature delle più rappresentive miniature Mudejar della zona.
Potete fare una visita virtuale di Olmedo cliccando qui.
Un ultimo appunto: qui si trovano moltissimi posti dove dormire e mangiare, è il punto di partenza ideale per le escursioni. Se volete portare con voi un assaggio di questa terra di Castiglia, fermatevi al Bar Arsal vicino all'ingresso del Parco e chiedete un panino con Chorizo a la plancha e uno con Lomo a l'oregano, sono entrambi caseri, ovvero artigianali, sia il pane che i salumi, e accompagnate con un buon bicchiere di vino tinto del Duero... non ve ne pentirete.

Viaggiando tra piccoli paesi

Con un mezzo proprio organizzate un itinerario che tocchi una serie di paesi; tenete conto che spesso chiese ed architetture meno note sono chiuse, ma niente paura: chiedete alle oficinas de turismo come fare per visitarle, vi indicheranno chi fa da custode.

Primo itinerario: nel cuore del Mudejar

Si comincia da Arevalo: il paese è nettamente distinto in una parte più moderna e nel centro storico, racchiuso da mura; l'ufficio del turismo è sotto l'arco della porta principale. Il castello rimane un pò più fuori. Tutto il centro storico è in fase di restauro e mantiene tutto il suo fascino. Non perdetevi la chiese Mudejar e romaniche di San Martin, Santa Maria, San Miguel e Salvador. Proseguite verso Madrigal de las Altas Torres, dove potrete apprezzare le mura della città e la chiesa di San Nicolas. Spostatevi quindi a visitare il Castello Mudejar di Coca, visitabile all'interno e davvero molto suggestivo. Passando da Olmedo dirigitevi verso Medina del Campo, dove potete visitare l'altro grande castello Mudejar di Medina.

Secondo itinerario: il gioiello di Tordesillas

Tordesillas è un piacevole paesino da cui si godono splendidi panorami; è infatti un paese che si erge in collina rispetto all'altopiano di Castilla, cosa che sta all'origine del suo nome "Otero de siellas" ovvero poggio delle selle. Ma il gioiello di questo luogo è indubbiamente il convento delle Clarisse, visitabile a pagamento. E' una piccola Alhambra, dove si fondono arte cristiana e mozarabica, con archi, patii e soffitti d'oro da non perdere.

Proseguite poi verso nord a visitare Sahagun con la chiesa di San Tirso e il Santuario della peregrina, San Pedro de Las Duenas e il suo monastero, Santervas de Campos e la sua chiesa, Villanon de Campos e la sua San Miguel, Mayorga de Campos, VillaPando e Toro.
Nella provincia di Valladolid trovate ancora Cuellar, il castello di Pedraza, il castello di Turegano, Castilnovo, Matapozuelos...

Terzo itinerario

Il terzo itinerario è quello che farete voi, girellando in questa terra meravigliosa! Una nostra piccola scoperta è stata la Iglesia de Santa María di Wamba, paesino di 390 anime, davvero meravigliosa, mozarabica. Toccando le città più note del Mudejar avrete occasione infatti di incontrare poi diverse indicazioni verso "Ermitas" ovvero piccole chiese solitarie poste in mezzo alle distese dell'altopiano. Sono generalmente edifici di una navata, con abside finale e un porticato mudejar su un lato. Fermatevi 10 minuti sotto questi porticati e lasciatevi trasportare dalle centinaia di diverse specie ornitologiche che popolano queste terre...
Qualche esempio? L'Ermita di Matapozuelos, quelli vicino Medina del Campo, Medina del Rioseco, Peñafiel, Quintanilla de Onésimo, l'Ermita de San Roque, l'Ermita de los Judíos, San Juan de Baños, San Cebrián de Mazote, San Baudelio de Berlanga, San Miguel de Escalada, Santa María de Lebeña, Santiago de Peñalba...

Non solo Mudejar!

Visitando tutti questi paesi, non mancate di vederne anche la Plaza Mayor, la piazza principale e magari entrare in un baretto per tapas o in una pasteleria per la merienda. Inoltre, guardatevi intorno: accanto alle grandi architetture vedrete l'edilizia civile residenziale, che in molti paesini, e comunque sempre nei centri storici, riflette la tipica casa castigliana. Al piano terra si ha un porticato con colonne, di legno o di granito; dal porticato si accede all'ingresso della casa, che si sviluppa al piano superiore. In facciata permangono le tipiche travi in legno a vista usate anche come rinforzo delle pareti, poste in diagonale.

Una visione d'insieme

Se volete approfondire questo affascinante tema esiste una sola pubblicazione italiana in merito, che saprà darvi una visione d'insieme tanto del Mudejar quanto dei luoghi e degli itinerari punto per punto: L' arte mudejar: l'estetica musulmana nell'arte cristiana. Spagna







 

Biblioteca di viaggio

Spagna settentrionale
Castiglia-León, Barcellona, Catalogna, Andorra, Aragona, Paese Basco, Navarra e La Rioja, Cantabria e Asturie, Galizia...

Spagna centrale e meridionale
La guida segnala le feste che rendono particolare il viaggio, offre dettagliati percorsi a piedi, con indicazione delle distanze e della percorrenza, orari aggiornati di musei noti e meno noti.

Barcellona
Barcellona è e non è Spagna: la seconda città spagnola dopo Madrid è anche la capitale della regione autonoma della Catalogna...

Madrid. Con cartina
Una città che "sprizza" vitalità, energia e dinamismo e che esprime la propria essenza nel movimento che anima le sue strade: da vivere forse ancor più che da vedere...

Moleskine pocket. City Notebook Madrid
Un taccuino speciale destinato ai viaggiatori, per turismo o per lavoro, che vogliono organizzare il proprio viaggio e conservarne memoria...

Storia politica di Euskadi ta Askatasuna e dei Paesi Baschi
La storia di un'organizzazione armata che dal 1959, anno della sua nascita, non ha mai cessato di sparare...

Il Cammino di Santiago. Con DVD
"Il Cammino di Santiago" racconta il viaggio del narratore Paulo lungo il sentiero dei pellegrini che conduce a Santiago di Compostela, in Spagna. Un libro del grande Paulo Coelho

La via di Santiago
Per Natalino Russo, che ha percorso il Camino de Santiago lungo tre itinerari diversi, le convinzioni iniziali si sono andate trasformando di tappa in tappa...

Andalusia
Emozionante, piena di colore e di vita, l'Andalusia rispecchia questa sua caratteristica vivacità soprattutto in quella particolare forma d'arte che è il flamenco...

Siviglia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi

Valencia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi di ristoranti, caffè, sale da tè e da concerto, bar, teatri, negozi, mercati, alberghi.

Ibiza e Formentera
Ibiza è una delle capitali del divertimento mondiale: questa fama rischia però di oscurare le bellezze naturali dell'isola, che vanta magnifiche spiagge ancora incontaminate e un entroterra ricco di boschi.

Isole Canarie
Dalle isole occidentali, meno conosciute, al Parque Nacional de Garajonay, sito dichiarato Patrimonio dell'Umanità, dal vulcano di Tenerife alla Cueva de los Verdes di Lanzarote

Tenerife
Hotel, appartamenti, ristoranti e tapa-bar illustrati nel dettaglio e con l'indicazione dei prezzi. Informazioni sulle cose da vedere, le gite, i divertimenti, lo shopping e gli sport.

Fuerteventura
Attirati dalle fiestas, dalle discoteche e dai club aperti fino a tardi, dai parchi acquatici e dai campi da golf, i turisti esplorano in ogni stagione l'esuberante Fuerteventura...

Il libro delle tapas
"Il libro delle tapas" propone un'imperdibile raccolta di semplici ricette originali di tapas, dai gambas al ajillo, i gamberi all'aglio, alla tortilla de patatas a la espanola, la tornila di patate alla spagnola. Scritto da Simone e Inés Ortega, con un'introduzione del celebre chef di tapas spagnolo José Andrés, il volume dimostra quanto le tapas siano versatili e gustose.

3000 anni di cucina spagnola
Questo libro ha l'ambizione non solo di far conoscere e provare tutto (o quasi) ciò che si gusta e si cucina in Spagna, dalla Catalogna alle Baleari, dai Paesi Baschi a Siviglia, dall'Estremadura ai Pirenei, ma di raccontarne la storia, dalle origini...

... e tutti i film sulla Spagna, cliccando qui!

 

 

 

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage