HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
In moto attraverso i Pirenei
Sapori, colori, profumi celebrati e vissuti da molti pittori...

Nice - Cote d'azur
Prima tappa del nostro viaggio in moto (in due più bagaglio in forma di tensostruttura su una XT 600 Yamaha). Nizza è una bella cittadina ma, non appena arrivati, ci rendiamo conto di una dura realtà: è una città per ricchi. Infatti, dopo inutili ricerche per trovare un posto economico dove dormire (il minimo che abbiamo trovato è 50 fr per una camera, l'equivalente di 100000 lire), decidiamo di ripararci dalla pioggia in un bar per prendere una birra. Ce ne pentiamo quando arriva il conto:60 fr. La sera, tutti incappucciati, decidiamo di mangiare in centro. L'unico posto abbordabile, in piazza Rossetti, è stracolmo di turisti, ti fanno mangiare in fretta per mandarti via. Senso di squallore. Per ascoltare un po'di musica in un pub devi pagare l'entrata. Nonostante tutto il centro è bello di sera. La cattedrale di S.ta Reparata, del XVII, la piazza del marché aux fleurs, la promenade des Anglais.

Nizza offre parecchi eventi culturali. C'è il museo Matisse e il bel museo d'arte moderna e contemporanea, costituito da quattro torri in marmo grigio collegate da passerelle in vetro oscurate da tende a rullo. La copertura offre una passeggiata sui tetti ricurvi e ponti che portano a punti panoramici da cui si può vedere tutta la città. La collezione permanente di questo museo comprende opere di avanguardie europee e americane dagli inizi degli anni '60, opere di Calder, Mirò, Kandinkij. Nel pomeriggio saliamo a Mont Alban, una collina di 222 metri che sovrasta la città, piena di lussuose ville inizio secolo, da cui si coglie tutta la costa azzurra, a partire dall'Italia (Bordighera), Cap d'Ail, Saint-Jean Cap Ferrat, Baie des Anges, fino alla Garoupe ad Antibes. Stanchi morti, torniamo in centro per concederci un bel pollo in un giardino pubblico, in puro stile barbone.

25 luglio Provence
Saggio abbandono della costa. Ci dirigiamo verso monte. Aix-en-Provence, deliziosa stazione climatica, un tempo capitale della Provence. Arriviamo ad Arles di sera, giusto in tempo per piantare la tenda in campeggio. C'è aria di temporale, il cielo è torvo. Al nostro arrivo ci accoglie una nidiata di bambini. Sembrano zingari, non capiamo cosa vogliono. Sospetto: siamo finiti in un campo nomadi. Scopriamo poi che sono i figli di ospiti del campeggio, alcuni tunisini, altri francesi. Il camping è bello, in mezzo al verde, con piscina. L'unico problema è che ci sono migliaia di zanzare assatanate, forse per la presenza del fiume. La sera Arles è carina, piena di café e bistrot dai colori che richiamano i quadri di Van Gogh che visse lì prima di impazzire.

26 luglio Arles - Provence
La mattina facciamo un giro per i monumenti: Crittoportici Galleria sotterranea a ferro di cavallo di 89 m di lunghezza e 59 di larghezza delI sec a. C.. Anticamente si trovava nel foro romano, luogo che riuniva le funzioni amministrative, giudiziarie, economiche e religiose. Era uno spazio sacro e fa parte di una serie di opere di consolidamento del sottosuolo. Ogni braccio è composto di due gallerie di 3,90 m, coperte a botte. Il tutto è di grande effetto scenico, illuminato dall'alto e con fenomeni di eco.
Musée Arlaten: Museo delle tradizioni provenzali, con belle dame in costume che leggono alla finestra. Mi ha incuriosito il Tarasque, mostro mitologico usato per la processione di Santa Marta a Tarascon (XIX sec.).
Aliscamps
Necropoli romana e paleocristiana, tappa del pellegrinaggio di S. Giacomo di Compostela. Anfiteatro romano Costruito nell'80 d. C., conteneva 20000 spettatori. Superbo! Teatro romano Terme di Costantino Chiesa e chiostro di St. Trophime (XII-XIV) Magnifica facciata romanica. Il chiostro è in parte gotico e in parte romanico. Il posto è splendido, l'atmosfera silenziosa.
Ponte di Van Gogh Ad Arles Van Gogh impazzì. Si tagliò un orecchio dopo il tentato omicidio del suo amico Gaugain. Questo ponte, oggi ricostruito, fu dipinto da lui nel 1888. Nel pomeriggio decidiamo di uscire da Arles e ci dirigiamo verso la costa, nella selvaggia Camargue. Visitiamo la riserva naturale dello stagno di Vaccares, pieno di fenicotteri rosa.

27 luglio - Provence - Pirenei
Viaggio. Arrivo a Nimes. Passaggio d'obbligo dalla maison carrée e dal carré d'art.
Montpellier. Sete, dai bei canali. Città di porto, vediamo sbarcare i pescatori, inseguiti da stormi di uccelli. Pesci a palate. Narbonne. Si va verso i Pirenei, passando dalla costa, non molto bella e molto turistica. Attraversiamo Perpignan, sembra carina ma non c'è dove dormire. A Estagel troviamo un bel camping municipale, dove non ci fanno pagare. Sembra di essere nel paese incantato. La Tour de France, lì vicino, è il posto con la gente più buona d'Europa. Cerchiamo il pane e ce lo vogliono regalare, cerchiamo da mangiare e ci invitano nelle loro case a mangiare. Il posto del silenzio e dei sorrisi.

28 luglio Couserans-Ariège-Pyrénées
Viaggiando vediamo un borgo medievale a ridosso di un fiume. Ci colpisce. Decidiamo di fermarci. Il suo nome è St.Lizier. Rimango colpita dalle case tipicamente medievali, con l'armatura in legno (facade à colombages, étage à encorbellements) a vista. La chiesa romanica di Saint Lizier, con chiostro (XI), è splendida e penso lo debba essere anche il palazzo dei vescovi (XVII), che troviamo chiuso. Ci incamminiamo un po'più in là, verso le campagne, e troviamo un paesino fantasma, Mont S. Jean, in cui ci accoglie straniato l'unico abitante. Sembra di tornare al Medio Evo. Troviamo una camera dove dormire a St. Girons, un paesello di origini medievali lì vicino. Non ci resta che piangere, puzzoso di gatti, allevati dalla 90enne madre del gestore. Non parliamo poi del gestore e dei clienti dell'albergo che sembrano barboni, e del bagno, che risale a qualche secolo fa. Ovviamente rifiutiamo di farci preparare la prima colazione. Usciamo. Fuori c'è la festa del paese, che stranamente non mi dà un senso di squallore. Tantissimi colori. Mele candite. Merguez.

29 luglio Pyrénées- Paesi Baschi
Passaggio per Pau, una graziosa stazione climatica. Visitiamo il castello, costruito dagli arabi ma ampliato fino al XIX sec., dopodiché pausa in un'esotica sala da thé al sole, in cui scorgiamo una donna anziana, che scrive nel suo taccuino, forse spagnola. Sembra una scrittrice. E'dolce il clima a Pau, e le persone sono gentili. Proseguiamo per i Paesi Baschi, prima francesi e poi spagnoli. Il paesaggio è splendido. I pirenei hanno forme più dolci delle alpi. Fermata a Roncisvalle, Chanson de Roland. Per caso assistiamo ad un matrimonio basco. La sposa è in giallo. Le donne vestono preziosi abiti di broccato e un immancabile scialle scuro. Gli uomini formano una corpo triangolare sulla scalinata e sono in nero come tanti zorro. Roncisvalle è pure luogo del pellegrinaggio di S. Giacomo. I pellegrini moderni vi dormono in sacco a pelo. Entrare nella chiesa, con le sue splendide vetrate, durante la cerimonia toglie il fiato. In serata arriviamo a Pamplona, troviamo una bella camera in calle Nueva. La sera è una cittadina molto vitale. Purtroppo però la festa dei tori di S. Firmino è da poco finita.

30 luglio - Pamplona Navarra Pirenei
In mattinata, dopo una colazione a base di cerveza e tortilla, andiamo al museo di Navarra, che offre collezioni antiche e moderne (dalla preistoria al XX sec). Pausa nei prati verdi della Ciutadella, una delle fortificazioni più belle che io abbia mai visto. La sera si mangia il menù completo (da ricordare la paella e il cordero alla cilindron). Conosciamo un camionista e sua moglie , molto simpatici. Tra un bicchiere di vino tinto e l'altro si parla dell'essere spagnoli, del senso della corrida, come prova di coraggio dell'uomo, che si confronta con l'animale, molto più forte di lui.

31 luglio Pamplona Navarra Pirenei
Visita a Elizonde. Sulle montagne volano grandi gruppi di aquile. Cacciano insieme. Paesaggi mozzafiato. Scorgiamo pure un gruppo di cavalli selvatici. Andiamo a St.Jean Pied de Port, un posto che ai tempi in cui ci passò S. Giacomo doveva essere molto bello, ma che oggi è iperturistico. Il borgo è medievale, cinto da alte mura e attraversato da un fiume (sul quale c'è un bel campeggio). La gente vi si bagna. Penso a Renoir.

1 agosto Paesi Baschi - Cantabria
Si passa per le zone più brutte di questo viaggio. I paesi Baschi sono poveri, e si vede. C'è anche un clima ostile. I cartelli stradali sono bucati da pallottole. Abbiamo scelto il periodo sbagliato per dirigerci verso il mare. C'è una perturbazione atlantica. Arriviamo a St. Ander, città elegante ma con poca storia. Tutto il centro è stato distrutto. Le spiagge sono immense, molto belle, di un colore dorato. Guardandole sotto la pioggia, i colori sono quelli di un acquerello impressionista. Il mare è ricchissimo di pesce, che però da queste parti costa troppo per essere mangiato.

2 agosto Bilbao
Decidiamo di passare una giornata al Guggenheim museum di Bilbao, l'unica cosa, assieme ai ponti (bello quello in plexiglas di Calatrava), che vale la pena di vedere nella capitale basca. Il problema è che trovare un albergo economico a Bilbao è quasi impossibile. Dopo ore riusciamo ad entrare nel museo. E'splendido! Gehry ha concepito questa grande scultura di 32500 mq per Bilbao, posta in un centro ideale tra il museo di belle arti, l'università e il teatro. Da un lato si insedia 16 m sotto il piano di campagna e dall'altro è attraversato dal colossale ponte de la salve, punto di arrivo in città. Infatti il museo si vede già da lontano, quando si entra in Bilbao. La struttura è in acciaio, rivestita in pietra calcarea (che si intona perfettamente col colore della facciata in grès dell'università), vetro e lamiera di titanio. Il vetro è un vetro speciale che protegge dal calore e dalle radiazioni. Le lastre di titanio, simili a scaglie di pesce, sono spesse mezzo millimetro e garantite per durare 100 anni. Per entrare nel museo bisogna scendere per una grande scala, al contrario di quanto si fa in genere. Di solito infatti le scale sono ascendenti, per rinforzare l'enfasi. Magnifico l'atrio, di 55 m di altezza, una volta e mezzo la rotonda di Wright. Il museo ha 11000 mq di spazio d'esposizione, diviso in 9 gallerie di forma rettangolare, classiche, identificabili all'esterno grazie al paramento in pietra e 9 sale irregolari, riconoscibili dal paramento in titanio. Tutte le sale sono illuminate con luce naturale, proveniente da vetrate zenitali, che viene diffusa da tende.

3 agosto Aragona - Saragozza
Dopo una visita a Victoria Gasteiz arriviamo a Saragozza. Victoria è una bella città basca, dall'aria un po'decadente. Come a Tolosa, si respira un clima di tensione fortissimo. La gente ti guarda male, parla sottovoce perché ha paura. Ho sentito parlare di liste nere in cui sono iscritti i non simpatizzanti dell' ETA. Si vedono dappertutto striscioni del tipo preso il compagno e contro il governo. Abbiamo fatto bene a scappare. Peccato!
4 agosto Saragozza
Di mattina andiamo a piedi alla piazza del Pilar, una splendida piazza rettangolare che deve il suo nome alla maestosa basilica del Pilar. Visitiamo la cattedrale, la Seo del Salvador, in stile mudejar, il gotico arabeggiante spagnolo. La chiesa fu edificata inizialmente in stile romanico, nella seconda metà del XII. Della prima fondazione restano solo delle absidi. Tra il 1316 e il 1319 si costruisce il nuovo tempio gotico, rivestendo la facciata di azulejos. All'interno la Seo è preziosissima. Il pezzo più bello è il Retablo Major, del 1400, in alabastro policromo. Pomeriggio: museo Aznar, in cui si trovano le belle incisioni di Goya. I Capricci riflettono una visione di conflitto tra l'uomo e la società spagnola del tempo. Si tratta di 80 pezzi, tra acqueforti, acquetinte e bulini.I Disastri narrano della guerra, dell'inverno crudele tra il 1811 e il 18, e c'è poi la critica a Ferdinando VII.I Disperati presentano forti contrasti di luci e ombre.La Tauromachia è una magnifica visione della fiesta de los toros.

5 agosto SaragozzaAljaferìa
Corte aragonese Visitiamo questo splendido palazzo di origine araba (costruito durante la dominazione Ommayade), a pianta quadrangolare, rinforzato da grandi torrioni semicircolari.Asso miglia ad un castello musulmano del deserto.La costruzione del castello continuò nel medioevo e dopo divenne sede della corte di Aragona.Oggi è sede del governo.

6 agosto Ruta de Goya Calatayud
Decidiamo di percorrere i luoghi di Goya. L'Aragona è un territorio desertico, da Far West. Le rocce hanno lo stesso colore del terreno, ocra.Tra le insenature dalle forme scolpite dal vento e dalla pioggia, sono incuneati paesini dai colori sempre rossi e bianchi. Tra questi Fuendetodos, dove nacque Goya in un'umile casa. Daroca, con le sue torri arabe.Il tutto è accompagnato da stormi di aquile e dal fiume Ebbro, dai colori da cartolina anni 50.Infine raggiungiamo l'ultima tappa di questo itinerario, Calatayud, dove si trova il superbo Monasterio de Piedra. Questo monastero era un castello arabo, conquistato da Alfonso d'Aragona nel XII. Questi lo regalò ai monaci cistercensi del monastero di Poblet, che fondarono un monastero molto simile a quello da cui provenivano, riutilizzando le pietre del castello arabo. I monaci vi restarono fino al 1835.Bella la sala capitolare, in cui i monaci discutevano di problemi economici, si confessavano e ricevevano la punizione.Questo era l'unico luogo dove si parlava.La chiesa è ormai un rudere.Si visita poi la cripta, la cantina ( il vino viene prodotto ancora), il chiostro, la cucina, dove per la prima volta in Europa si cucinò il cioccolato, quindi un luogo di pellegrinaggio per me. Fray Aguilar, partito con Hérnan Cortés per l'America tornò infatti con la ricetta in regalo per l'abbate del monastero.La cosa più bella di tutte però è il parco, con le sue cascate, pur essendo un luogo confezionato a puntino per i turisti.La zona è molto ricca d'acqua, tanto che anche il campeggio si trovava vicino un bel laghetto con sabbia rosa, grotte e una strada abbandonata nel mezzo di una palude secca.

7 agosto Aragona Catalogna
Partiamo verso le lande desertiche della laguna di Gallocanta, posto famoso per la presenza di uccelli migratori. Peccato che non è il periodo in cui questi uccelli vi si posano. Penso che siamo gli unici stranieri nel raggio di un centinaio di chilometri. Ci perdiamo. Chiediamo informazioni ad un signore con sombrero e bastone che passeggia sbracato. La laguna è fango celeste secco, tra campi di grano, di girasole, terre rosse e d'oro. In serata arriviamo a Lerida, graziosa città al confine con la Francia, con una splendida cattedrale gotica , somigliante ad un dongione, ma riccamente decorata.

8 agosto Toulouse Midi Pirénées - Albi.
Passiamo da Toulouse. Sembra molto bella, ma è anche piena di barboni. Decidiamo di viaggiare ancora e di fermarci ad Albi, dove troviamo un bel camping in città, ma immerso nel verde.

9 agosto Albi- Languedoc
La cittadina è incantevole, molto panoramica, con i suoi ponti sul fiume Tarn. Visita al museo Toulouse Lautrec, nel castello dei vescovi, il palazzo della Berbie, in mattoni rossi. Henri nacque ad Albi nel 1864. Alla sua morte la famiglia decise di donare alla città 600 opere del maestro, dalle prime, alle più famose., quelle dei cabaret, bordelli e café, di cui fu un assiduo frequentatore, a Parigi, dai 19 anni in poi.

E'incredibile quanti ritratti ci sono della madre, una nobildonna, forse il suo unico vero amore. Visita della cattedrale gotica: fu costruita tra il 1282 e il 1380. Le sculture del coro, chiuso da mura che separavano i cantori dai fedeli, sono del 1485 e rappresentano scene dell'antico testamento all'esterno e del nuovo all'interno, mentre le pitture della volta e dei muri sono cinquecentesche. Ci fermiamo ad ascoltare un concerto per organo di Bach, l'organo è magnifico, ricco di statue. Risale al 700 . Mi concentro sull'affresco delle pareti dell'abside. Fa pensare al Trionfo della morte di Palermo. Rappresenta Paradiso, Purgatorio e inferno.

10 agosto Ganges
Continuiamo a viaggiare fino alla Languedoc. In serata arriviamo a Ganges. Facciamo un bagno nel fiume e troviamo un camping vicino Laroque, un borgo medievale. Il posto è bello, pieno di alberi simili a quelli dipinti da Klimt e al bordo del fiume Hérault.
11 agosto Ganges- Languedoc
Di mattina, dopo una puntata al mercatino di Ganges, ci dirigiamo verso la grotta des demoiselles, che si trova nelle vicinanze. Questa grotta si trova nel massiccio del Thaurac. Nel 1929 la società dei siti e monumenti del Languedoc Méditerranéen decise di forare un tunnel nella montagna e di costruire una funicolare e una serie di scale per consentire l'accesso ai turisti. Fino a questa data vi si penetrava attraverso una buca. Si narra che un pastore, vittima di una caduta mentre cercava una pecora smarrita, tornò al villaggio raccontando di avervi visto migliaia di fate danzanti. Da quest'episodio la si chiamò grotta delle fate o delle signorine. Entrando si vedono parecchie cavità (la visita dura un'ora, ma ce ne vorrebbero 16 per girare tutta la porzione fino ad oggi esplorata), dalle concrezioni più svariate . Poi, attraverso uno stretto tunnel si entra nella Cathédrale des Abimes, 52 m di altezza, 80 di larghezza e 120 di lunghezza, in cui sembra di vedere una serie di organi, dei doccioni, la volta di una chiesa, ed una meravigliosa stalagmite in forma di una Vergine col bambino. Si vede pure una grande colonna, risalente a 200000 anni fa. L'effetto sorpresa è mozzafiato! Si arriva infine alla sala della musica in cui, per stalagmiti che formano casse di risonanza, si possono suonare dei tamburi e un'arpa.

12 agosto Draguignan
Passiamo per S. Rémi, in Provenza, dove fu ricoverato Van Gogh. Pranziamo là, oggi è la festa dei Tori. Mangiamo carne di toro in un bel localino dove suona una famiglia di trombe. Il toro ci resta sullo stomaco, si vede che non gli andava di essere ucciso alla corrida. Visitiamo il mercato e la bella chiesa di St. Martin, di stile neoclassico, costruita all'inizio dell'800. Assomiglia a S. Pietro. Dopo un passaggio per le gole del fiume Verdon, posto magnifico, arriviamo sulle alpi della Costa Azzurra e già si respira un'aria snob. In serata ci fermiamo in uno splendido camping nel parco di un castello, con un piccolo zoo all'interno.
13 agosto Bar sur Loup Alpi della Costa azzurra
Anche i campeggi qui sono lussuosi. Siamo in un posto splendido di nature, sulle gole del fiume Loup, che visiteremo nel tardo pomeriggio. Per ora andiamo ad Antibes, sulla costa, per goderci un po'di mare e vedere questa bella cittadina dove stette Picasso. Il mare è così così ma la cittadina è bella, la più bella della costa azzurra. E' cinta da mura medievali, che formano pure il caratteristico port Vauban. Per le strade colorate e piene di fiori si sente il tipico odore di lavanda. I negozietti sono pieni di tessuti provenzali dai colori dei campi di girasole, del mare e della lavanda.

14 agosto. Tutto finisce, anche il nostro viaggio.

 







 

Biblioteca di viaggio

Francia centrale e settentrionale
Questa parte del paese ospita Parigi e la Bretagna, le spiagge normanne del D-Day, il monumento più visitato di Francia...

Francia meridionale
Tra le città più grandi nel sud la bella Lione, e poi piccoli gioielli architettonici e artistici in Provenza, le passeggiate e spiagge della Costa Azzurra, la natura selvaggia della Camargue

Parigi con cartina
Centinaia di fotografie, illustrazioni e cartine. Quattro giornate a tema. Otto itinerari a piedi per scoprire la città. Alberghi, ristoranti e mercati.

Parigi da impazzire. Tutte le cose più belle da fare e da vedere almeno una volta nella vita
Parigi offre ai suoi visitatori molto più di quanto comunemente si creda. Questo volume conduce il lettore alla scoperta di luoghi, monumenti, musei, negozi e quartieri perlopiù trascurati dalle guide tradizionali, e di molte altre seducenti attrattive che renderanno il suo viaggio nella capitale francese indimenticabile.

Bretagna e Normandia
Che siate in cerca di paesaggi mozzafiato o di cibi deliziosi, di chiese medievali o di monumenti antichi, di un romantico albergo o di un ottimo ristorante, questa edizione vi fornisce tutto il necessario per rendere il vostro viaggio indimenticabile.

Francia del Nord
Le Rough Guides sono le compagne ideali per il viaggiatore che vuole scoprire e conoscere a fondo la realtà che lo circonda. Come un'amica del luogo sempre informata e brillante, la Rough della Francia del Nord offre notizie dettagliate e consigli pratici, con uno sguardo mai superficiale sulla storia, l'arte e le tradizioni.

Corsica
Fondali marini limpidi e turchini, coste frastagliate e ricche di cale e porticcioli, il profumo della macchia mediterranea sulle alture di Balagne e di Capo Corso, faranno la felicità dei visitatori dell'isola, dagli escursionisti...

Provenza dalla A alla Z
Chi ama la Provenza, i suoi piaceri e i suoi divertimenti trova da sempre in Peter Mayle una guida affidabile, piacevole e amena: le sue pagine sono ricche di notizie utili, ma anche di curiosità e indiscrezioni.

Formaggi di Francia. 180 specialità da conoscere
180 specialità da conoscere. Il patrimonio caseario francese raccontato e illustrato: tipologia, luogo di origine, modi di produzione, caratteristiche organolettiche di tante specialità.

Dolci francesi
Dalla famosa pesca Melba al soufflé, passando per dolci al cucchiaio e crostate, tutto quello che di buono ha da offrire la tradizione dolciaria francese in un libro essenziale e pratico. In una sola parola - delizioso!

Vini francesi. Vitigni, regioni, degustazione, cantine, annate
Un viaggio affascinante nella storia e nelle tradizioni delle regioni vinicole francesi, per imparare a conoscere e ad apprezzare i loro prodotti, esportati in tutto il mondo. Come trovare, degustare e abbinare alcuni tra i vini più prestigiosi disponibili oggi sul mercato.

... e tutti i film sulla Francia, cliccando qui!

 

 

Questo itinerario è stato proposto da Elenia, puoi contattarla:
HomePage