HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie, cittadina con circa 5.500 abitanti è situata nella media valle del fiume Esino. Terra ricca di tradizione che si coniuga con la passione di una popolazione legata ancora alle sue origini.

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

L'antica fornace di Moie

L'antica fornace di Moie

L'antica fornace di Moie

L'antica fornace di Moie

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

Moie e la sua insigne Abbazia (AN)

L'origine dell'insediamento è legato alla bonifica e alla colonizzazione del fondovalle, cui diedero il primo impulso i monaci che fondarono l'abbazia di S.Maria.

L'abbazia emblema di Moie, era ubicata in mezzo alla selva detta Santa, al margine della riva sinistra dell'Esino, con la tipica moja (zona paludosa) da cui il nome dell'abbazia stessa e successivamente del centro abitato.

Altra testimonianza della località era il Castrum Mollearum, posto nei pressi dell'abbazia, ma del quale non resta nessuna traccia.

Santa Maria delle Moie: cenni storici

Situata sulla riva sinistra del fiume Esino e lungo l’antica via Flanbenga, l’abbazia di Santa Maria delle Moie fu probabilmente fondata all’inizio del sec. XI dalla famiglia Attoni - Alberici - Gozoni come monastero privato.
Sorta in mezzo a una vasta selva, l’abbazia costituì il centro di rinascita della zona.

L’abbazia si trovava in pianura nei pressi di una antica zona paludosa che si estendeva lungo l’Esino chiamata molie, da cui derivò il nome: in un documento del 1219 viene infatti chiamata Molie S. Mariae plani, con riferimento anche alla zona pianeggiante in cui era dislocata.

L’abbazia confinava con una zona boscosa indicata come Silva Carpineta; non lontano si trovava un ponte che consentiva il passaggio sulla riva destra del fiume Esino. Nei secoli XI -XII ricevette numerose donazioni: dal catasto del 1295 risulta che Santa Maria delle Moie possedeva una superficie di circa centosessantacinque ettari e quattro mulini.

La potenza del monastero benedettino crebbe comunque nel sec. XV quando raggiunse un’estensione di quattrocentoventotto ettari.

La chiesa fu restaurata nel 1524: lo testimonia una lapide sulla facciata occidentale.
Il restauro fu forse motivato dal cattivo stato delle torri medievali e comportò la trasformazione della parte superiore del corpo occidentale, dove venne collocata l’abitazione del sacerdote. Al 1524 risale anche l’attuale campanile.

Nel 1600 il vescovo diocesano Marco Agrippa Dandini elevò parrocchia la chiesa di Santa Maria delle Moie.

La struttura dell'Abbazia

La chiesa è composta da pietre squadrate di arenaria giallastra. All’interno è sorretta da quattro pilastri e articolata in tre navate, divise in tre campate: la navata mediana è sopraelevata e leggermente cuspidata.

A oriente tutte le navate terminano con un’abside semicircolare. Da questo lato le absidi, che si differenziano per altezza e profondità, evidenziano la forma basilicale della chiesa.

Due sono invece le absidi che sporgono verso l’esterno nel lato nord, decorate, come il cornicione, con gli archetti pensili in travertino bianco, in parte sostenuti da coppie di lesene semicilindriche coronate da piccoli capitelli senza decorazione.

Prima di entrare in chiesa è posto un atrio, di pianta quadrata e coperto a crociera, fiancheggiato da due ambienti dalla pianta analoga, il sinistro dei quali accoglie una scala a chiocciola. Il portale presenta una strombatura a colonne gradinate ed è decorato con intrecci di foglie e fiori.

Elementi storico-artistici

Gli elementi più interessanti della chiesa di Santa Maria sono le absidi e soprattutto la pianta (mt. 15x15 ca) che, basata sui quattro pilastri interni isolati, ricorda non tanto modelli bizantini quanto gli edifici triconchi paleocristiani e a pianta quadrata a croce greca iscritta altomedievali, diffusi in Italia e raccordati per la prima volta architettonicamente tra loro a San Claudio al Chienti.

Le caratteristiche dell’alzato di Santa Maria delle Moie, a navata centrale, a volte a botte acuta di poco più elevata delle laterali, e la facciata a doppia torre, hanno importanti precedenti nelle Marche.
Per quanto riguarda la tipologia il riferimento principale è la chiesa abbaziale di Santa Maria di Portonovo di Ancona.

Per quanto riguarda la facciata, che originariamente era a doppia torre, precedenti illustri in Italia sono la Cattedrale di Bobbio e San Giovanni a Como dove, come a Moie, la campata d’ingresso che si trova fra le due torri viene combinata con un matroneo.

La chiesa è dedicata alla natività di Maria e un quadro di tale soggetto ornava l’altare maggiore.

L'antica fornace di Moie

Un'opera di archeologia industriale presente nella cittadina di Moie.

La fornace è tornata a rivivere come centro di incontro comunitario attraverso nuove progettualità.
Vari sono i luoghi di aggregazione all'interno dell'area complessiva: biblioteca, caffè letterario, informa-giovani, sala Joyce Lussu, Gruppo Solidarietà con annesso Centro Documentazione. Tutti questi spazi vivono sotto lo stesso comune multiplo denominatore eFFeMMe23, che è l'acronimo di Fornace Moie, mentre 23 fa riferimento al 1923, l'anno in cui la fornace viene dotata del forno Hoffmann.

La Fornace da laterizi, cessata ogni attività nel 1974 ed entrata per lascito tra le pubbliche proprietà, ha subito, dopo un lungo iter burocratico e progettuale, un restauro conclusosi nel 2007, diventando un chiaro esempio di recupero di archeologia industriale.

La sua trasformazione in Biblioteca con servizi plurimi è ormai un frequentato e ricercato polo culturale.

L'aver mantenuto le volumetrie, la ciminiera ed il Forno Hoffmann del 1923, ne fa un luogo storico che perpetua il legame della storia sociale del luogo con i nuovi ruoli culturali che questo spazio offre alla popolazione e alle nuove generazioni.

A cura di Guerro Daniele, un appassionato di storia locale

TAGLIATELLE ALLA MOIAROLA

Ingredienti per 8 persone:

300 g. circa di cicerchia già bollita con odori di carote, cipolla e sedano
½ bicchiere di olio extravergine
1 grossa cipolla
2 spicchi d’aglio nudo
2 patate a tocchetti
15 fette di guanciola di porco stagionato
1 dadolata di pomodoro maturo fresco (2 etti circa di formaggio pecorino)
sale e pepe

6 uova di tagliatelle tirate a mano

TAGLIATELLE ALLA MOIAROLA

Versate in una padella di ferro l’olio extravergine insieme alla cipolla tagliata e all’aglio tagliato anch'esso finemente; unite la guanciola a piccoli listelli, le patate a tocchetti a lasciate rosolare il tutto.

Aggiungete la cicerchia già bollita, lasciate appassire per 3 o 4 minuti. Versate il pomodoro a cubetti. Rigirate con un cucchiaio di legno fino ad amalgamare bene il tutto.

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Marche
Le Marche sono l'unica regione italiana con un nome al plurale, forse riflesso di quella vocazione alla varietà che è uno dei suoi tratti distintivi. Molte sono le bellezze che questa regione custodisce, sparse ovunque nelle sue eleganti città, nei centri antichi ricchi d'arte, dove storia e tradizione costituiscono ancora un valore preciso.

101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita
Dagli Appennini all'Adriatico, attraversando l'Italia centrale. Le Marche hanno la fortuna di accogliere un territorio eterogeneo che va dalle alte montagne dell'entroterra fino al mare, con una costa a sua volta variegata, ricca di spiagge basse come pure di riviere scoscese...

Pesaro-Urbino e il Montefeltro
Gli Appennini da un lato; l'Adriatico dall'altro, e, in mezzo, un susseguirsi di rilievi ora dolci ora più aspri, punteggiati da boschi intatti. Di castello in castello per rivivere l'epopea dei Malatesta, dei Della Rovere e dei da Montefeltro, che fecero di Urbino una delle culle della cultura umanistica e rinascimentale d'Italia.

La cucina delle Marche
Brodetti, vincisgrassi, maccheroncini di Campofilone, arrosti morti, preparazioni in potacchio: Petra Carsetti, da anni coautrice con Carlo Cambi de "Il mangiarozzo", ha intrapreso un viaggio tra i profumi e i sapori delle terre marchigiane per compilare un ricettario completo e accurato, che ha lo spessore della ricerca, la praticità del ricettario e il fascino del romanzo.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Marche
Gli ambiti geografici sono posti in evidenza attraverso gli itinerari didattici sviluppati sia in ambito urbano, che extraurbano. Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia.

Questo itinerario è stato proposto da Daniele Guerro
HomePage