HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
L'itinerario delle fosse
Le fosse di tufo in cui si conserva il formaggio, sono poche e ben curate, preziose quasi come delle miniere d'oro.

Novembre è un mese particolarmente triste, vuoi per le giornate che si fanno piú brevi, vuoi per la ricorrenza della festa dei morti. Nell' Alta Val Marecchia si conciliano scenari di cupe grotte, con altri capaci di rinfrancare l'animo. Nemmeno le curiosità scientifiche e spicciole sono però trascurate.

Le fosse di tufo in cui si conserva il formaggio, sono poche e ben curate, preziose quasi come delle miniere d'oro. Sono sparse nel ristretto territorio intorno ai Comuni di Talamello e Sant'Agata Feltria. Consigliamo a tal riguardo una visita alle due fosse nascoste in Via Archi, sulla strettoia del centro di Talamello. Con gli inizi di Novembre le forme vengono estratte, senza fretta. A questo punto, i visitatori potranno osservarle semivuote, e c'è da scommettere che rimarranno stupiti dal colore ambra delle arenarie, dall'intenso odore di tartufo e dall'assenza di umidità.

Dopo le fosse, il nostro percorso prosegue nel Comune di Pennabilli. Occorre lasciare Talamello, e all'incrocio per Perticara, ci dirigiamo verso Novafeltria, per poi oltrepassare questa cittadina fino a Pennabilli. Il filo conduttore che collega la tradizione artistica e gastronomica della zona è il famoso artista Tonino Guerra, amante del Formaggio di Fossa e ispiratore (diretto e indiretto) di alcune insolite opere (sculture, pitture, giardini…), scarsamente conosciute al grande pubblico. Le possiamo scoprire girando per l'intero territorio comunale, hanno nomi evocativi e l'effetto rinfrancante, sono i "luoghi dell'anima". Consideriamo "L'Angelo coi Baffi", il piú piccolo museo del mondo, costituito da un'unica installazione multimediale che illustra la storia di "un Angelo capace di far niente" scritta da Tonino Guerra. Al contrario, il "Santuario dei Pensieri" è un luogo di meditazione vagamente orientale e molto suggestivo, in cui sono ospitate sette enigmatiche sculture.

E dopo tanto peregrinare alla ricerca di importanti risposte nell'arte, vediamo un po' di tornare "con le braccia sulla scrivania", e di investigare nella storia della matematica e dell'informatica. Non abbiamo bisogno di spostarci di molto, almeno fisicamente, perché è possibile viaggiare lungo chilometri di bytes al Museo di informatica e storia del calcolo. Qui vivremo una esperienza unica, che permette, in maniera interattiva, di ripercorrere le tappe fondamentali della storia del calcolo automatico, dalle "calcolatrici" sumere ai microchip odierni. La novità del momento è la mostra su Escher che propone 15 caleidocicli (anelli formati da tetraedri) e 21 solidi rivestiti dai piú noti disegni periodici dell'autore, con un gradevolissimo effetto ottico.

Nutriti cervello e anima, dobbiamo pensare anche alla stomaco. Troverete ristorantini dove consigliato è l'abbinamento di un primo piatto (in bianco) con il Formaggio di Fossa grattugiato fresco seguito da una succulenta fornarina farcita, sempre con formaggio di fossa.

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Marche
Le Marche sono l'unica regione italiana con un nome al plurale, forse riflesso di quella vocazione alla varietà che è uno dei suoi tratti distintivi. Molte sono le bellezze che questa regione custodisce, sparse ovunque nelle sue eleganti città, nei centri antichi ricchi d'arte, dove storia e tradizione costituiscono ancora un valore preciso.

101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita
Dagli Appennini all'Adriatico, attraversando l'Italia centrale. Le Marche hanno la fortuna di accogliere un territorio eterogeneo che va dalle alte montagne dell'entroterra fino al mare, con una costa a sua volta variegata, ricca di spiagge basse come pure di riviere scoscese...

Pesaro-Urbino e il Montefeltro
Gli Appennini da un lato; l'Adriatico dall'altro, e, in mezzo, un susseguirsi di rilievi ora dolci ora più aspri, punteggiati da boschi intatti. Di castello in castello per rivivere l'epopea dei Malatesta, dei Della Rovere e dei da Montefeltro, che fecero di Urbino una delle culle della cultura umanistica e rinascimentale d'Italia.

La cucina delle Marche
Brodetti, vincisgrassi, maccheroncini di Campofilone, arrosti morti, preparazioni in potacchio: Petra Carsetti, da anni coautrice con Carlo Cambi de "Il mangiarozzo", ha intrapreso un viaggio tra i profumi e i sapori delle terre marchigiane per compilare un ricettario completo e accurato, che ha lo spessore della ricerca, la praticità del ricettario e il fascino del romanzo.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Marche
Gli ambiti geografici sono posti in evidenza attraverso gli itinerari didattici sviluppati sia in ambito urbano, che extraurbano. Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia.

Questo itinerario è stato proposto da Henry Marinelli
HomePage