HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini
Nei 3 giorni che avevamo a disposizione abbiamo potuto avere solamente un'assaggio di tutte le emozioni che può offrire il Parco Nazionale...
Ascoli , Piazza del PopoloPiani di CastelluccioPiani di Castelluccio dal monteSalita al rifugio ZilioliMonte vettore visto da CastelluGola dell'InfernaccioMonte-vettore visto da Forca di  PrestaMassiccio del Vettore

...dei Monti Sibillini,una meta che ci ha affascinato a tal punto da pensare di ritornarci tra un mese, quando l'estate porterà colori nuovi agli ampi panorami dei monti azzurri.

Siamo partiti il 25 aprile dalla nostra Senigallia in 9 avventurieri per raggiungere la nostra base a Comunanza. La nostra prima tappa è Ascoli, dove abbiamo sostato tutta la mattinata prima per una colazione allo storico Caffè Meletti e poi per una breve visita al bellissimo centro storico.

Poi a mezzogiorno ci siamo diretti al vicino borgo medievale di Casteltrosino, dove abbiamo avuto il nostro ristoro. Dopo una breve passeggiata attorno al paese siamo ripartiti per Comunanza, e dopo una breve visita al paese ci siamo accasati al nostro agriturist.

Il secondo giorno ci siamo svegliati di buon'ora per affrontare la giornata più impegnativa del viaggio, abbiamo tentato di raggiungere il lago di Pilato, l'unico lago glaciale dell'appennino. Prima tappa ad Acquasanta Terme per una colazione e poi dritti per il valico di Forca di Presta (m1536), punto di partenza dell'escursione.

Abbiamo parcheggiato le auto al Rifugio degli alpini e siamo saliti su per il ripido sentiero, man mano che si sale si apre sempre più maestosa la veduta sui sottostanti piani di Castelluccio e sui monti della Laga. Verso i 2000 m cominciamo a trovare la neve sul nostro percorso, ma nonostante qualche punto un po impegnativo saliamo bene anche noi che siamo alla prima esperienza di trekking.

Arrivati alla sommità del Rifugio Zilioli (m 2240) una delusione, la vallata del lago completamente sommersa da 3-4 metri di neve (nonostante l'albergatore ci avesse detto che ci era arrivato in moto la mattina precedente). In un'ora e mezza di discesa siamo tornati al Rifugio degli alpini per una rinfocillata e poi di nuovo in cammino, stavolta in auto per raggiungere Castelluccio.

Attraversando gli sterminati campi coltivati dell'altopiano abbiamo deciso che torneremo in Giugno per poter finalmente ammirare il lago di Pilato e per vedere i colori della fioritura delle lenticchie sull'altopiano. Verso sera siamo tornati in agriturismo a riempirci di funghi, tartufi e carne e per riposarci dopo le fatiche.

Il terzo giorno ci siamo svegliati sotto un cielo grigio non molto rassicurante, siamo partiti a metà mattinata per raggiungere la gola dell'Infernaccio, ma finche' il tempo non si è rimesso siamo andati in giro per paesi, come la panoramica Montemonaco e Montefortino e poi nel primo pomeriggio quando ha iniziato ad uscire un timido sole ci siamo avventurati all'Infernaccio.

Dopo pochi metri dal punto di partenza del percorso attraversiamo le suggestive cascate delle Pisciarelle, che si susseguono per diversi metri, poi all'imbocco della gola ci accoglie una sorpresa, il sentiero era ostruito da una valanga, ma non ci siamo lasciti intimidire e l'abbiamo scavalcata.

A quel punto ci siamo trovati davanti uno spettacolo mozzafiato, le strettissime gole scavate dal fiume nel monte e l'acqua del fiume Tenna che vi scorre dentro impetuosa e ti invoglia e seguirla fino alla sorgente di Capotenna, ma purtroppo si era fatto tardi e la strada del ritorno ci attendeva.

E mentre dai finestrini vedevamo la Sibilla allontanarsi sempre di più dai nostri occhi le recitavamo il nostro arrivederci al più presto.

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Marche
Le Marche sono l'unica regione italiana con un nome al plurale, forse riflesso di quella vocazione alla varietà che è uno dei suoi tratti distintivi. Molte sono le bellezze che questa regione custodisce, sparse ovunque nelle sue eleganti città, nei centri antichi ricchi d'arte, dove storia e tradizione costituiscono ancora un valore preciso.

101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita
Dagli Appennini all'Adriatico, attraversando l'Italia centrale. Le Marche hanno la fortuna di accogliere un territorio eterogeneo che va dalle alte montagne dell'entroterra fino al mare, con una costa a sua volta variegata, ricca di spiagge basse come pure di riviere scoscese...

Pesaro-Urbino e il Montefeltro
Gli Appennini da un lato; l'Adriatico dall'altro, e, in mezzo, un susseguirsi di rilievi ora dolci ora più aspri, punteggiati da boschi intatti. Di castello in castello per rivivere l'epopea dei Malatesta, dei Della Rovere e dei da Montefeltro, che fecero di Urbino una delle culle della cultura umanistica e rinascimentale d'Italia.

La cucina delle Marche
Brodetti, vincisgrassi, maccheroncini di Campofilone, arrosti morti, preparazioni in potacchio: Petra Carsetti, da anni coautrice con Carlo Cambi de "Il mangiarozzo", ha intrapreso un viaggio tra i profumi e i sapori delle terre marchigiane per compilare un ricettario completo e accurato, che ha lo spessore della ricerca, la praticità del ricettario e il fascino del romanzo.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Marche
Gli ambiti geografici sono posti in evidenza attraverso gli itinerari didattici sviluppati sia in ambito urbano, che extraurbano. Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia.

Questo itinerario è stato proposto da Giovanni, puoi contattarlo:
HomePage