HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Nel Salento dei Megaliti
Il Salento è ricco di testimonianze del passato, grazie ad una stratificazione di popoli che in varie epoche son passati da questo territorio...
Menhir PisignanoDolmen Scusi MinervinoMenhir PolisanoI massi della VecchiaMenhir della LeteMasso "piede di Ercole"Dolmen PescoluseDolmen Giurdignano

...a due passi dai Balcani e incuneato nell'azzurro del mar Mediterraneo. Uno dei tanti innumerevoli percorsi che si possono fare nella verde e a volte brulla campagna salentina è quello legato alla così detta civiltà megalitica.

Infatti in particolare nel Salento leccese, molti trulli costruiti con la caratteristica formazione circolare che parte dalla base fino al terrazzo, furono fatti in tempi remoti con pietre a secco senza l'utilizzo di malta. Ricordiamo che proprio questi nel Salento sono simili ai tholos greci da cui deriva il nome "trullo" e molto simili ai nuraghi sardi.

I vari trulli in pietra, secondo le caratteristiche per cui venivano utilizzati, avevano diversi nomi (pajari, furneddhi, ecc.); altri monumenti megalitici sono i dolmen dalla parola celtica dol=tavola e men=pietra, una sorta di tavolo in pietra formato principalmente da due grosse lastre conficcate nel terreno ed una grande lastra posta orizzontalmente su di esse ed una serie di pietre a secco a chiudere quello che molti pensano sia un monumento funebre: in alcuni di essi, però sono state ritrovate nel lastrone di copertura, chiari segni come canalette od altro che fanno pensare che su di essa venivano svolti sacrifici a qualche dio pagano.

Altro mistero megalitico sono i menhir, anche qui dal celtico men=pietra hir= lunga o fitta, una sorta di parallelepipedo cavato dalla roccia sottostante: generalmente fuoriesce per due terzi della lunghezza della roccia, raggiungendo misure anche di 5 metri come nel caso del menhir Santu Totaro a Martano, il più grande della regione. I menhir, veri e propri simboli fallici, legati probabilmente ai riti della fertilità, alle volte sono posti in alcune zone in modo da fungere da grosse meridiane oppure alcuni di essi segnano il passare delle stagioni proiettando l'ombra sul terreno. Sicuramente sia i dolmen che i menhir erano legati a culti che riguardavano il dio Sole, non a caso le facce più larghe del menhir sono orientate est-ovest e l'ingresso del dolmen è sempre ad est.

In particolare i dolmen ed i menhir sono concentrati principalmente in un'area intorno ad Otranto, molto ricca di questi monumenti megalitici, ma anche di cripte rupestri affrescate dai monaci brasiliani, lauree e cenobi.

Non molto distante da quest'area sono impressionanti alcuni enormi massi denominati "Massi della Vecchia" che si trovano all'interno di un oliveto: essi hanno forme talmente strane da aver alimentato storie e leggende legate alla Vecchia, una fattucchiera famosa nella zona che nascondeva un tesoro composto da 12 chiocciole d'oro, tesoro che nel Salento viene chiamato "acchiatura" (cosa trovata).

Per impadronirsi di questo tesoro bisogna affrontare la vecchia, moglie tra l'altro dell'Orco Nanni, il 24 di Giugno, giorno di S. Giovanni, quando appisolata come al solito su un' enorme pietra a forma di cuscino, medita sulle sue scorrerie notturne.
Una volta svegliata bisogna rispondere esattamente alle 3 domande che la vecchia megera pone al malcapitato di turno che, senza distogliere lo sguardo, dovrà rispondere esattamente senza pause, altrimenti questo poveraccio viene pietrificato e diviene anche lui una delle tante pietre che costituiscono il paesaggio all'interno di questo uliveto.

Ci sono altri modi per conquistare un tesoro nascosto nel Salento ma questo ve lo spiegherò quando verrete di persona a vedere questi enormi monumenti megalitici.

Sempre nello stesso uliveto vi è un altro enorme masso a forma di fungo, legato anche questo a leggende che riguardano la vecchia ma che riguardano anche il mitico Ercole che qui a pochi chilometri di distanza fu protagonista dell'uccisione di due enormi giganti la cui putrefazione ha dato origine alle acque sulfuree di S.Cesarea Terme. Un' altra enorme pietra a forma di piede, pare quello dello stesso Ercole, è lì a testimoniare che spesso leggende e storia si intrecciano.

Altro fenomeno megalitico presente nel Salento sono i muretti a secco che servono a delimitare le strade di campagna ed i confini delle antiche centuriazioni romane creando un paesaggio suggestivo.

Per ultimo è interessante segnalare un nemanthol cioè una pietra forata posta al centro di una chiesina di campagna nella zona di Calimera, attraversare strisciando sul pavimento questa pietra porta molta fortuna e procura una grande emozione...

By Raimondo Rodia

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Puglia e Basilicata
In questa edizione scoprirete due delle regioni più belle e incontaminate d'Italia: vi abbronzerete sulle spiagge del Salento, vi godrete alcuni dei piatti più golosi della penisola - i frutti di mare, le orecchiette, i salumi, i formaggi accompagnati da grandi vini come il Primitivo, il Negroamaro, l'Aglianico - vi stupirete di fronte al barocco di Lecce, alla magia dei Sassi di Matera, ai vicoli di Bari, vi arrampicherete sulle scogliere del Gargano e sulle Dolomiti Lucane, ballerete la taranta fino all'alba e, per trovare finalmente riposo, dormirete in antichi trulli e masserie.

Puglia. Passeggiate nei film
Tra il cinema e la Puglia si è instaurato un forte legame. Questa regione non solo produce numerosi film e genera talenti, ma, soprattutto, possiede una forza d'attrazione che risiede tutta nella sua storia e nella sua bellezza.

Lecce. Barocco e non solo. Con DVD
Il capoluogo del Salento, terra di sorprendente e multiforme bellezza all'estremità meridionale della penisola italiana, è una città in cui il genio e il gusto degli uomini del passato ha sempre qualcosa da comunicare al visitatore, in cui le piccole glorie di pietra rappresentano la vittoria più grande sull'incedere del tempo.

Salento. Lecce
Non esiste terra più estrema del Salento: di qui non si passa, bisogna venirci di proposito. Ma di qui son passati tutti, dagli uomini primitivi ai greci, dai romani ai bizantini e via via tutte le dominazioni che hanno segnato queste terre.

Gargano, Tremiti, Monti Dauni
Dentro la Daunia, dal nome dell'antico popolo stanziatosi nell'alta Apulia, si trova tutto il meglio della nostra penisola: dal verde della Foresta Umbra fino alle baie e alle spiagge del litorale.

Puglia ricette e sapori
Cucinare in Puglia è un'arte una poesia, una festa. Una tavola pugliese ha dentro la ricerca di specialità scelte, ad una ad una, nelle mille botteghe dei paesi, ha il profumo del pane caldo, ha la freschezza del pesce comprato nei mercati dei porti al mattino presto...

Biblioteca di viaggio dei bambini

Puglia
Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia. Inoltre una parte dedicata all'interattività (Lavoro io) con testi e immagini su cui lavorare giocando.

Favole pugliesi
Sessanta favole per sessanta "parole" per sessanta illustrazioni. "Favole pugliesi" ripropone frammenti di sapienza popolare per lo più dimenticati o, al limite, sedimentati nel "DNA culturale" di più generazioni grazie agli insegnamenti che hanno riempito il tempo e lo spazio, dove divengono indistinti l'immaginare del bambino e il narrare dell'adulto.

Questo itinerario è stato proposto da Rairo.it
HomePage