HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
La spada nella roccia
San Galgano (SI)

dipinto della leggenda

edificio circolare

veduta dell'abbazia

spada conficcata nella roccia

veduta dell'abbazia

 

Questo affascinante itinerario è per gentile concessione del sito deagostini.it da un articolo di G. Coleschi; le immagini sono © Associazione culturale Progetto Galgano

Per raggiungere l'abbazia detta di San Galgano si percorre da Siena la statale 73, una strada stretta e tortuosa in mezzo al bosco che sembra nascondere, a ogni curva, l'agguato di un gruppo di briganti. Giunti sul pianoro, ecco la famosissima abbazia di San Galgano, la celeberrima chiesa senza tetto, in stile gotico classicheggiante, dalle pareti con le tipiche volte a sesto acuto e il prato verde come pavimento. La spada, però, non è qui; è custodita nella minuscola chiesetta di Monte Siepi che sorge sulla collinetta lì accanto.
La storia di questi luoghi risale al XII secolo. Galgano era un giovane di una nobile famiglia del luogo, non certo timoroso di Dio e amante dell'avventura e della vita senza regole. Ma come vuole la leggenda, fu visitato in sogno dall'arcangelo Michele, che lo convertì.

Come segno di rinuncia alla vita trascorsa fino a quel momento, Galgano conficcò la spada in una roccia, per poterne adorare l'elsa come croce di Cristo. Si racconta anche che il diavolo, tentando di smantellare quella fede divenuta così salda, inviò tre uomini per distruggere la roccia; non riuscendovi, spezzarono la spada in tre pezzi. Galgano, addolorato, si mise a pregare tentando di ricomporre l'arma che, miracolosamente, si rinsaldò. Poco tempo dopo, nel dicembre del 1181, Galgano morì.

La fama di questo cavaliere eremita, che divenne monaco cistercense crebbe tanto rapidamente che fu edificata una chiesetta intorno alla roccia con la spada. L'edificio, costruito intorno al 1185, è già di per sé una piccola meraviglia: esempio unico nell'architettura romanica senese, è a pianta circolare. Le pareti e il tetto, a forma di cupola, sono stati edificati in cerchi concentrici bianchi e rossi (cotto e travertino sono i materiali usati). Nell'oratorio adiacente si possono ammirare dei pregevoli affreschi di Ambrogio Lorenzetti, purtroppo non molto ben conservati.

Nel giro di pochi anni l'eremo acquistò un'enorme importanza, diventando troppo piccolo sia per i monaci sia per i moltissimi fedeli che vi affluivano. Sul pianoro sottostante, perciò, tra il 1224 e il 1228, fu costruita la grande chiesa, lunga 72 metri e larga 21, in stile gotico cistercense, con accanto il monastero. Tra il XIII e il XIV secolo l'abbazia godette di grande potenza e di splendore, poi iniziò la decadenza. Già a metà del '500 i monaci che vi risiedevano erano solo cinque e a metà del secolo successivo ne era rimasto solo uno. La struttura restò in completo abbandono fino a che, nel 1786, crollò il campanile, travolgendo anche parte del tetto. Il luogo diventò cava di pietre e di colonne per la costruzione delle abitazioni della zona, poi, all'inizio del XX secolo, opere di manutenzione e di restauro l'hanno resa come la possiamo ammirare ancora oggi.

L'abbazia di San Galgano, dunque, è magica per la natura che si fonde mirabilmente con l'opera dell'uomo, ma anche per i fatti che vi sono accaduti. La storia del giovane cavaliere eremita, infatti, sembra una storia di santi come tante, ma non lo è.
Il nome del luogo dove fu costruito il primo eremo, Monte Siepi, sembra un toponimo antico, che stava a indicare un luogo elevato e chiuso, dedicato a riti pagani. I cerchi concentrici del tetto della chiesetta richiamano alla mente addirittura una simbologia celtica, utilizzata, tra l'altro anche dai cavalieri Templari che si dedicarono alla ricerca del Santo Graal. E a questo punto, come ignorare che, nelle storie di Galgano, si narra anche che in un sogno lui avesse visto Gesù, con i dodici apostoli (anche i cavalieri della Tavola Rotonda di Artù erano dodici) intorno a una tavola rotonda? E Galgano, come nome, non somiglia forse a Galvano, cavaliere di re Artù?

Le coincidenze sembrano troppe, ma la storia di san Galgano precede solo di qualche decennio gli anni in cui sono state scritte le prime vicende del ciclo del Santo Graal. Se sia stato Galgano a ispirare il ciclo bretone di Artù o se quest'ultimo e i Templari abbiano dato la spinta inversa per creare in terra di Toscana un punto importante per la ricerca del Graal, ancora non si sa. Certo è che il luogo nasconde ancora dei segreti, tanto che, proprio nello scorso mese di gennaio, sono iniziate delle indagini metallografiche sul terreno della chiesetta, proprio dove sta infissa la spada nella roccia

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Toscana e Umbria
Che il vostro obiettivo sia una cascina isolata, un piatto di tagliatelle al tartufo bianco di San Miniato o il panorama che si gode dall'alto di uno sperduto villaggio in cima a una collina, questa guida è il miglior compagno di viaggio per chi vuole conoscere due regioni di grande ricchezza culturale.

Firenze e la Toscana
Visite guidate a musei e gallerie. Itinerari ed escursioni. Quattro giorni a Firenze e in Toscana. Nuova mappa estraibile con tappe principali, stradario e informazioni esseziali sui mezzi di trasporto.

Firenze 2054
27 ottobre 1954 - Venti oggetti volanti non identificati solcano il cielo di Firenze e per quindici minuti volano sopra i monumenti più famosi della città. Mentre tutti stanno con il naso all’insù non si accorgono di quello che effettivamente gli alieni stanno facendo: cercano qualcosa, arrivato sulla terra molti anni prima. Di che cosa si tratta? Cosa si nasconde nella capitale del Rinascimento?

Siena. Con cartina
Il volume, che presenta i monumenti e le opere più importanti della città e dei dintorni, contiene una mappa estraibile della città, un breve profilo storico e culturale, gli eventi, la cucina e i prodotti tipici e l'elenco dei ristoranti e degli alberghi.

Toscana. Guida per il tuo bambino
Questa guida è rivolta agli adulti che vogliano trascorrere in Toscana ore di svago, relax o divertimento - anche istruttivo e costruttivo - con bambini e ragazzi dai 5 ai 14 anni.

Toscana a tavola. Guida alla cucina per turisti golosi
Il volume è diviso in 11 sezioni: da un iniziale capitolo introduttivo e storico sull'origine della tradizione culinaria toscana, si viaggia poi attraverso le sue 10 province avendo a disposizione un pratico glossario con più di 300 piatti tradizionali e facili da provare nei menù dei ristoranti e trattorie della regione.

Biblioteca di viaggio dei bambini

I bambini alla scoperta di Firenze
Città di grandi poeti e scrittori, pittori e scultori, Firenze è alla portata di tutti i bambini curiosi e intraprendenti, che amano divertirsi con lo zaino in spalla, alla ricerca di angoli e luoghi sempre nuovi da svelare.

Filastrocche, ninne nanne, stornelli, rispetti e canzoni di Toscana
In Toscana, e specialmente nelle campagne, si cantava: sulle aie, nei campi, nelle fiere di paese, all'osteria, a 'veglia'. Si cantava per passatempo, per attenuare la fatica, per comunicare fra innamorati, per corteggiare la 'bella' o il 'bello', la 'dama' o il 'damo'.

Le macchine di Leonardo da Vinci
Il testo, le illustrazioni e i modellini funzionanti tridimensionali sono tratti dalle sue note e dai suoi schizzi.

Un quadro e i suoi perché! Dagli Uffizi alla città impariamo a leggere le immagini. Un quaderno operativo con gli stickers dei capolavori degli Uffizi!
Una guida per rispondere ai perché dell'arte, imparando a "leggere" le immagini. Non un libro di storia dell'arte, ma un quaderno operativo per imparare a guardare le cose che ci circondano. Utili indicazioni per "saper vedere" un'opera d'arte e scoprirne i segreti.

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage