HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Una passeggiata a Monteluco di Spoleto
Prima della visita al centro storico di Spoleto, merita risalire i colli che sovrastano la cittadina umbra per vederla nel suo complesso...

...Ci si accorgerà di come la città di Spoleto sia riuscita a conservare al meglio la sua storica struttura urbanistica, frutto di un’attività edilizia secolare.

Malgrado il sovrapporsi di edifici di epoca romana, medievale e pontificia, Spoleto ha saputo mantenere una sua unità architettonica, forse perché i vari stili si succedono con un felice senso di continuità. Tutto, a Spoleto, pare trasudare storia, mettendo in luce il glorioso passato della cittadina: mura pre-romane, romane, edifici religiosi paleocristiani, monumenti classici, preziose architetture gotiche e romaniche e molto altro.

Sicuramente furono queste ricchezze ad attirare studiosi, storici, artisti e letterati da tutto il mondo. Tra questi va ricordato Goethe, per la splendida descrizione della visita alla cittadina umbra, di cui lo colpì, in particolar modo, l’incredibile Ponte delle Torri:
"Spoleto, il 27 ottobre 1786, di sera: Sono stato a Spoleto e sono anche stato sull’acquedotto, che nel tempo stesso è ponte fra una montagna e l’altra. Le dieci arcate che sovrastano a tutta la valle, costruite di mattoni, resistono sicure attraverso i secoli mentre l’acqua scorre perenne da un capo all’altro di Spoleto".
Per ripercorrere l’itinerario di Goethe a Spoleto è necessario partire dall’Anfiteatro Romano per passare poi al Tempio e salire quindi alla Rocca.

Girando intorno a questa si giunge davanti al grandioso Ponte delle Torri, lungo 230 metri e alto 80 metri. Fu costruito nel XIV secolo con il duplice scopo di acquedotto e ponte. Esso, infatti, è paurosamente gettato "sull’orrido" che separa Spoleto dal Monteluco. Portandosi sull’altra sponda è quindi possibile risalire il Monteluco per l’antica mulattiera. Per far questo una volta terminato il ponte si svolta a destra e, subito dopo, si sale a sinistra sulla storica via che, con molti e secchi tornanti nella lussureggiante lecceta, raggiunge il piazzale del Monteluco (la mulattiera, chiamata "corta di Monteluco").

SPOLETO sorge all'estremità della pianura umbra, in bella posizione su un poggio culminante in un'altura coronata dalla rocca, ai piedi del boscoso Monteluco. L'abitato degrada al piano con un'estesa e grigia massa turrita, in un suggestivo scenario di verdi montagne. Città pittoresca e austera, con una storia antichissima, che occupò in diversi periodi un posto di rilievo nel quadro generale delle vicende d'Italia, oggi Spoleto e' uno dei principali centri turistici dell'Umbria, oltre che per l'importanza dei suoi monumenti archeologici, altomedievali e rinascimentali, per le interessanti manifestazioni culturali.

La fama di Spoleto come città d'arte e di cultura conosciuta a livello internazionale è un dato ormai acquisito che forse potrà essere fatto risalire alle prestigiose manifestazioni che animano la città in diversi periodi dell'anno. Spoleto Festival è diventato, presso il mondo anglosassone, soprattutto negli Stati Uniti e in Australia, uno specifico tipo di manifestazione di varie espressioni artistiche, che coinvolgono una intera collettività. In realtà una città che ha attraversato, spesso ruoli da protagonista con quasi tremila anni di storia, non ha bisogno di patenti. A documentare la legittimità della sua vocazione artistica, sono sufficienti la presenza di quattro spazi teatrali (tra romani e moderni), monumenti, musei, istituti culturali.

Ecco i principali monumenti e gli orari di visita:

Rocca Albornoziana
dal lunedì al venerdì 14.30 - 17.00 - sabato e domenica 10.00 - 17.00
(visita guidata + navetta)

Duomo, Cattedrale di S. Maria Assunta
orari: 7.30 - 12.30 / 15.00 - 19.00

Pinacoteca comunale - Palazzo Spada
prossima apertura

Casa romana
orari: 10.30 - 13.00 / 15.00 - 18.30 (chiuso il martedì)

Galleria civica d'Arte moderna - Palazzo Collicola
dal 15 Ottobre al 15 Marzo chiusura il Martedì ed i giorni 25/12 e 1/1
orari: 10:30-13:00 14:30-17:00
dal 16 Marzo al 14 Ottobre aperto tutti i giorni
orari: 10:30 - 13:00 / 15:00 - 18:30

Museo Diocesano e Chiesa di S.Eufemia
orari: 10.00 - 12.30 / 15.30 - 19.00

Museo Archeologico e Teatro Romano
orari: 9.00 - 19.00

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Toscana e Umbria
Che il vostro obiettivo sia una cascina isolata, un piatto di tagliatelle al tartufo bianco di San Miniato o il panorama che si gode dall'alto di uno sperduto villaggio in cima a una collina, questa guida è il miglior compagno di viaggio per chi vuole conoscere due regioni di grande ricchezza culturale.

Umbria
Umbria settentrionale. Umbria meridionale. Oltre 400 fotografie a colori mostrano il meglio dell'Umbria. Piante e sezioni aiutano a esplorare i luoghi più belli. Splendide strade panoramiche si affacciano sui colli attirando turisti da tutto il mondo e non è raro imbattersi in coppie di americani o frati dai tratti tipicamente nordici.

Di qui passò Francesco. 350 chilometri a piedi o in bicicletta tra la Verna, Gubbio, Assisi fino a Rieti
Sedici giorni con lo zaino in spalla tra Toscana, Umbria e Lazio, tra foreste millenarie e vallate ricche di arte e di storia. L'unica guida a piedi sulle "strade di Francesco", dai luoghi più noti come La Verna e Assisi a quelli meno famosi, ma altrettanto affascinanti, come Montecasale o il Sacro Speco di Narni. Un itinerario da seguire tutto d'un fiato oppure a tappe, costruendosi un percorso ad hoc.

Perugia e Assisi
In questa guida sono segnalate tutte le mete da non perdere, illustrate da fotografie, disegni tridimensionali e corredate da 100 indirizzi selezionati. Piantine e spaccati permettono di visitare in modo autonomo le principali attrattive delle città.

Ricette di osterie e famiglie dell'Umbria
Una gastronomia popolare e contadina segnata dall'incontro tra la civiltà dell'olio e la cultura del lardo, valorizzata da materie prime pregiate: tartufo, lenticchie, farro, pesci di lago, maiale, piccione.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Umbria
Una pubblicazione dedicata in modo particolare al pubblico giovane sempre più indirizzato verso la conoscenza dell'ambiente che lo circonda e, in particolare, del territorio in cui vive. Dopo una presentazione della regione, con la carta generale, si prosegue con una illustrazione del territorio attraverso la descrizione, leggera ma puntuale, delle singole province, alle quali si accompagna una carta di dettaglio e una sezione didattica di approfondimento.

La bella storia di Giotto bambino
Questo coloratissimo libretto è il primo di una collana dedicata ai bambini, disegnato da Cavezzali con l'intenzione di parlare dei grandi pittori, di quando anche loro erano dei bambini, di quando anche loro, come tutti i bambini del mondo, facevano i dispetti e le birbonate.

Questo itinerario è stato proposto da Monteluco.com
HomePage