HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
La valle del freddo
Un angolo di alta montagna a 300 metri sul livello del mare

In Val Cavallina (Prealpi Eurobiche Bergamasche) crescono piante d'alta quota. La Valle del Freddo è forse il fenomeno naturale più interessante e singolare dell’intero territorio bergamasco.

In apparenza nulla di straordinario: si tratta di una depressione, lunga circa 600 metri, posta in alta Val Cavallina, a 360 metri di altezza dal mare, subito dopo il laghetto di Gaiano, nel territorio del Comune di Solto Collina: pietrame, un po’ di terriccio, cespugli, alberi, come in qualunque altro angolo della Valle.

A guardarla da vicino si scopre invece una cosa straordinaria: qui, ad un’altezza assai modesta, crescono piante e fiori tipici dell’alta montagna, dal rododendro alla stella alpina (quest’ultima normalmente non cresce al di sotto dei 1700 metri di altezza).

Già in tempi remoti la valletta ai piedi del monte Na era conosciuta dagli abitanti della Val Cavallina col sinistro nome di Valle del diavolo. Leggende locali tramandate nei secoli, infatti, dissuadevano le donne ad avventurarsi da sole tra i boschi della valletta; essa era tuttavia frequentata da pastori e cacciatori i quali si occupavano, inoltre, dello sfruttamento e del governo del bosco. Solo a partire dal secolo scorso la Valle del diavolo divenne nota a tutti col nome di Valle del Freddo.

Nel sottosuolo di questa valle si forma una specie di frigorifero naturale generato dal ghiaccio che si forma nel sottosuolo durante l'inverno. In alcuni stagioni fuoriescono correnti d'aria fredda che portano la temperatura vicino a zero gradi creando condizioni climatiche dove nascono e si sviluppano larici ed altre piante tipiche d'alta montagna.

Tutto ciò avviene in quanto una complessa e particolarissima struttura del terreno fa sì che nel sottosuolo si formino durante l’inverno grossi blocchi di ghiaccio: in estate l’aria passa attraverso questi blocchi e fuoriesce da una serie di buche poste nel fondo della valletta, a temperatura bassissima (2-4 gradi). La zona può quindi considerarsi una specie di grande frigorifero naturale,che consente la sopravvivenza, anche nella calda estate, di vegetazione abituata ai climi più freddi dell’alta montagna.

Un fenomeno singolare, dunque, che sembra non avere paragoni in Europa. La Valle del Freddo è visitabile nei mesi di maggio, giugno e luglio, naturalmente lungo un sentiero predisposto al di fuori del quale non è consentito uscire. La struttura della Valle è infatti straordinariamente delicata: basterebbe un nonnulla, non solo per rovinare la flora esistente, ma per distruggere l’intero sistema.

L'eccezionale peculiarità della Valle del Freddo fu scoperta per caso nel 1939 da Guido Isnenghi, appassionato di botanica e di escursionismo. Di passaggio a Piangaiano, infatti, osservò sul cappello di un cacciatore locale una stella alpina appena colta. La meraviglia fu grande quando, conversando col cacciatore, scoprì che il prezioso fiore non proveniva da un'alta montagna ma dai magri pascoli di una valletta posta ai margini del lago di Gaiano.

La visita alla Valle del Freddo è un'occasione irrinunciabile per osservare da vicino, in un area circoscritta, una vasta gamma di specie floreali e arbustive che, ad eccezione della preziosa valletta, crescono abitualmente soltanto in alta montagna.

Cliccando qui è possibile vedere alcune immagini del filmato a cura del CNR. E' necessario RealPlayer, oppure potete salvare il file e aprirlo con un programma che supporti .rm, come Vlc.

Visite della Valle del Freddo

La visita guidata alla Valle del Freddo, lungo il sentiero appositamente predisposto, è gratuita e dura circa 1 ora e 30 minuti. Si consiglia un abbigliamento adatto ad escursioni di media montagna con buone scarpe da escursionista. La partenza della visita si trova presso l'area attrezzata, a 50 m dalla sbarra, dove i volontari attendono i visitatori.

Periodo d'apertura: Dal 1° Maggio al 31 Luglio, in coincidenza col periodo della fioritura.
LE VISITE ALL'AREA PROTETTA SONO CONSENTITE SOLO SU ACCOMPAGNAMENTO DELLE GUIDE VOLONTARIE

Orari di apertura:
Da Lunedì a Venerdì visite guidate per scolaresche e gruppi organizzati previa prenotazione.
Sabato dalle 13:30 alle 18:00;
Domenica e festivi dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00;
nei giorni di Sabato, Domenica e festivi non è necessaria alcuna prenotazione (comunque gradita in caso di gruppi numerosi).

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi a:
Italia Nostra sez. Bergamo tel. 035/224802
www.italianostrabergamo.org/valledelfreddo.htm

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Nord Italia. La regione dei laghi
Itinerari suggestivi e proposte selezionate con cura per pianificare il vostro viaggio perfetto. Feste, eventi e attività per immergervi nello spirito della regione.

Lombardia
Dalle Alpi al Po, un lungo e appassionante viaggio: tra montagne innevate e verdi pianure, tra moderne architetture e antiche cascine, tra vivaci città e fertili campagne, le plurime bellezze di una regione tra le più estese e ricche di affascinanti contrasti.

101 luoghi più romantici di Milano dove innamorarsi per tutta la vita
Milano romantica? Secondo molti no. È opinione comune che sia grigia, fredda, inospitale; il luogo in assoluto meno adatto per far nascere un amore. Eppure anche a Milano ci si innamora ogni giorno; forse in luoghi non scontati...

Valtellina
Le piramidi di Postalesio sono pinnacoli e creste terrose, alte colonne sormontate da un grosso masso legate a leggende locali che le associano all'opera di fate, folletti, sortilegi e magie.

Bergamo
La guida contiene: piantine e spaccati che permettono di visitare in modo autonomo le principali attrattive della città, uno stradario dettagliato e informazioni sui trasporti per spostarsi in città.

Mantova e Sabbioneta
Le committenze della famiglia Gonzaga portarono a Mantova, città romana che conobbe un forte sviluppo in epoca medievale, all'edificazione di due capolavori dell'architettura cinquecentesca come Palazzo Ducale e Palazzo Te mirabilmente affrescati da artisti come Mantegna e Giulio Romano.

La spesa in cascina. Gli indirizzi per mangiare sano e risparmiare in Lombardia
C'è un modo nuovo e antico di acquistare formaggi, salumi, carni, frutta e verdura: comperarli direttamente da chi li produce.

101 cose da fare a Milano con il tuo bambino
Anche nella capitale meneghina le mamme e i papa più volenterosi hanno solo l'imbarazzo della scelta per trascorrere giornate divertenti e piene di brio.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Lombardia. La bella Madonnina
La Lombardia è terra importantissima e grande, sia per il passato storico, che per la cultura e suoi monumenti, ma ciò che più incanta sono le sue valli e la pianura Padana, nonché le vie di acqua presenti. .

La piccola vedetta lombarda
Torna uno dei racconti più famosi e belli di Cuore, uno dei libri simbolo dell'Unità d'Italia. È la storia di un ragazzino che durante il Risorgimento incontra una compagnia dì soldati italiani.

La città di Milano
Da piazza del Duomo al Teatro alla Scala, dal Cenacolo ai navigli, in tram o sfrecciando con la bici. Una gita alla scoperta dei tesori di Milano, accompagnati da due guide molto molto speciali: la Madonnina e il suo mostriciattolo preferito.

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage