HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari nel Mondo  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Cuba: Hasta la victoria siempre

Riecheggiano ancora le parole del Che anche nella Cuba dei giorni nostri...

Macchine americaneCoco-taxi per turistiCarrozzeChiesetta di VaraderoCampagna cubanaA spasso per TrinidadTrinidadSpiaggia a VaraderoMusicisti alla casa della cultura di TrinidadInferriate di TrinidadGiulia e i delfinidelfinidelfini

Una nazione ancora molto legata al passato e alla rivoluzione e ai sui eroi che li ha liberati da un dittatore. Ovunque si notano scritte che inneggiano alla rivoluzione e al socialismo.

 

Ma la Cuba di oggi è un paese che offre il minimo indispensabile per tutti, ma che non soddisfa in pieno le povere esigenze dei loro abitanti. Coloro che decidono di fare un viaggio in questo paese non devono pensare di avere a che fare con un paese turistico a tutti gli effetti, ciò che offre Cuba è determinato dai bei paesaggi con una vegetazione rigogliosa e dai paesi e paesini con case misere, ma decorose e ovviamente da un mare stupendo.

 

L’economia di questo paese è basata sulla canna da zucchero, che serve anche per fare il mitico rum, e il tabacco. Il turismo aiuta gli abitanti perché porta i dollari necessari per comprare quello che non passa la tessera statale con la quale normalmente fanno la spesa. Qui tutto è dello Stato dai ristoranti ai bar. Gli stipendi sono bassi, ma non sono tutti uguali, dipende dal lavoro. L’istruzione è gratis fino all’università, ma solo i più meritevoli ci potranno andare, anche la sanità è gratuita per tutti.

 

In genere al turista offrono il pacchetto all inclusive in un villaggio, ma consiglio comunque di organizzarsi per fare qualche gita o con la macchina a noleggio, che però non ha prezzi tanto economici, circa 100 dollari al giorno, o con il villaggio usufruendo delle gite organizzate, costo medio 60 dollari a testa con guida parlante italiano e pranzo compreso.

 

Una di queste gite è quella all’Avana: questa è una città molto grande che si divide tra la parte coloniale, quella anni 50 e quella moderna, attualmente è stata classificata “patrimonio dell’umanità” dall’ UNESCO, e proprio tramite i fondi di questa associazione che la città si sta trasformando restaurando palazzi antichi che rischiavano la demolizione.

 

Qui tra una viuzza e l’altra si potranno scorgere le famose macchine americane degli anni '50 che tuttora vengono usate dai cubani, o i coco-taxi, piccoli veicoli utilizzati per i turisti. Ciò che potrà stupire girando per le strade di lunga percorrenza è che tutti fanno l’auto-stop dato che i mezzi pubblici passano di rado, altro mezzo utilizzato è la bicicletta o il semplice carretto trainato dal bue o da un cavallino, sarà facile durante il tragitto doversi fermare per far attraversare la strada una capretta o un cane.

 

Cuba è un isola dalla terra fertilissima, il clima è generalmente caldo e umido, in inverno la temperatura può variare dai 20 gradi in su, il tempo cambia molto spesso durante la giornata si può passare da un cielo plumbeo ad un azzurro intenso. Il mare ovviamente è splendido con colori che variano dall’azzurro al verde, le spiagge dalla sabbia fine sono sempre state nei sogni di tutti; purtroppo in inverno il sole cala presto, verso le 18 è già buio, quindi bisogna alzarsi un po’ presto per godersi a pieno la giornata.

 

Un altro posto davvero magico è Trinidad, anche questo paese è stato classificato “patrimonio dell’umanità” dall’Unesco. Qui il tempo sembra si sia fermato a 200 anni fa: le strade sono ancora di ciottolato, e le case sono dipinte con colori sgargianti e arricchite con inferiate di ferro battuto.
Capiterà di incontrare donne e bambini che chiedono qualche regalino: una penna, una saponetta, un rossetto, tutte cose che apprezzeranno volentieri, essendo merce rara da loro. Quindi un consiglio portare qualcosa per i piccoli abitanti di questi paesi.

 

Tra le varie gite proposte c’è anche il giro in catamarano con bagno con i delfini e snorkeling, una esperienza bellissima ed emozionante, adatta a tutti gli amanti di questi meravigliosi animali.

 

Cuba è un’isola che rimarrà nei vostri cuori e non solo per i bei posti ma anche per la sua gente, sempre allegra nonostante le avversità.

 

Cuba è un’isola da scoprire…

 

S. Clara mausoleo del Che, il cartellone dice: "Vorremmo che i nostri figli fossero come il Che". Fidel






 

Biblioteca di viaggio

Cuba
Controversa e spesso al centro di conflitti, Cuba è un paese diverso da tutti gli altri: piena di musica e colore, e insieme sofisticata ed eccentrica. Bisogna lasciarsi prendere dal ritmo sincopato di quest'isola paradisiaca, scoprire la cultura e le tradizioni di Habana Vieja, vagabondare lungo le storiche piste della Sierra Maestra o distendetersi su una spiaggia segreta fino a che venga mañana, con l'ausilio di questa guida.

Cuba l'isola che non c'è. Appunti di viaggio
La perla dei Caraibi, l'isola del ron e dei sigari, una galleria di auto d'epoca a cielo aperto, il paradiso delle belle spiagge e delle belle ragazze. Allegra, solare, unica. Questa è la tipica immagine di Cuba in ogni dépliant turistico, ma il paese di Fidel Castro non è solo questo. È con gli occhi del viaggiatore cosciente che l'autore ci racconta la sua Cuba, passando in rassegna vari aspetti della realtà, dall'approvvigionamento alimentare al sistema sanitario, dall'arte di arrangiarsi all'istruzione, riflettendo sul tenore di vita, le difficoltà e la dignità del suo popolo.

A Cuba. Viaggio tra luoghi e leggende dell'isola che c'è
Danilo Manera è tra i massimi esperti italiani di letteratura e cultura cubana, per primo ha fatto conoscete in Italia i narratori e poeti delle ultime generazioni e all'isola ha dedicato una ricca serie di studi. Con questo libro racconta Cuba, la sua e quella degli altri: la capitale con le architetture dei colonizzatori smangiate dal tempo, i colori delle giornate lunghe e soleggiate, la vitale miscela storica di una popolazione che soffre o sogna ancora, il fascino di un'isola eterna e corporale.

Resolver Cuba
L'autrice propone un suo personale itinerario dell'isola. Nel farlo, da brava esploratrice, parte da ciò che ha visto e ascoltato. Ecco che inizia con un puntuale diario di viaggio, dove le annotazioni hanno uno stile caldo e immediato. Prosegue offrendoci notizie più generali, descrizione geografica dell'isola e de L'Avana. Al lettore vengono così fornite molte informazioni utili per farsi una opinione: dati sull'economia e la società, cenni storici, opinioni dall'interno e non sempre coincidenti. L'autrice sottolinea la "dignità" come uno dei tratti caratteristici della popolazione che patisce tuttora l'embargo economico decretato dagli Stati Uniti nel lontano 1962. Dedica molto spazio a Ernesto Che Guevara, icona di riferimento di più generazioni, e accenna ovviamente all'attualità politica che ruota intorno alla fatidica domanda: che ne sarà di Cuba dopo Fidel? ma lo fa senza eccedere.

A est dell'Avana
Organizzatore di crociere charter nel Mediterraneo, dopo qualche anno di lavoro d'ufficio, Roberto Goracci decide di riprendersi la libertà che fino a quel momento aveva venduto agli altri. Acquista un catamarano, va a Cuba e si ferma vicino a Holguin sulla costa orientale. Per tre anni abita in una capanna sulla spiaggia, col suo cane Hush, e porta in giro i turisti con la barca. E intanto vive in prima persona la musica, la danza, il ron, l'embargo, i burocrati, il sesso, la miseria, l'orgoglio: tutta la vera Cuba, uno dei luoghi più affascinanti del mondo. Con una nota di Luca Barbarossa.

Questo itinerario è stato proposto da Giulia, puoi contattarla: Scrivimi
HomePage