HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari nel Mondo  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Namibia: tra deserto e solitudine
Il nostro primo contatto con la Namibia, lo abbiamo nel piccolo ma pulito e organizzato aeroporto della capitale Windhoek.
Ongava GiraffeZebre di EtoshaSossusvleiDead vleibambini di Twyfelfontein

Il tempo di cambiare gli euro in dollari namibiani e di ritirare l'auto a noleggio e siamo immediatamente "on the road".
Sono quaranta i chilometri che separano l'aeroporto dalla città, il traffico è praticamente inesistente e la strada circondata da un bel paesaggio di montagna. Anche il clima e' molto piacevole, infatti il caldo è stemperato dall'altitudine, siamo su un altopiano a 1.600 metri slm.
La città di Windhoek appare all'improvviso, ordinata e tranquilla, facciamo una breve sosta per rifornirci d'acqua e partiamo verso sud alla volta di Sossusvlei nel deserto del Namib. Ben presto lasciamo la strada asfaltata per proseguire il nostro viaggio su piste in terra battuta, che d'ora in poi saranno una costante per quasi tutto il viaggio.

La cosa che ci colpisce di più è la totale assenza di traffico e la mutevolezza dei paesaggi che fin dal primo giorno ci appaiono splendidi. Durante il viaggio un breve ma violento temporale tropicale ci ricorda che siamo in febbraio, in piena stagione delle piogge. Dopo il temporale il cielo si incendia di mille tonalità di rosso, è il nostro primo tramonto africano, un modo fantastico per darci il benvenuto in questa terra.

A Sossuvlei la sveglia suona presto, alle 4.30 del mattino siamo già in piedi pronti per l'escursione, vedremo l'alba tra le dune del Namib. L'alzataccia è ampiamente ricompensata dallo spettacolo a cui assistiamo. Prima che il caldo avvolga tutto, scaliamo la duna più famosa, denominata "Duna 45", che insieme alle altre è un imponente ammasso di sabbia finissima che cambia colore dal giallo tenue al rosso fuoco in base alla luce del sole. Queste sono tra le dune più alte al mondo. Il caldo si fa ormai insopportabile ma non possiamo rinunciare alla visita del Sossusvlei Pan, un'ampia crosta bianca di sedimenti minerali, residuo di quello che un tempo doveva essere un lago. Il luogo sembra irreale, un anfiteatro di dune rosse che accoglie alla sua base l'ampia superficie bianca disseminata di molti resti di alberi, di cui rimane il solo tronco a testimonianza di un lussureggiante ma quanto mai remoto passato.

Il viaggio prosegue alla volta di Swakopmund, un lungo itinerario tra deserti dapprima sabbiosi poi rocciosi, poi di nuovo sabbiosi fino all'oceano. Ci fermiamo a fare il pieno a Solitarie, una singolare minuscola comunità nel nulla circostante. Qui la fermata è praticamente obbligata, in quanto non c'è presenza umana né prima né dopo nel raggio di centinaia di chilometri. L'impressione che abbiamo, per i pochi individui che circolano e per le poche strutture che ci sono, e' di esserci calati in uno sperduto paesino del far-west americano o in un avamposto di civiltà in un remoto angolo dell'Australia. Proseguiamo e dopo diverse ore d'auto arriviamo a Walvis Bay, piccolo centro sull'oceano con una bella baia che ospita centinaia di fenicotteri rosa. Qui il clima è decisamente più fresco, grazie alla brezza continua che ci regala l'Atlantico. Trenta chilometri di agognato asfalto, ci separano da Swakopmund. Anche qui, la città appare improvvisamente, e ci sembra di essere arrivati nel posto sbagliato. Ma non eravamo in Africa? La città linda e ordinata, sembra essere stata trasportata in questa terra ostile direttamente dalla Baviera. Case ed edifici pubblici dai colori pastello con decorazioni in legno, ampie vetrate, tetti a spiovente e improbabili guglie ci disorientano e ci sorprendono favorevolmente. Il tempo di ambientarsi e questa cittadina può offrire un piacevole soggiorno con la sua ottima cucina a base di pesce e i suoi interessanti dintorni dove vediamo le belle "welwitschie mirabilis" (piante del deserto).

Proseguiamo il viaggio verso nord, su una pista, questa volta di sale, dove riusciamo a guidare un po' meglio. Arriviamo a Cape Cross, santuario naturalistico che accoglie centinaia di migliaia di otarie. E' un'emozione essere a pochi metri e vedere come si crogiolano al sole, come allattano i piccoli e come nuotano tra le impetuose onde dell'Atlantico. Oltre Cape Cross, un minuscolo distributore di benzina ci fa ricordare che è bene rimboccare il serbatoio, stiamo entrando nel parco della Skeleton Coast, dove la pur minima presenza umana è assente. La pista corre parallela al mare, il paesaggio che ci circonda è desolante: mare, vento, sabbia, roccia e luce accecante. Si, desolante ma bellissimo. All'uscita opposta del parco, ci fanno compilare un registro con i nostri dati, scopriamo che l'auto che era transitata prima di noi era passata due giorni prima. Siamo ormai nel Damaraland, regione dagli incredibili paesaggi, vallate sconfinate delimitate all'orizzonte da montagne dai colori più bizzarri, praterie fiorite sulle quali pascolano gli springbok. Siamo fortunati, lungo l'alveo di un fiume scorgiamo anche un elefante del deserto che incurante continua a cibarsi indisturbato. L'ultima tappa del nostro viaggio in Namibia è il parco Etosha, uno dei più importanti dell'intera Africa. Ci arriviamo dopo aver fatto un paio di brevi soste, a Twyfelfontein (dipinti rupestri) e alla foresta pietrificata.

All'Etosha e nella riserva di Ongava, dove soggiorniamo in un campo tendato nella foresta, entriamo in contatto con quello che per l'immaginario collettivo l'Africa rappresenta. Scene viste solo nei documentari ci si presentano in un susseguirsi di situazioni diverse: zebre, giraffe, gnu, springbok, rinoceronti, sciacalli e anche una leonessa. Le emozioni sono tante anche se abbiamo un pizzico di delusione, infatti durante la stagione delle piogge gli animali sono molto meno visibili perché avendo acqua in abbondanza non si recano alle pozze (punti privilegiati di osservazione). Pensiamo che venire all'Etosha durante la stagione secca sia un'esperienza indimenticabile.

Il viaggio si conclude con il lungo percorso di ritorno verso Windhoek, su una strada rettilinea, fortunatamente asfaltata. Fatichiamo ad abituarci alle auto e alle persone, ormai i nostri ritmi erano quelli della natura. Il tempo di una breve visita al centro cittadino, molto vivace e non certo il prototipo di una città africana con i suoi bei negozi e il suo ordine. Poi velocemente in aeroporto dove si conclude la nostra avventura africana.

La Namibia resterà a lungo nei nostri pensieri, ci ha donato un grande senso di libertà e la certezza che ci sono ancora luoghi in cui la natura regna sovrana con i suoi ritmi e le sue leggi e con la sua struggente bellezza.

Potete trovare altro ancora al sito www.fuggire.it






 

Biblioteca di viaggio

Namibia
Grazie a questa guida il lettore potrà scoprire il meglio della Namibia: il paesaggio di basalto del Damaraland, i parchi brulicanti di animali selvatici e le dune rosse di Sossusvlei. Che si voglia esplorare la Skeleton Coast o rilassarsi in un safari lodge di lusso, in questa guida si può trovare tutto ciò che serve. La guida comprende anche un indice verde per viaggiare in modo sostenibile.

Namibia
"Africa a sorpresa. Relitti, diamanti, meteoriti, dune giganti, piante misteriose: tutto fa spettacolo. Le tribù di Windhoek. Le etnie del deserto. Benguela: la regione d'acqua. Leoni e pinguini sulla frontiera delle due faune."

Savana. La Namibia raccontata da una guida
Le pagine di questo libro sono uno strumento per viaggiare lungo le piste ed i deserti della Namibia, ma anche uno spaccato realistico su quello che è veramente questo Paese, sui popoli che ci vivono o sopravvivono, sulle culture che ancora vi sbocciano.

Questo itinerario è stato proposto da Sandro, puoi contattarlo:
HomePage