HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Souk  Cartoline  Sfondi  La Sfinge  Ludoteca Facebook  Twitter  Pinterest
 
Cromoterapia e colori nell'arredamento
   
La cromoterapia è una tecnica che si propone di guarire alcune patologie psicologiche attraverso l'uso dei colori e della loro intensità. L'applicazione di questa tecnica nella scelta dell'arredamento aiuta i singles, la coppia, la famiglia come anche i bambini a trovare conforto, ottimismo ed energia durante i momenti vissuti in casa. Mangiare, dormire e curarsi alla luce dei colori porta un incofutabile giovamento.

Cambiando la luce che vi si diffonde, qualsiasi spazio può essere completamente modificato. Se ne possono correggere i difetti o valorizzare le caratteristiche. Scegliere il colore e la sua intensità per ogni singola camera sono azioni che contribuiscono non poco a portare benessere e allegria nella propria abitazione.

La prima grande suddivisione dei colori è quella tra caldi e freddi.

Ai caldi appartengono il giallo, il rosso e l'arancione, oltre a tutte le gamme intermedie di rosa, aranciati ecc. Sono colori attivi, positivi, vicini. Sono detti colori "salienti" perché sembrano uscire dalla superficie, e sono associati all'azione, alla sonorità e al moto continuo.

I colori freddi (azzurro, blu, indaco e viola) sono calmi, passivi, negativi, lontani, spingono alla meditazione. Poiché sembrano sprofondare nella superficie sono detti "rientranti". Anche la percezione della durata del tempo cambia: il rosso "allunga" il tempo, l'azzurro lo "diminuisce". Così anche le dimensioni sembrano variare: il rosso "ingrossa" gli oggetti, l'azzurro li "rimpicciolisce".

Presi singolarmente, i colori comunicano sensazioni molto diverse.
Il giallo, il rosso e il blu sono i colori primari o fondamentali dello spettro cromatico; dalla loro combinazione derivano i colori complementari verde, arancione e viola. Rosso, arancione e giallo sono colori caldi e magnetici; blu, verde e viola sono freddi ed elettrici.

In cromoterapia il rosso, colore energetico, caldo e positivo, e' indicato per combattere la depressione, attivare l'irrorazione sanguigna e la circolazione, provoca un effetto stimolante e attivante; il giallo favorisce la digestione, stimola l'allegria, rasserena e rinforza il sistema nervoso; l'arancione stimola l'attivita' endocrina e aiuta a combattere l'angoscia e la tristezza, positivizza i sentimenti. Il blu favorisce la calma e del rilassamento, con proprieta' analgesiche, antispastiche e antinfiammatorie; il verde e' riequilibrante e sedativo, indicato per le malattie degli occhi, catarro bronchiale e artriti; il viola riattiva la circolazione linfatica, stimola la milza e favorisce l'aumento delle difese immunitarie, stimolando l'intuito.

Dunque ogni stanza ha il suo colore: nel soggiorno si può lasciar correre la fantasia... per questa stanza si usano tutti i colori preferiti con gli accostamenti più imprevisti.
In cucina, la stanza dominata dall'elemento fuoco, sono ideali il giallo e il bianco, che esprimono igiene e pulizia. Nell'area studio per ravvivare la creatività e stimolare la concentrazione si prediligono il giallo, l'arancio e il viola.
La camera da letto è la stanza dove si sogna, l'elemento è l'aria, quindi devono essere predominanti i colori più rilassanti come tutte le tonalità di blu e azzurro, evitando giallo e rosso che risultano eccitanti (da usare, al contrario, per riaccendere la fiamma di coppie "spente"...).
Per la camera dei bambini ideali sono i colori pastello; in particolare il verde acqua e il rosa.
Negli ambienti di passaggio come il corridoio sono preferibili toni chiari e tutti i pastello, evitando bianchi e beige che col tempo e in presenza di illuminazione sbagliata assumono le tonalità tristi e monotone dei grigi. Per la stanza da bagno si opta per il verde chiaro, il blu e l'azzurro che rievocano le tonalità dell'acqua, elemento fondamentale.

Il libro

Il colore: espressione e funzione di Isabella Romanello.
Il volume contiene considerazioni generali oltre ad una teoria del colore. Gli argomenti presenti nel volume: colore e architettura; arredamento; il colore negli ambienti esterni; altre applicazioni del colore (mezzi di trasporto, costruzioni, locali per lo sport e lo spettacolo, negozi, cartelloni pubblicitari); vernici e pitture. Un glossario e una bibliografia.

Potete trovare molti altri testi in materia cliccando qui

Il test

Il test dei colori inventato da Max Luscher (1949) si basa sull'assunto che la preferenza mostrata verso ciascuna tinta e le reazioni che questa provoca nel soggetto cambiano a seconda degli individui e dei momenti, pertanto il test viene utilizzato come strumento diagnostico dello stato psicofisico del soggetto. Puoi provare subito il test cliccando qui






 

HomePage