Home Page
Eventi  Agenda Eventi  Saldi invernali estivi 2017  Spacci & Outlet  Mercatini
AgendaAgenda degli EventiSAGRE, MOSTRE, FESTIVAL, MERCATINI & co.


Scegli la regione:

ABRUZZO
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
FRIULI VENEZIA GIULIA
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
ottobre 2018
giugno 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
luglio 2008
giugno 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
maggio 2007
aprile 2007
marzo 2007
febbraio 2007
gennaio 2007
MARCHE
MOLISE
PIEMONTE
PUGLIA
SARDEGNA
SICILIA
TOSCANA
TRENTINO ALTO ADIGE
UMBRIA
VALLE D'AOSTA
VENETO

Gardaland Disneyland Paris Leolandia Coupon
Attendere prego...

LOMBARDIA MOSTRA

Gli arazzi dei Gonzaga nel Rinascimento

A PALAZZO TE IN MOSTRA L'UNICO ARAZZO DEL PRIMO DUCA DI MANTOVA:
DA FEDERICO II AL CRITICO ZERI, L'OPERA E' OGGI NELLE MANI DI UN ANTIQUARIO

L'opera, risalente al 1539-40 e recentemente restaurata, ha un pedegree d'eccezione: accompagnato da un disegno preparatorio di Giulio Romano, è l'unico arazzo superstite commissionato dal duca Federico II. E' anche la più antica tappezzeria del grande arazziere fiammingo Nicola Karcher. Appartenuto a Federico Zeri è ora di un antiquario modenese: si tratta dell'unico pezzo di proprietà privata esposto alla mostra "Gli arazzi dei Gonzaga nel Rinascimento", a Mantova fino al 27 giugno

Quasi 500 anni di storia e numerose vite di personaggi importanti si intrecciano in 4,10 per 4,5 metri di preziosa trama in lana e seta. "Venere, spiata da un satiro, con i puttini" è l'arazzo cinquecentesco tessuto a partire da un disegno preparatorio di Giulio Romano, il principale collaboratore e l'allievo più dotato di Raffaello Sanzio. L'opera è uno dei 34 arazzi raccolti nella mostra "Gli arazzi dei Gonzaga nel Rinascimento. Da Mantegna a Raffaello e Giulio Romano" ospitata a Palazzo Te a Mantova fino al 27 giugno.

L'arazzo, databile tra il 1539 e il 40, è l'unico superstite commissionato dal primo duca di Mantova Federico II, il costruttore di palazzo Te, ed è anche la più antica tappezzeria sopravvissuta del maestro Nicola Karcher, il grande arazziere fiammingo attivo a Mantova. Negli anni '70 l'opera venne acquistata sul mercato londinese dal critico Federico Zeri che lo ha conservato fino alla sua morte, nel 1998, nella sua casa-museo a Mentana. Attualmente l'arazzo appartiene alla Galleria Raffaele Verolino di Modena: è un fatto eccezionale che un manufatto così significativo sia in mano privata, è infatti l'unico tra i 34 presentati.
Tutti gli arazzi esposti appartengono all'imponente collezione dei Gonzaga, realizzata per lo più nelle Fiandre o in Italia a opera di arazzieri di origine fiamminga. Molti di questi nei secoli seguenti sono andati distrutti, consunti dall'uso o acquistati da nobili italiani. Ciò che è giunto a noi oggi (52 opere) è solo una minima parte dei tesori dei tre figli di Isabella d'Este e Francesco II di Gonzaga: ventuno arazzi appartenuti ad Ercole (1505-1563), trenta a Ferrante (1507-1557) e soltanto uno - proprio quello in questione - del duca Federico (1500-1540). Grazie a Federico II Mantova divenne una nuova Roma: fu proprio per volere del primo duca che giunse in città Giulio Romano, discepolo prediletto di Raffaello e abile pittore, architetto ed urbanista, che trasformò la capitale dei Gonzaga in un centro manierista.

"Venere spiata da un satiro, con i puttini" è parte integrante del gruppo di arazzi "Giochi di putti" disegnati da Giulio Romano e tessuti da Nicola Karcher. Per la qualità esecutiva e figurativa e per la sua straordinaria provenienza storico-artistica l'arazzo può essere considerato uno dei più importanti mai fabbricati in Italia, oltre che l'unico, appunto, sicuro superstite dell'attività del laboratorio mantovano del grande arazziere brusselese Karcher nei pochi mesi in cui potè operare al servizio di Federico II. La scena intessuta è tratta da un testo di Filostrato: Venere, nuda e attorniata dagli amorini, viene spiata da un satiro che fa capolino da un roseto; questo dettaglio è ispirato da prototipi veneziani e da Correggio. Giulio Romano lavorò con Raffaello Sanzio nelle sue grandi imprese pittoriche, come gli affreschi di villa Farnesina, delle Logge e delle Stanze Vaticane e, alla sua prematura scomparsa, nel 1520, ne ereditò la bottega e le commissioni. Protagonista della storia della pittura e dell'architettura a Mantova tra il 1524 e il 46, Giulio Romano fu anche il maggiore disegnatore e cartonista di arazzi del secolo, ben assecondato da arazzieri fiamminghi come Nicola Karcher - che operò tra il 1539 e il '45 a Mantova - capaci di riprodurre su stoffa, con perizia e maestria, i suoi capolavori.

"L'arazzo è già stato esposto al grande pubblico nel 1989, nell'ambito alla mostra mantovana dedicata a Giulio Romano - spiega Verolino - ma dopo il suo acquisto l'ho sottoposto a un importante restauro. Era stato infatti coperto da una vernice sintetica utilizzata per rendere più vivaci i colori delle carni dei puttini, ma siamo riusciti a riportato al suo originale splendore. Il paziente lavoro di pulitura è durato quasi tre anni: sono state asportate le macchie di vernice, integrate e sanate alcune piccole lacune lasciando intatto il prezioso tessuto e ritrovando aree cromatiche che parevano svanite".

Da oltre vent'anni Raffaele Verolino, antiquario modenese, ricerca tappeti e arazzi che nel tempo le più importanti manifatture europee hanno creato per prestigiosi commissionari di tutto il mondo: manufatti francesi della Savonnerie e di Aubusson, inglesi di Axminster o gli Hooked americani, fino agli esemplari di Arrajolos e Cuenca prodotti nella penisola iberica. Una collezione, quella di Verolino, frutto di una continua e appassionata ricerca, che mira a scoprire esemplari unici per stato di conservazione e rarità dei disegni, ed è ricca di manufatti dalle caratteristiche e dalle dimensioni estremamente versatili. Il collezionista è stato consigliato nel suo acquisto proprio da Nello Forti Grazzini che, insieme a Guy Delmarcel, è tra i curatori della mostra mantovana: i due storici dell'arte hanno giudicato il prezioso arazzo come un pezzo più unico che raro.

Questo capolavoro del pieno Rinascimento italiano sarà visibile fino al 27 giugno al Palazzo Te di Mantova, lunedì dalle 13 alle 18 e dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 18.00.

 








Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

HomePage