HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
In giro per l'Andalucia… con base a Torremolinos
Doveva essere una settimana di riposo, ma come si fa a rimanere fermi in una regione della Spagna così ricca di cose belle?
Cortile dei Leoni di palazzo NazariesCortile dei Leoni di palazzo NazariesAlhambraAlhambraPerto-marina-BenalmadenaPonte di Ronda

Siamo partiti in aereo destinazione Malaga e da lì con 20 minuti d'auto, siamo arrivati nell'albergo che avevamo prenotato a Torremolinos, una nota località della costa.
Certo in aprile, essendo fuori stagione, è un po' addormentata come lo è anche Riccione in questa stagione, tuttavia si nota che è una città molto viva, piena di ristorantini, chiringuitos, che sono dei barettini sulla spiaggia con musica, drink e stuzzichini, tanti locali e negozietti.

Cosa vedere
Torremolinos è un ottima base per raggiungere un sacco di belle località dell'Andalusia riuscendo a fare andata e ritorno in giornata.
Vi consigliamo di fare una bella passeggiata a Puerto Marina, che è il porto turistico di Benalmadena, il paesino successivo a Torremolinos, pieno di discoteche negozi, e barche bellissime circondate da una serie di costruzioni simili a minareti che fanno parte di un residence esclusivo.
Malaga è la città più vicina, è collegata con autobus che vanno e tornano ogni mezz'ora e un trenino che somiglia molto ad una metropolitana, infatti, il suo percorso è in parte sotterraneo e raggiunge Fungirola.

Come spostarsi
I biglietti si possono fare anche alle macchinette automatiche, cosa che ora è molto agevole per via dell'euro che ci accomuna con la Spagna, per i bus invece i biglietti si fanno in vettura dall'autista. La fermata più comoda del trenino della Cercanias, è al centro del paesino di Torremolinos e passa ai 04 e 34 d'ogni ora e in 20 minuti vi porta alla fermata della stazione di Malaga che si chiama MALAGA RENFE. Se non si vuole noleggiare un auto per girare, in treno si possono raggiungere tutte le località molto agevolmente, per darvi un idea Granada è a 138 km da Torremolinos, Cordoba è a 192 km., Siviglia a 217 km.

Cosa vedere a Malaga
Malaga è la città natale di Picasso e qui c'è la possibilità di visitare la sua casa, da vedere la Cattedrale che è particolarmente bella anche se la sua facciata è incompiuta manca, infatti, una delle torri laterali. Da vedere l'anfiteatro e l'Alcazar e il castello, per raggiungere quest'ultimo se non avete voglia di fare una lunga passeggiata, c'è il bus.

Granada e la sua meravigliosa Alhambra
Granada
non ha certo bisogno di presentazioni, basti pensare all'Alhambra. Per accedere all'Alhambra il biglietto costa 8€, vi consiglio se non partite con un viaggio organizzato, di acquistarlo alla banca BBVA che ha filiali in tutta la Spagna, infatti, questa banca gestisce le entrate a questo complesso monumentale per evitare il sovraffollamento e la conseguente possibilità di danneggiare lo stesso. Se non riuscite ad acquistare il biglietto con almeno una settimana d'anticipo, noi di martedì abbiamo chiesto alla banca per il venerdì successivo e c'era disponibilità solo per le 22,00 di sera, non disperate, infatti, il venerdì mattina molto caparbiamente alle 11,00 siamo arrivati alla biglietteria e abbiamo comprato l'ingresso per le 14,00 con visita al Palazzo Nazaries (quello col famoso cortile dei leoni) dalle 15,00 alle 15,30. C'è da premettere che noi in aprile eravamo fuori stagione turistica e che quel giorno diluviava, non so dirvi con sicurezza se in agosto riuscirete a comprare il biglietto in loco senza prenotare.

Mi soffermo a spiegare una cosa che è noiosa ma importante per non perder l'opportunità di visitare questo bellissimo posto.
Il complesso è formato di quattro parti Alcazaba, Palazzo Nazaries, Partal y Medina e Generalife e il biglietto va conservato perchè in ogni parte verrà richiesto e strappato. La limitazione d'ingresso al Palazzo Nazaries è molto importante, poiché se noi non avessimo effettuato l'ingresso a quella parte del complesso tra le 15,00 e 15,30 avremmo perso il diritto di accedervi. Per chi non è in auto, a Plaza Nueva in centro città c'è la fermata del microbus che sale fino all'Alhambra. L'Alhambra è una reggia-fortezza unica nel suo genere, è così bella che va vista, non si può descrivere a cominciare dagli stucchi che sembrano merletti, ai giardini con le fontane con una bellissima vista sulla città.

La città di Ronda e dintorni
Ronda, da non perdere assolutamente, è una città costruita su uno sperone roccioso, tagliata in due dal Tajo, una fenditura di circa 150 metri di profondità attraversata da due ponti, uno vecchio e uno nuovo. C'è una lunga passeggiata per scendere in fondo alla gola e poter vedere lo spettacolare ponte da sotto, o una altrettanto emozionante scorciatoia alla quale si accede dalla Casa del Rey Moro e la Mina de Agua, un percorso scavato nella roccia che scende nella gola tramite una lunga scala a chiocciola con finestre che si affacciano sulla gola e stanze che intervallano la discesa e che fungevano da sala delle armi, sala dei segreti …. Era, infatti, una struttura militare segreta quando Ronda era in posizione strategica nel controllo del regno Nazarì de Granata.
Se vi muoverete in auto, prima di arrivare a Ronda fermate al paesino di Mijas che è famoso per i suoi muli, ma è anche molto grazioso con tutte le sue casine bianche che lo rende il tipico pueblo espanol. Un particolare che ci ha colpito sulla strada di montagna che si arrampica verso Ronda e Mijas sono i bellissimi ed enormi alberi di mimosa profumatissima che la costeggiano.

Cordoba
Cordoba l'abbiamo raggiunta in treno che è stato di una puntualità sorprendente, due ore di viaggio comodissimo dove dal finestrino si ammira una campagna bellissima piena di colline verdi punteggiate d'ulivi e d'agrumeti che emanano un profumo intensissimo.
La città è davvero bella e merita di essere vista la Mezquita Catedral, una delle cattedrali più grandi dopo S. Pietro a Roma, moto curiosa poiché l'interno è decisamente orientale, ma al centro di questa struttura, a sorpresa ci si trova dentro ad una cattedrale di gusto rinascimentale con un enorme coro ligneo. Da visitare anche l'Alcazar de los Reyes Cristianos con il suo bellissimo giardino e il quartiere detto Juderia dichiarato Patrimonio dell umanità dall'Unesco.

Naturalmente ci sono Siviglia, Gibilterra, Jerez de la Frontiera... ma noi come ho premesso all'inizio, volevamo anche riposare, prendere una bell'abbronzatura per far diventare blu dalla rabbia i colleghi, quindi abbiamo dedicato un po' di tempo al sole alla piscina, sauna, bagno turco e idromassaggio.
Sarà per un'altra volta…un altro viaggio.







 

Biblioteca di viaggio

Spagna settentrionale
Castiglia-León, Barcellona, Catalogna, Andorra, Aragona, Paese Basco, Navarra e La Rioja, Cantabria e Asturie, Galizia...

Spagna centrale e meridionale
La guida segnala le feste che rendono particolare il viaggio, offre dettagliati percorsi a piedi, con indicazione delle distanze e della percorrenza, orari aggiornati di musei noti e meno noti.

Barcellona
Barcellona è e non è Spagna: la seconda città spagnola dopo Madrid è anche la capitale della regione autonoma della Catalogna...

Madrid. Con cartina
Una città che "sprizza" vitalità, energia e dinamismo e che esprime la propria essenza nel movimento che anima le sue strade: da vivere forse ancor più che da vedere...

Moleskine pocket. City Notebook Madrid
Un taccuino speciale destinato ai viaggiatori, per turismo o per lavoro, che vogliono organizzare il proprio viaggio e conservarne memoria...

Storia politica di Euskadi ta Askatasuna e dei Paesi Baschi
La storia di un'organizzazione armata che dal 1959, anno della sua nascita, non ha mai cessato di sparare...

Il Cammino di Santiago. Con DVD
"Il Cammino di Santiago" racconta il viaggio del narratore Paulo lungo il sentiero dei pellegrini che conduce a Santiago di Compostela, in Spagna. Un libro del grande Paulo Coelho

La via di Santiago
Per Natalino Russo, che ha percorso il Camino de Santiago lungo tre itinerari diversi, le convinzioni iniziali si sono andate trasformando di tappa in tappa...

Andalusia
Emozionante, piena di colore e di vita, l'Andalusia rispecchia questa sua caratteristica vivacità soprattutto in quella particolare forma d'arte che è il flamenco...

Siviglia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi

Valencia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi di ristoranti, caffè, sale da tè e da concerto, bar, teatri, negozi, mercati, alberghi.

Ibiza e Formentera
Ibiza è una delle capitali del divertimento mondiale: questa fama rischia però di oscurare le bellezze naturali dell'isola, che vanta magnifiche spiagge ancora incontaminate e un entroterra ricco di boschi.

Isole Canarie
Dalle isole occidentali, meno conosciute, al Parque Nacional de Garajonay, sito dichiarato Patrimonio dell'Umanità, dal vulcano di Tenerife alla Cueva de los Verdes di Lanzarote

Tenerife
Hotel, appartamenti, ristoranti e tapa-bar illustrati nel dettaglio e con l'indicazione dei prezzi. Informazioni sulle cose da vedere, le gite, i divertimenti, lo shopping e gli sport.

Fuerteventura
Attirati dalle fiestas, dalle discoteche e dai club aperti fino a tardi, dai parchi acquatici e dai campi da golf, i turisti esplorano in ogni stagione l'esuberante Fuerteventura...

Il libro delle tapas
"Il libro delle tapas" propone un'imperdibile raccolta di semplici ricette originali di tapas, dai gambas al ajillo, i gamberi all'aglio, alla tortilla de patatas a la espanola, la tornila di patate alla spagnola. Scritto da Simone e Inés Ortega, con un'introduzione del celebre chef di tapas spagnolo José Andrés, il volume dimostra quanto le tapas siano versatili e gustose.

3000 anni di cucina spagnola
Questo libro ha l'ambizione non solo di far conoscere e provare tutto (o quasi) ciò che si gusta e si cucina in Spagna, dalla Catalogna alle Baleari, dai Paesi Baschi a Siviglia, dall'Estremadura ai Pirenei, ma di raccontarne la storia, dalle origini...

... e tutti i film sulla Spagna, cliccando qui!

 

 

 

Questo itinerario è stato proposto da Stefano e Cinzia, puoi contattarli:
HomePage