HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
A spasso con i patriarchi verdi della marca trevigiana
Gli alberi sono nati prima dell'Uomo, circa 300 milioni di anni fa. Fu proprio la loro presenza a rendere abitabile e respirabile questo Pianeta...
Castagner di S. Giusto (Fregona)Rovere della Madonna della RoccaRovere della Madonna della RoccaCedri del Libano e dell'Atlante a Villa Franchetti (Preganziol)Fagher di Borri a Valdobbiadene

Breve storia delle migrazioni degli Alberi

Gli alberi sono nati prima dell'Uomo, circa 300 milioni di anni fa. Fu proprio la loro presenza a rendere abitabile e respirabile questo Pianeta così da consentirne la vita. Essi sopravvissero alle Ere glaciali e migrarono molto lentamente. La prima a farsi strada all'inizio del X millennio a.C., col ritiro dei ghiacci, fu la Betulla, seguita dal Pino, Pioppo e Salice. Poi arrivarono il Ginepro, il Sorbo Rosso, il Nocciolo, l'Olmo, la Quercia, seguita da Agrifoglio, Tasso e Ontano. Tra il VI e il III millennio a.C., giunsero il Frassino, il Biancospino, il Tiglio mentre l'Abete Rosso compariva in Russia e Scandinavia. Il più incredibile fu il Faggio, l'ultimo ad apparire intorno al 2000 a.C. Da quel momento in poi la Foresta Vergine si riprese l'Europa.
Perso lo stretto contatto tra Uomo e Albero, che caratterizzò in particolare le popolazioni europee dei Celti e Teutoni prima dell'avvento del Cristianesimo, antiche piante millenarie caddero sotto la scure dell'Uomo per lasciar posto all'avanzata della cultura umana che ancor oggi (in Amazzonia o nelle foreste canadesi etc.) continua a ridurre lo spazio lasciato alle foreste.
Ma per fortuna si possono ancora vedere in tutta Italia e anche a Treviso vegliardi imponenti, risparmiati dalla cura della gente, protetti all'interno dei campi o dei parchi. Ecco allora alcune utili indicazioni per raggiungere i più belli e i più antichi alberi ancor oggi visibili nel Trevigiano.

I più vecchi alberi della Marca Trevigiana

Primeggia di certo il bel Castagner di S. Giusto (Fregona) che ha mezzo millennio e si trova sulle Prealpi Trevigiane, in via S. Giusto a Nastego di Fregona. Impossibile imbattersi in esso senza qualcuno che ve lo indichi. Il castagno infatti cresce ai bordi di una piccola scarpata in mezzo ai campi coltivati, che danno su di una vallata dove purtroppo il paesaggio è rovinato da alcuni edifici industriali. Il castagno non sembra avvedersene: da 500 anni è lì, poco lontano da una abitazione e osserva il lento trascorrer del tempo degli uomini. E' in buone condizioni e ha una circonferenza di 7.43 metri.
Il nostro viaggio continua con il Rovere della Madonna della Rocca di Cornuda, bellissimo esemplare di quercus petraea che si aggetta sul percorso che conduce alla chiesetta omonima sulla cima della Rocca di Cornuda. Ha di poco più di 150-200 anni, ma ne dimostra molti di più per la sua strana e contorta posizione che la fa assomigliare a un robusto pachiderma che protende la proboscide sui passanti. E' un albero maestoso, tuttora in discrete condizioni. Su di esso vi è anche una leggenda: secondo la tradizione religiosa la Madonna sarebbe apparsa a un pastore seduta sulle radici dell'albero. Alla base del fusto ancor oggi vengono posti dei vasi di fiore accanto a un'edicola dedicata alla Madonna.
Imperdibili infine i Cedri del Libano e dell'Atlante a Villa Franchetti (Preganziol) di 150 anni circa. I due alberi sono siti nel parco della Villa Franchetti, che qualche secolo fa ospitò il Pindemonte e Ugo Foscolo, che qui compose "I Sepolcri". Gli alberi si segnalano per il loro elevato valore paesaggistico, mentre la maestosità delle piante e della villa si completano a vicenda. Il più grande dei due è visibile anche percorrendo la SS Pontebbana, all'altezza dell'incrocio che porta a S. Trovaso di Preganziol.
Merita una visita anche il Fagher di Borri a Valdobbiadene, di quasi 300 anni. Per arrivarci bisogna percorrere alcuni sentieri facili in mezzo alle Pianezze. Il Faggio cresce lungo la mulattiera che va proprio da Pianezze a case Borri. E' un fusto eretto e possente con ampia chioma con tantissime branche. Ma la zona merita una visita non solo per il paesaggio che si colora di moltissime sfumature soprattutto con l'autunno, ma anche perché qui si trova una vera e propria 'miniera di Grandi Alberi' di cui il Fagher di Borri è uno dei migliori esemplari.

Altri alberi da vedere: se l'itinerario alla ricerca dei più begli alberi trevigiani vi è piaciuto, vi consigliamo di continuare l'itinerario andando a salutare la Quercia di S. Antonio (Volpago) di 200-250 anni, il Grande Fagher (faggio) di Endimione a Valdobbiadene che seppur mortalmente mutilato ha circa 500 anni, il Pino del Canova di 210 anni piantato da Antonio Canova nel parco della Gipsoteca di Possagno, i Cipressi della Via Crucis a Possagno e quelli dell'Albergo ai Pini (Tarzo) di 400 anni, i Sette Pini a Conegliano di circa 500 anni, il Morer secolare dell'Osteria a Fontane di Villorba e infine l'Olivo di Papa Lucani a Ceneda (Vittorio Veneto) di circa 200 anni. In Provincia di Treviso uno studio condotto dalla Regione Veneto e dal Wwf ha censito almeno 200 alberi secolari, ma uno sguardo attento al paesaggio saprà scorgerne, tra una casa, una collina e una fabbrica molti molti di più. Occhi aperti dunque…

Paola Fantin

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Venezia e il Veneto
I sestieri di Venezia. La pianura Veneta. Verona e il lago di Garda. Il tour del vino in Valpolicella. Itinerari dettagliati. Carnevale, arte, architettura, vini, gastronomia e altro ancora, nella classica visuale Mondadori.

Venezia. Con cartina
A Venezia incontrerete le tracce dei due grandi pittori veneziani, Tintoretto e Tiziano, andando di bottega in scuola, di chiesa in chiesa; i commenti degli spettatori esperti nei palchi del Teatro La Fenice; l'arte contemporanea dell'ultima Biennale e delle collezioni Peggy Guggenheim e Pinault; un prelibato "mangiare locale" a base di moleche, sarde insaor e asparagi di Gassano; gli intrighi e i misteri di Palazzo Ducale; un'escursione fra le isole meno frequentate della laguna a bordo di un bragozzo.

Verona Amor
Verona Amor è un percorso a enigmi nella città dell’Amore per svelare i suoi misteri e scoprire gli angoli più suggestivi. Diventa il protagonista della storia.

Il Veneto in cucina
Una raccolta di ricette tipiche del Veneto, dall'esecuzione estremamente semplice, all'insegna della regola aurea che dovrebbe ispirare ogni buon ristorante: far da mangiare pochi piatti, ma fatti bene. Come diceva Angelo Beolco detto il Ruzante, citato nella prefazione dagli autori, "la cucina veneta ha la prerogativa di accontentare il signore e il popolano".

Il gastronauta in Veneto. Viaggio tra le eccellenze del Veneto minore
16 itinerari attraverso la provincia veneta, alla scoperta di luoghi poco conosciuti, ma ricchi di paesaggi, opere d'arte e giacimenti golosi.

Biblioteca di viaggio dei bambini

I bambini alla scoperta di Venezia
Venezia è la città dell'arte, del carnevale, dell'amore, del fascino e del mistero. Questa guida pensata per i più piccoli, conduce i bambini tra dedali di vie nascoste e piazze incantevoli, volando tra i ponti e le acque di questa città "unica" al mondo, protagonista di antiche storie, favole e leggende. Età di lettura: da 8 anni.

Veneto
Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia. Inoltre una parte dedicata all'interattività (Lavoro io) con testi e immagini su cui lavorare giocando.

Questo itinerario è stato proposto da Paola, puoi contattarla:
HomePage