HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 

Alto Adige: castelli da visitare, “da vivere” o, semplicemente, da ammirare

Un itinerario alla loro scoperta non può che partire da Appiano,
uno dei comuni che ne possiede di più in tutta Europa

Castello di Andraz

Castello di Andraz

Castello di Andraz

Castello di Andraz

Castello di Andraz

Castello di Andraz

Castello di Andraz

Castello di Andraz

In Alto Adige sono più di ottocento i castelli che, con le loro sagome turrite e le imponenti mura merlate, impreziosiscono il paesaggio.

Molti di questi manieri si trovano sulle alture che abbracciano Bolzano, o nei suoi dintorni: di alcuni resta solo l’involucro esterno, come il rudere di Castel Neuhaus, a Terlano, inconfondibile con i suoi bastioni aggrappati a uno sperone scosceso. O Castel Salorno-haderburg, che spunta fiero da un pinnacolo roccioso. Altri invece - come Castel Gandegg o Castel Freudenstein ad Appiano sulla Strada del Vino - sono residenze private.

E proprio Appiano merita un capitolo a parte: questo incantevole paese possiede infatti ben 180 tra residenze nobiliari e castelli, un patrimonio che lo rende una meta unica. Ma non bisogna pensare che tutti questi antichi palazzi siano semplicemente lì “a far bella mostra di sé”: molti sono spazi più che mai vitali, vere e proprie gemme che nascondono al loro interno musei, hotel di charme, cantine, luoghi per concerti e spettacoli o suggestivi ristoranti.

Appiano: il regno dei castelli festeggia 140 anni di turismo

Per gli appassionati di storie di cavalieri e dame (o per i tantissimi amanti del fantasy) Appiano è un paradiso: qui, lungo la Strada del Vino dell’Alto Adige, tra dolci colline rigate dai vigneti, si trova infatti un incredibile patrimonio di fortezze e residenze medioevali.

In tutto sono circa 180, un numero che fa di Appiano uno tra i comuni europei più ricchi di castelli. Quest’anno inoltre, il paese festeggia il suo “giubileo”: esattamente 140 anni fa veniva riconosciuto come “luogo di cura climatico” da parte del governo di Vienna, complici la bellezza dei suoi paesaggi e il clima, particolarmente mite e piacevole.

Dimore di cultura a Bolzano

Castel Firmiano, poco fuori dal centro di Bolzano, è senza dubbio uno dei castelli più famosi del capoluogo e dell’intera provincia: innanzitutto perché ospita Mmm Firmian, cuore del progetto museale dedicato alla montagna voluto e creato dallo scalatore Reinhold Messner (e che comprende, oltre a questa, altre quattro sedi). E poi perché è un perfetto esempio di dialogo architettonico: l’interessante percorso espositivo si snoda infatti tra le antiche mura, rese accessibili da una struttura moderna in vetro e acciaio.

Per chi invece subisce il fascino delle saghe cavalleresche, assolutamente da vedere Castel Roncolo: situato all´imbocco della Val Sarentino, è stato costruito nel 1237.
Oggi lo si visita per l’incredibile ciclo di affreschi a soggetto profano più grande e meglio conservato del Medioevo.

Il lato gourmet dei castelli: ristoranti e cantine

Per chi vuole esplorare le antiche residenze altoatesine seguendo un itinerario enogastronomico, segnaliamo Castel Flavon-haselburg, a Bolzano, dove si assaggiano autentiche specialità locali cenando tra antiche mura medioevali.

A Caldaro invece si trovano Castel Ringberg, magnifico palazzo/ristorante immerso tra i vigneti, e Castel Aehrental che, oltre al ristorante, mette a disposizione per gli ospiti alcune accoglienti camere.

Assolutamente imperdibile, infine, Castel Turmhof-tiefenbrunner, a Cortaccia: sulla Strada del Vino dell’Alto Adige, questo castello ospita una rinomata cantina.
Qui si possono fare visite guidate (con degustazione) oppure prendersi un po’ più di tempo e provare la tipica merenda sudtirolese nel punto di ristoro (aperto fino a inizio novembre).

Muoversi green. Le proposte per chi vuole lasciare a casa l’auto

• In treno, con le Ferrovie Austriache e Tedesche Con i treni Db-öbb Eurocity si raggiunge comodamente Bolzano a partire da soli 9 € (da Verona, Bologna, Padova e Venezia). I bambini fino a 15 anni viaggiano gratis, se accompagnati da un genitore o da un nonno.
Per maggiori informazioni: www.Bahn.com/it e www.Obb-italia.com
• Mobilcard Alto Adige Con Mobilcard, si possono utilizzare tutti i mezzi pubblici del Trasporto Integrato per scoprire l’Alto Adige. Biglietto valido per 7 giorni a 28 €, oppure 3 giorni a 23 €.
Mobilcard Junior (sotto i 14 anni) costa la metà, mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano gratis

Informazioni: Consorzio Turistico Bolzano Vigneti e Dolomiti tel. 0471 633 488

Info www.Bolzanodintorni.info

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Alto Adige Südtirol. Bolzano, Merano, le Dolomiti, le valli, la natura, le escursioni. Con guida alle informazioni pratiche
Da sempre terra d'incontro tra mondo latino e germanico, l'Alto Adige-Südtirol è sia luogo di sintesi della cultura italiana, ladina e tedesca, sia uno dei cuori dell'Europa moderna: 6 capitoli, 11 percorsi di visita fra valli e parchi, alla scoperta di antiche città e piccoli paesi, suggestivi castelli e splendide chiese medievali.

I rifugi delle Dolomiti, Trentino Alto Adige
361 rifugi, malghe e bivacchi presenti sulle Dolomiti trentine e altoatesine a uso dei camminatori, escursionisti, alpinisti e appassionati di natura.

Alto Adige Südtirol
Cittadine, e borghi di rara armonia architettonica, valli incontaminate, le strade del vino e i castelli fortificati: 5 itinerari per vacanze indimenticabili in un territorio con la più alta concentrazione di stelle di Michelin.

La buona cucina delle Dolomiti. Le ricette del bosco
Il bosco regala erbe selvatiche, cesti di finferli, porcini e cantarelli e tanti frutti rossi. Ma come prepararli? Nel piccolo libro un po' retrò, 90 ricette di primi piatti, carni e selvaggina, dolci, conserve, sciroppi e grappe della tradizione più autentica.

Incantevoli Dolomiti. Escursioni, nordic walking. Itinerari per tutti da percorrere in compagniaIncantevoli Dolomiti. Escursioni, nordic walking. Itinerari per tutti da percorrere in compagnia
Percorsi semplici, ognuno con una caratteristica peculiare: laghi, tradizioni, geologia, piante e erbe, architettura rurale. Sentieri e strade di montagna adatte a tutti, bambini compresi. I percorsi sono stati interamente tracciati con gps e di ognuno vengono proposte numerose immagini fotografiche. Il libro ha il patrocinio della Fondazione Dolomiti Unesco.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Alto Adige per piccoli esploratori. Escursioni a misura di bambiniAlto Adige per piccoli esploratori. Escursioni a misura di bambini
Si può provare un percorso avventura, visitare un museo multimediale, un castello o una miniera, passeggiare in un biotopo o salire su una nave. Tra un’indicazione e l’altra, l’autore racconta inoltre storie che susciteranno il sorriso o lo stupore dei vostri piccoli accompagnatori. Programmare una gita sarà facilissimo, grazie alle informazioni pratiche che segnalano orari, prezzi di ingresso, indirizzi di punti di ristoro adeguati ai bambini oltre a indicazioni su come raggiungere la meta prescelta e su cosa portare con sé.

Fiabe e leggende delle Dolomiti
Tra principesse e cavalieri, specchi magici e torri irraggiungibili, nelle leggende e nelle fiabe raccolte da Pina Ballario la protagonista è la magica natura delle Dolomiti, che da sempre incanta per la sua bellezza.

Le Dolomiti. Ecco come sono nate!
In questo libro i protagonisti sono Dò, gattino dolomitico molto curioso, e Leopold, uomo di scienza e collezionista di minerali. Insieme scoprono la genesi delle Dolomiti, le montagne più belle del mondo.

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage