HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari nel Mondo  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Marrakech e il tour degli hammam
Una splendida settimana in Marocco e più precisamente a Marrakech, mi ha fatto apprezzare un tipo di relax speciale: l'hammam.

Voglio farvi un resoconto di ciò che accade in un hammam e segnalarvi quelli che ho provato perchè è un esperienza che consiglio a tutti.

HAMMAM ZIANI
Ma parliamo dell'hammam Ziani uno dei più economici Nonostante non avessi con me nulla mi è stato possibile farlo, perchè vieni fornito all'ingresso di una borsa di rafia contenente accappatoio (che ho avuto la sensazione che non venga lavato tutte le volte), ciabatte in gomma, sapone nero, pareo, shampoo, una piccola spazzolina in plastica... per gli schizzinosi aggiungo che non sono monouso. Ingresso uomini e donne sono divisi: le donne vengono lavate e massaggiate solo da donne e gli uomini solo da uomini.
Consiglio, se andate preparati a fare l'hammam, di indossare lo slip del costume da bagno e portare con voi la biancheria intima perchè uscirete bagnati fradici, aggiungo anche che chi ha i capelli lunghi porti con se un phon perchè là non ci sono e uscire con i capelli bagnati, anche se a Marrakech è caldo, non è piacevole.

Verrete accompagnati agli spogliatoi che sono piccole cabine con tenda e di fronte trovate gli armadietti con chiave dove lasciare le vostre cose. Poi finalmente si entra nell'hammam ovvero il bagno turco di vapore che nel caso del Ziani è una struttura ad igloo in ceramica bianca. Qui verrete lasciati soli per un pò a sudare e quando torneranno vi laveranno la schiena col sapone nero... per il resto del corpo vi danno il sapone nero in mano e fate voi. Si resta ancora un pò nel bagno turco poi vengono a sciacquarvi con scodelline di acqua calda e si passa in una stanza accanto su un lettino per lo scrub... piuttosto energico che porterà via le cellule morte e anche quelle solo un pò svenute... facendovi fare la figura di quelli che sono almeno 20 giorni che non si lavano dal numero di rotolini neri di pelle che vengono via!!

Si torna un pò nel bagno di vapore dell'hammam e poi il momento magico del massaggio con olio di Argan: 30 minuti di relax e mani molto energiche che vi massaggiano dalle dita dei piedi ai capelli. Tutti unti e scivolosi, si passa al savonage, ovvero insaponamento di tutto il corpo e poi potete andare in doccia.
Poco prima dell'uscita una sala relax con divanetti bianchi nella penombra vi attende per un the alla menta. L'hammam Ziani è aperto dalle 8 alle 21, come orario consiglio le 13 perchè c'è pace e silenzio... tutti i turisti sono a mangiare!
E' un hammam noto in quanto tempesta le strade di Marrakech di Flyer e il relax di un hammam si vive meglio nel silenzio, lo dico perchè essendo andata tre volte, una volta sono capitata con 5 ragazze americane che non sono state zitte un minuto... e il relax è andato alle ortiche!! Prezzo totale del pacchetto 270 DH corrispondenti a 26€ circa. Link: www.hammamziani.ma

ISIS SPA
Un salto di qualità parlando di aspetto, nel senso che è di recente costruzione quindi non vedrete piastrelle sbrecciate o crepe sui muri. Ha un aspetto un pò esotico per via del legno e un po asettico in quanto è tutto bianco e nero... mancano un pò i bellissimi muri colorati che caratterizzano l'artchitettura marocchina o le piastrelle a mosaico multicolore. Anche Isis ha ragazzi che distribuiscono volantini in strada e quindi è un posto facilmente trovabile... ma meglio prendere l'appuntamento. Verrete accolti nel bel cortile rigorosamente bianco con poltrone e altri arredi neri e acciaio, gentili signorine vi porteranno in uno spogliatoio e vi forniranno di tutto il necessario: accappatoio, ciabatte, perizoma in carta monouso. Sul terrazzo del riad c'è la sala hammam dove verrete lavati col sapone nero e vi verrà fatto un gommage energico che porterà via la stanchezza e vi farà tornare la pelle di quando avevate 8 anni! Segue l'impacco con rassoul che è un fango e lavaggio.

Si scende poi al piano di sotto e in una bella sala massaggio a lume di candela con essenze profumate e musica zen un bel massaggio di un oracon huile d'argan vi darà nuova vita. Relax nel cortile con un bel the alla menta. Vista l'eleganza del riad e gli accessori monouso il costo di questo servizio in coppia vi costerà 750 DH ovvero 74€. Aperto dalle 9 alle 21, ma fate attenzione che in periodo di ramadan chiudono prima. Il link dell'Isis Spa è: www.riad-isis.com

LES BAINS DE MARRAKECH
Quando la realtà supera il sogno... diciamo che non è affatto economico in quanto il trattamento che ho usufruito nei precedenti hammam descritti è lo stesso che ho richiesto qui per coppia e ci è costato 1600 DH, corrispondenti a circa 158 € (è comunque inferiore a ciò che richiedono in Italia per un trattamento analogo che analogo è solo a parole, ma a fatti non è nemmeno paragonabile).

La suggestione e la cura dei particolari che richiama i colori e le forme del Marocco è stupefacente, luci dai toni caldi e tenui e musica rilassante vi seguono in ogni ambiente. Ogni ambiente per la sua raffinatezza vi strappa di bocca un :-Ohhhhh!
Necessario prenotare per tempo lasciando un acconto del 30% sull'importo del trattamento. Verrete condotti negli spoglIatoi attraverso corridoi coperti di tende dai caldi colori cangianti e lampade con vetri colorati e trafori che creano suggestivi giochi di luce. Nello spogliatoio vi verrà assegnato un armadietto con chiave e all'interno troverete accappatoio e ciabatte monouso; vi chiederanno all'atto della prenotazione di indossare per i trattamenti uno slip da bagno.

Si entra poi nella sala relax ricavata dal cortile ricoperto da teli bianchi con tutti i lettini intorno con materassi bianchi. Quando è il momento vi porteranno all'hammam doppio, ovvero con 2 lettini e la fonte. Tutte le pareti sono in tadelak il tipico intonaco marocchino rosso, dove resterete 45 minuti e ogni tanto entreranno 2 addetti a insaponarvi con sapone nero, poi a sciaquarvi, a fare lo scrub alla pelle col guanto, poi per l'impacco di rassoul con chiodi di garofano e lavaggio. Si torna in cortile relax e poi sala massaggio bellissima, piena di piccole nicchie con candele sempre con gli stessi colori caldi e profumi intensi che vi avvolgono. Un'ora di massaggio rilassante moderatamente energico con oli di Argan aromatici drena la circolazione linfatica e ridà vita a ogni piccola parte del vostro corpo. Nuovamente relax che vi assicuro è gradevolissimo tra un trattamento e l'altro, e poi una sorpresa bellissima: un bagno di coppia in 2 splendide vasche in tadelak nero dove vi immergerete nel caldo dell'acqua, che contiene sali da bagno all'arancio e petali di rosa profumatissimi a profusione, per mezz'ora in piena libertà. Insomma bando all'avaria: questo trattamento una volta nella vita bisogna assolutissimamente farlo!
Il link: www.lesbainsdemarrakech.com

Cinzia & Stefano

 






 

Biblioteca di viaggio

Marocco
Una guida per scoprire la Djemaa el-Fna di Marrakech, per perdersi nel labirinto dei suoi souq, per lasciarsi incantare dal tramonto sulle sabbie del Sahara tra le dune dell'Erg Chigaga, per ammirare l'arte della tessitura dei tappeti dalle abili mani dei maâlem. Quattro autori, 136 giorni di ricerche sul campo, 98 cartine dettagliate, sei escursioni a dorso di cammello. Un capitolo sull'artigianato, con consigli per lo shopping e i migliori workshop per viaggiatori. Questa ottava edizione include un "Indice verde" con tutti gli indirizzi ecosostenibili in Marocco e una rubrica dedicata alle Comunità del cibo dei Presidi Slow Food, curata dall'associazione Terra Madre.

Marrakech. Con cartina
Una guida maneggevole e tascabile con una cartina pieghevole a colori e piantine particolareggiate dei quartieri, per orientarsi con facilità; i consigli su ristoranti, negozi e divertimenti migliori; una selezione dei luoghi d'interesse particolari e itinerari speciali per sfruttare al meglio un soggiorno di breve durata.

Marrakech. Itinerari d'autore
I colori vivaci dei banchi ricolmi di frutta, la sensualità dei tessuti, gli odori delle spezie, il suono del martello sul rame... Gli itinerari di questa guida, redatti dal giornalista Olivier Cirendini e illustrati dai disegni di Jacques Ferrandez, autore dei "Carnets d'Orient" (affresco della storia di Algeria dal periodo coloniale all'indipendenza), parleranno ai vostri quattro sensi portandovi nei souq della medina, nella piazza Jemàa el-Fna, alla Moschea Koutoubia e al Jardin Majorelle o per le strade rettilinee della Ville Nouvelle... Non trascurando i luoghi reconditi della Marrakech segreta: là dove si nascondono i sontuosi palazzi delle dinastie marocchine, gli hammam raffinati e i patio allietati dal suono rinfrescante di una fontana. E quando l'agitazione della 'città rossa' vi sembrerà troppa, potrete partire alla conquista dei contrafforti dell'Atlante o di Essaouira la bianca.

Marrakech il fascino della città rossa
"L'uomo che sapeva troppo" di Hitchcock e "Marrakech Express" di Salvatores hanno involontariamente dato un contributo al mito di questa città. Città millenaria, dalla storia convulsa, della quale è stato scritto tutto, Marrakech offre ancora al visitatore infiniti modi per una personale e irripetibile scoperta. Città berbera innanzitutto, definita il più grande ksar del Sud, in questi ultimi anni è diventata la destinazione turistica per eccellenza del paese, dove si viene anche solo per un week-end; e ciò perché la città si rinnova per far fronte alla domanda turistica: riad, centri di benessere, golf, escursioni nella regione, il menù si arricchisce e il turista ritorna.Marrakech è stata a lungo la meta segreta, quasi privata, di una minoranza di intellettuali e artisti, di creatori di moda e creatori di tendenze, di sangue blu più o meno blasonato, attirati dalla luce, dal clima, dalla "dolce vita" marocchina, fatta di alcove e di veli, di palazzi e di feste esclusive, dove si voleva ricreare l'harem proibito e agognato. Perciò il mito orientale si vende bene e i dépliant turistici abbondano di frasi e vocaboli come: voluttà, sogno, oasi di pace, frescura, calma in opposizione al trambusto della medina e al trambusto della nostra vita quotidiana. Questa guida è un suggerimento ai percorsi possibili in città e nella regione, lasciando ad ognuno il gusto di improvvisare.

La cucina marocchina. Di madre in figlia. 210 ricette e varianti
Saporita e generosa, la cucina marocchina propone un connubio di sapori, profumi e colori per la delizia degli occhi e del palato e a ogni regione tributa le sue particolarità e specialità: il Sud e l'influenza berbera (Purè di ceci, Zuppa di semola al carvi), le sfumature agrodolci delle medine di Marrakech (Insalata verde con pere e noci, Harira al cumino) e di Fès (Insalata di carote all'arancia, Pastilla ai piccioni), il clima fresco della costa mediterranea e atlantica (Pesce ripieno di datteri e mandorle, Couscous di pesce), senza dimenticare i Fichi al miele e i Baklawa... In 210 ricette l'autrice ci guida in un viaggio attraverso le regioni e le stagioni, svelandoci i segreti di una delle maggiori tradizioni gastronomiche del mondo.

Questo itinerario è stato proposto da Cinzia & Stefano, puoi contattarli:
HomePage