HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Souk  Cartoline  Sfondi  La Sfinge  Ludoteca Facebook  Twitter  Pinterest
 
La Smorfia Napoletana

La storia della Smorfia Napoletana
La Smorfia napoletana ha radici che si perdono nella storia: secondo alcune teorie deriva da versioni volgarizzate e ridotte degli antichi libri dei sogni. I cinque volumi di Artemidoro di Daldi, vissuto nel II secolo d.C., e altre opere simili, si erano ridotte in età bizantina ad un elenco di significati standard per possibili sogni, senza la teoria originaria. Proseguendo nel Rinascimento trattatisti come Cardano, Della Porta, Pico della Mirandola o Paracelso riscoprono i testi greci di quei maghi-scienziati che studiano e praticano l'oniromanzia greca e la qabbalah ebraica. A questi scritti successivamente si ispirano gli autori, per lo più anonimi, dei manuali ottocenteschi presenti in ogni ricevitoria.

Un libro diviso in due parti...
La Smorfia è un libro
che riassume le diverse tradizioni confluite nel gioco: quella orale, che collega i numeri ai sogni e ai fatti della vita quotidiana, e quella "colta" elitaria ed esoterica che usa la cabala per indovinare i numeri. Il libro della Smorfia è diviso in due parti: la prima è un vocabolario che raggiunge anche le 50.000 voci, con termini in ordine alfabetico accoppiati ai rispettivi numeri, in pratica la versione scritta della Smorfia tramandata oralmente. In passato questa prima parte era rappresentata in versioni riassuntive, con immagini illustrate, destinate anche agli analfabeti.
La seconda parte del libro si occupa delle tecniche più raffinate per derivare numeri da altri numeri: "tavole rutiliane" e altre simili tabelle che giungono dalla tradizione della cabala. Questa seconda parte del libro era destinata a chi era almeno capace di far di conto e di leggere.

Il verissimo libro della smorfia napoletana

La smorfia napoletana ha radici che si perdono nella storia. Alcune teorie la fanno derivare dagli antichi libri dei sogni, a partire da quelli di Artemidoro, vissuto nel II secolo a. C. - del quale abbiamo riferito ne "Il verissimo Libro dei sogni" - ai testi greci degli studiosi di oniromanzia. Ma alcuni trovano queste radici nella Cabala ebraica (Oàbbalah), secondo la quale non esiste nulla nella Bibbia che non abbia un significato misterioso correlato. La smorfia, infatti, prende elementi dei sogni e li lega a numeri (come fa la Qàbbalahn).

La smorfia è un libro che riassume le diverse tradizioni, poi confluite nel gioco, quella orale, attraverso la quale i numeri vengono collegati ai sogni ed ai fatti della vita quotidiana, e quella colta che usa la cabala per indovinare i numeri. Per questo libro ci si è ispirati alla tradizione classica napoletana, senza pretesa di esaustività.

I novanta numeri della smorfia napoletana derivano dai numeri del lotto, gioco che nasce a Genova nel XVI secolo e che nel '700 è legalizzato in tutti gli stati italiani, divenendo poltrissimo a Napoli. Oggi la smorfia raccoglie centinaia di nuove parole entrate in uso quotidiano, legandole ai 9O numeri da utilizzare per il gioco del lotto.

Il gioco del Lotto
Il gioco del lotto nasce a Genova nel XVI secolo, viene legalizzato in tutti gli stati italiani nel corso del Settecento e nel secolo scorso invade giornali, saggi e romanzi: il suo successo è tale da far preoccupare le istituzioni. Nell' Ottocento si tenta di far passare il concetto che la "superstizione" è follia riprovevole, ma il gioco continua a godere del massimo favore e il suo testo, la Smorfia, proprio nell'Ottocento trova la forma che conserva ancora oggi... I Napoletani usano spesso i numeri, nel parlare quotidiano, per sostituire i corrispondenti termini:

 

1

L'Italia

L'Italia
24

'E gguardie

Le guardie
47

'O muorto

Il morto
70

'O palazzo

Il palazzo
2

'A piccerella

La bambina
25

Natale

Natale
48

'O muorto che pparla

Il morto che parla
71

L'ommo 'e merda

Uomo senza valore
3

'A gatta

La gatta
26

Nanninella

Anna
49

'O piezzo 'e carne

Il pezzo di carne
72

'A meraviglia

Lo stupore
4

'O puorco

Il maiale

27

'O cantaro

Il vaso da notte

50

'O ppane

Il pane

73

'O spitale

L'ospedale

5

'A mana

La mano

28

'E zizze

Il seno

51

'O ciardino

Il giardino

74

'A rotta

La grotta

6

Chella ca guarda n'terra

La cosa che guarda in terra

29

'O cacchio

Il padre dei bambini

52

'A mamma

La mamma

75

Pulecenella

Pulcinella

7

'O vasetto

Il vasetto

30

'E ppalle d''o tenente

Le palle del tenente

53

'O viecchio

Il vecchio

76

'A funtana

La fontana

8

'A maronna

La Madonna

31

'O patrone e casa

Il padrone di casa

54

'O cappiello

Il cappello

77

'E riavulille

I diavoletti

9

'A figliata

La figliolanza

32

'O capitone

Il capitone

55

'A musica

La musica

78

'A bella figliola

La prostituta

10

'E fasule

I fagioli

33

Li 'anne e Cristo

Gli anni di Cristo

56

'A caruta

La caduta

79

'O mariuolo

Il ladro

11

'E surice

I topi

34

'A capa

La testa

57

'O scartellato

Il gobetto

80

'A vocca

La bocca

12

'E surdate

I soldati

35

Aucielle

L'uccello

58

'O paccotto

Il cartoccio

81

'E sciure

I fiori

13

Sant' Antuono

Sant'Antonio

36

'E castagnelle

Le nacchere

59

'E pile

I peli

82

'A tavula 'mbandita

La tavola imbandita

14

'O mbriaco

L'ubriacone

37

'O monaco

Il monaco

60

'O lamiento

Il lamento

83

'O maletiempo

Il maltempo

15

'O guaglione

Il ragazzo

38

'E mazzate

Le bastonate

61

'O cacciatore

Il cacciatore

84

'A chiesa

La chiesa

16

'O culo

Il sedere

39

'A funa 'n ganna

La corda al collo

62

'O muorto accise

L'assassinato

85

L'anema 'o priatorio

Le anime del purgatorio

17

'A disgrazzia

La disgrazia

40

'A poposcia

L'ernia

63

'A sposa

La sposa

86

'A puteca

La bottega

18

'O sanghe

Il sangue

41

'O curtiello

Il coltello

64

'A sciammeria

La marsina

87

'E perucchie

I pidocchi

19

'A resata

La risata

42

'O ccafe'

Il caffe'

65

'O chianto

Il pianto

88

'E casecavalle

I caciocavalli

20

'A festa

La festa

43

Onna pereta for o' balcone

Donna al balcone

66

'E ddoje zite

Le due zitelle

89

'A vecchia

La vecchia

21

'A femmena annura

La donna nuda

44

'E cancelle

Le carceri

67

'O purpo int'a chitarra

Il polpo nella chitarra

90

'A paura

La paura

22

'O pazzo

Il matto

45

'O vino bbuono

Il vino buono

68

'A zuppa cotta

La minestra cotta

 

23

'O scemo

Lo scemo

46

'E denare

I soldi

69

Sott'e 'n coppa

Sotto sopra

 





HomePage