HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Da Palermo al Portogallo...
...in moto sulle strade dell'arte e del vino!

Cantine Banfi

Aix-en-Provence

Io e la moto

Guggenheim di Bilbao

Vilanova De Gaia

Coimbra

Lisbona

Ciao, sono Carmelo, e questa volta vi racconto il nostro viaggio da Palermo in Portogallo in moto! Silvia ed io partiamo una caldissima giornata di luglio di tre anni fa molto presto, alle cinque, per cercare di arrivare tardi. Amiamo il vino buono e dunque la nostra prima tappa è Montalcino, Toscana, Val d'Orcia, dove visitiamo le cantine di Biondi-Santi, Banfi e Col d'Orcia, ma facciamo anche un salto a Pienza, splendido borgo a pochi chilometri, la cui piazza è riportata in tutti i manuali di storia dell'arte. Due giorni dopo ripartiamo conTusi e felici (leggi "ubriachi").
Attraversiamo la Liguria, la Costa Azzurra, siamo in Provenza.
Aix-en-Provence, bella cittadina che diede i natali a Cézanne. Il tempo di sistemarci in campeggio, doccia e via per le stradine affollate dai turisti.

Cena in un ristorantino, bicchiere di Calvados (ci costa più il drink che la cena!) e a nanna. Il giorno dopo visitiamo il museo Vasarely, dedicato al grande maestro dell'arte Optical. Pomeriggio, in giro seguendo la route dei luoghi di Cézanne: il Tolonet, la Montagne Saint Victoire, il ruscello delle Grandes Bagneuses si materializzano magicamente davanti ai nostri occhi e scopriamo come il maestro abbia saputo far vivere su tela la luce di questi luoghi con poche pennellate...

Si riparte. Ma chi è la vera protagonista del viaggio? Ma certo, è lei, La Poderosa, la mia bellissima BMW r100r, la Nina... che l'anno prima mi ha già portato in Spagna e che l'anno dopo mi porterà in Alto Adige ad ascendere i passi più famosi delle Dolomiti senza mai battere ciglio!!! Sosta tecnica a Pau, Francia, Pirenei, ed il giorno dopo arriviamo a Bilbao, bella città basca nel nord della Spagna. Alberghetto da 35000 lire a notte, cena all'Arenal, il quartiere storico, in un locale molto arte floreale, a base di tapas cerveza. Domani visitiamo il fantastico Guggenheim Museum. E' aperto da non molti mesi e ciò ci fa sentire un po pionieri.

La sagoma si staglia davanti a noi abbastanza indefinibile e futuribile. Ricorda una nave ma credo voglia rappresentare un'idea di movimento. E' opera di O'Gary, un importante architetto contemporaneo che ama sfruttare le potenzialità offerte dal computer per le sue opere.
Si riparte per il Portogallo, stavolta. Entriamo nel tardo pomeriggio da Braganca, nel nord-est. Campeggio e cena stupenda a "O Bolha Restaurante" con la loro superba feijoada (fagiolata) con maiale e vino tinto del Douro.

Il giorno dopo, ripartiamo per Porto. lungo il tragitto, sosta a Mirandela dove assaggiamo le meravigliose salsicce e i profumati prosciutti di montagna. A porto ci aspettano Angela e Mario, cugini di Silvia. Riusciamo a trovarci. Ciao, come state?.......Porto, seconda città del Portogallo, ha un fascino un po decadente come del resto tutte le citta di questo paese che continua a risollevarsi a vele spiegate da un regime che non ha certo lasciato un gran ricordo ne grandi prospettive di crescita. E' attraversata dal fiume Douro le cui valli interne sono la patria dei vigneti del famoso vino.

Tre ponti la collegano a Vilanova de Gaia, dove hanno sede le cantine più famose come Sandeman, Barros, Offley,ecc. Consiglio una escursione nella valle del Douro a visitare i vigneti terrazzati, e paesini come Lamego e Amarante. A nord di Porto visitiamo anche Viana do Castelo, Ponte de Lima e Braga, capitale spirituale del paese con la sua splendida cattedrale. Nonchè il ristorante e le piscine naturali sull'oceano realizzate Siza Vieira, altro guru dell'architettura contemporanea.
Quattro giorni e ripartiamo verso sud. Temporali micidiali. La Nina va alla grande!!! Noi siamo un po umidi... Coimbra, con la sua bella e famosa università, le sue strade eleganti, il leitao (maialino al forno con patate...Un delirioooo!!! Naturalmente innaffiato da Cabernet Sauvignon!

Due giorni e si va verso Lisbona. Ancora temporali atroci.
Bella, elegante, decadente, ma di grande fascino, con i suoi quartieri Alfama, Rossio, Bairro Alto, Chado (ancora Siza Vieira...). Maiale all'alentejana (con vongole ed ortaggi!!!!!!!!).
E le case del Fado. Tre giorni.
Escursioni possibili: Cascais, località balneare consigliata a chi ama gli inglesi (e dunque non per tutti); Estoril, sede dell'omonimo circuito che ospita ogni anno la Formula 1; Sintra, patrimonio mondiale dell'umanità che sembra partorita dalla fantasia di Walt Disney, specialmente nelle stravaganti forme del suo castello.
Si va verso Evora. Diluvio universale!!! Arriviamo umidi ma illesi, e, quando meno te lo aspetti, al semaforo, quasi da fermo, caschiamo clamorosamente. Momenti di panico, il coperchio delle punterie perde olio, riusciamo a ripararlo, ma siamo di cattivo umore. Silvia ha un ginocchio come un mellone!!! Niente di grave, però. Bell'albergo con piscina (l'unico lusso che ci concediamo in questo viaggio, sentiamo di meritarcelo!!!). Evora è patrimonio mondiale dell'Unesco, ma ora siamo stanchi. Decidiamo di ripartire il giorno successivo per tornare a casa. Per strada becchiamo l'eclissi. Siamo a casa!!! Quanti chilometri abbiamo percorso? Quasi novemila....

 







 

Biblioteca di viaggio

Portogallo
Questa settima edizione include un "Indice verde" con tutti gli indirizzi ecosostenibili in Portogallo e una rubrica dedicata alle Comunità del cibo dei Presidi Slow Food, curata dall'associazione Terra Madre.

Portogallo. Atmosfere, suoni e sapori. Con CD Audio
La storia, la cultura, le tradizioni di un popolo, evocate da immagini suggestive e dai racconti di poeti, scrittori e artisti.

Lisbona. Con cartina
Che cosa incontrerete a lisbona? I vicoli dell'Alfama tra i quali vagare e magari perdersi (apposta), le melodie ammaliatrici del fado tradizionale...

Lisbona
Lisbona è affascinante, piacevole da esplorare e uno dei modi migliori per visitarla è a piedi. Però è molto collinosa e anche il turista più allenato rischia di stancarsi presto...

Lisbona. Quello che il turista deve vedere
Una vera e propria guida turistica di Lisbona, valida e utilizzabile ancora oggi, scritta nel 1925 dal più grande scrittore portoghese del Novecento: questi, in sintesi, il senso e l'importanza di questo volume, che accompagna il lettore alla scoperta di una delle più affascinanti e misteriose capitali europee.

Crumpled city map. Lisbon. Ediz. multilingue
Quante volte avete trovato difficoltà a ripiegare una mappa in modo corretto, dopo averla consultata? A differenza delle mappe tradizionali, spesso difficili da maneggiare e da ripiegare, Crumpled City™ map si può tranquillamente spiegazzare ed accartocciare. Ultraleggera, indistruttibile e impermeabile al 100%, la mappa è stampata su un materiale morbido e resistente che la rende unica sul mercato internazionale.

Porto
La guida vi condurrà alla scoperta dell'atmosfera unica di Porto, seconda città del Portogallo, per le sue strade e nell'affascinante Città Vecchia, aiutando anche chi ha poco tempo a disposizione a scegliere il proprio itinerario.

Dizionario del menu per i turisti. Per capire e farsi capire al ristorante. Portogallo/Brasile
La guida comprende: un ampio panorama introduttivo della cucina locale e delle varie bevande; una serie di schede che raggruppano tutti i piatti più conosciuti (nazionali e regionali), con l'indicazione dei vari ingredienti; una selezione delle più rinomate ricette tradizionali, da preparare a casa propria una volta tornati dalle vacanze; numerose frasi di uso corrente, raggruppate per argomento e disposte in ordine alfabetico; un esaustivo dizionario, con termini gastronomici portoghesi e italiani.

... e tutti i film sul Portogallo, cliccando qui!

 

 

Questo itinerario è stato proposto da Carmelo, puoi contattarlo:
HomePage