HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Il Parco Naturale del Conero
Un paradiso naturale ancora poco conosciuto, nelle Marche

i faraglioni delle due sorelle nell'omonima spiaggiapanoramica della spiaggia di mezzavalle con sullo sfondo lo scoglio del travevista panoramica della baia di portonovo

veduta di una delle spiagge di sirolo

uno scorcio del caratteristico borgo di sirolo

Il parco naturale del Conero è un paradiso ancora incontaminato che interrompe la piatta costiera adriatica, comprende un territorio con ambienti assai diversificati: falesie costiere, boschi, torrenti, laghi salmastri, terreni agricoli, rilievi collinari e spiagge.

All'interno del parco vivono parecchie specie di mammiferi e di volatili.

La macchia mediterranea ricopre quasi tutta la superficie del parco, ci sono parecchi sentieri tutti numerati che si dislocano all'interno del parco, lungo i vari percorsi sono dislocate le mappe del parco.
Alcuni sentieri sono semplici, altri molto complicati, uno dei più complessi porta alla spiaggia davanti ai faraglioni delle due sorelle, una spiaggetta stupenda dove l'uomo non ha ancora messo piede, lungo altri sentieri ci si può imbattere in incisioni rupestri sulla roccia, grotte scavate dai romani o affacciarsi su belvederi mozzafiato, fantastico quello di pian grande.

Percorrendo un ripido sentiero che parte dalle campagne del Poggio si arriva a Mezzavalle, una lunga spiaggia che si estende dallo scoglio del trave a Portonovo, con un mare limpido che si fa subito profondo, ideale per i sub. La baia di Portonovo è la più rinnomata località balneare del comprensorio, nella zona sono presenti degli importanti insediamenti storici, come il fortino napoleonico, la chiesa romanica e la torre, nell'area sono presenti anche 2 laghetti salmastri.

Il paese di Sirolo è un gioiello incastonato all'interno del parco, è un castello medievale realizzato in pietra bianca, circondato da un'imponente cinta muraria, all'interno è percorso da vicoli molto caratteristici, animati in estate da mercatini e piccole botteghe artigiane.
La piazzetta è un balcone aperto sull'adriatico con veduta sulle spiaggette sottostanti.
Di notevole importanza sono anche i 2 teatri, uno storico all'interno del paese è uno all'aperto, ricavato da una vecchia cava di pietra.

Numana è il centro alberghiero di riferimento, ci sono importanti strutture ricettive, ristoranti ed una spiaggia attrezzata, la notte è animata dalla musica di numerose discoteche.
Importantissimo è anche l'aspetto culinario, dai terreni agricoli del parco nascono le uve che poi diventano rosso conero, uno dei vini D.O.C. più importanti d'italia, e c'è anche un percorso che unisce le cantine dove si produce questo vino.
Auguro quindi buone vacanze a tutti in queste zone a me molto care.

Potete trovare maggiori informazioni al sito www.conero.it

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Marche
Le Marche sono l'unica regione italiana con un nome al plurale, forse riflesso di quella vocazione alla varietà che è uno dei suoi tratti distintivi. Molte sono le bellezze che questa regione custodisce, sparse ovunque nelle sue eleganti città, nei centri antichi ricchi d'arte, dove storia e tradizione costituiscono ancora un valore preciso.

101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita
Dagli Appennini all'Adriatico, attraversando l'Italia centrale. Le Marche hanno la fortuna di accogliere un territorio eterogeneo che va dalle alte montagne dell'entroterra fino al mare, con una costa a sua volta variegata, ricca di spiagge basse come pure di riviere scoscese...

Pesaro-Urbino e il Montefeltro
Gli Appennini da un lato; l'Adriatico dall'altro, e, in mezzo, un susseguirsi di rilievi ora dolci ora più aspri, punteggiati da boschi intatti. Di castello in castello per rivivere l'epopea dei Malatesta, dei Della Rovere e dei da Montefeltro, che fecero di Urbino una delle culle della cultura umanistica e rinascimentale d'Italia.

La cucina delle Marche
Brodetti, vincisgrassi, maccheroncini di Campofilone, arrosti morti, preparazioni in potacchio: Petra Carsetti, da anni coautrice con Carlo Cambi de "Il mangiarozzo", ha intrapreso un viaggio tra i profumi e i sapori delle terre marchigiane per compilare un ricettario completo e accurato, che ha lo spessore della ricerca, la praticità del ricettario e il fascino del romanzo.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Marche
Gli ambiti geografici sono posti in evidenza attraverso gli itinerari didattici sviluppati sia in ambito urbano, che extraurbano. Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia.

Questo itinerario è stato proposto da Giovanni, puoi contattarlo:
HomePage