HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Macugnaga e la Valle Anzasca
(Z'Makana in lingua walser) Macugnaga si trova a 1327 metri s.l.m ai piedi del Monte Rosa

Macugnaga si trova a 1327 metri s.l.m ai piedi del Monte Rosa.

I primi insediamenti stabili di coloni avvennero nel XIII secolo, queste popolazioni provenivano dalla Svizzera, ma erano di origine germanica. I Walser (così erano denominati) erano in cerca di nuove terre idonee per la pastorizia e l'agricoltura. Caratterizzarono la Valle Anzasca con la loro architettura tipica e il loro dialetto che è rimasto fino ai giorni nostri.

Nel centro storico di Macugnaga si potranno vedere queste antiche case (datate XVI secolo) e nel museo casa Walser, nella frazione di Borca, si potranno trovare gli oggetti tipici della vita quotidiana di questo fiero popolo. Interessante è la particolare tecnica a incastro utilizzata per costruire le abitazione, chiamata blockbau, con cui venivano disposti e uniti gli angoli dei tronchi di larice e abete utilizzati per la costruzione delle pareti. Alla casa non mancava certo il fleischspicher (dispensa), né tanto meno la gode (stalla) e del griech (fienile), e naturalmente delle Seela-bagga (si trattava di un'apertura che veniva aperta solo quando un membro della famiglia moriva, per consentire all'anima di fuggire dalla casa indisturbata).
Famosa è anche la "MausPlatte",un sistema di posizionamento dei tronchi usato per creare dei basamenti tali da impedire al topo di salire fino al granaio.

Alle spalle di Macugnaga troviamo Sua Maestà il Monte Rosa: la punta più alta è Punta Dufour 4634 m e lo Zumstein 4.563 m di altezza. Queste vette sono state raggiunte per la prima volta nel 1872 e poi nel 1889 scalate da Achille Ratti, futuro papa Pio XI.
A 4556 m sulla Punta Gnifetti, si trova il rifugio più alto d'Europa: la capanna Regina Margherita, così denominata in onore della Regina Margherita di Savoia che pernottò nel 1893, nel giorno dell'inaugurazione.
Il nome Monte Rosa deriva dal termine roise in patois, antica lingua locale e significa ghiacciaio.

Giungendo poi alla seconda frazione di Macugnaga, Borca, troviamo la miniera d'oro della Guia, che è stata attiva per oltre duecento anni (dal 1710 al 1946) e vanta in Italia il primato di essere stata la prima miniera riaperta a scopo culturale. La massima produzione si ebbe fra il 1937 e il 1945, negli anni '50 l'attività estrattiva dava lavoro ad ancora 300 operai per poi chiudere nel 1961.

Al suo imbocco si può ammirare il mulinetto di amalgama a mercurio, testimonianza del metodo di lavoro utilizzato tra gli anni Venti e Trenta per separare l'oro dai materiali sterili, reso attivo dalla spinta dell'acqua. Il lavoro del minatore era senza alcun dubbio molto duro, sia per la bassa temperatura interna alla miniera (circa 9°C), sia per gli strumenti e le tecniche di lavoro richieste.

La miniera è ben attrezzata per accogliere visite guidate a pagamento, durante le quali è possibile scorgere lungo tutto il percorso (1,5 km) autentici filoni di pirite aurifera.
Il percorso dura circa 40 minuti.

Per visite turistiche organizzate, sono disponibile: unsognodilago

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Piemonte e Valle d'Aosta
Una guida completa al Piemonte e alla Valle d'Aosta. Dettagliate cartine consentono di orientarsi facilmente ovunque. Oltre mille fotografie a colori mostrano il meglio di Torino, del Piemonte e della Valle d'Aosta.

Percorsi insoliti in Piemonte, Liguria e Val d'Aosta
Si possono scoprire cascate, grotte, labirinti, marmitte dei giganti, incisioni rupestri, antiche miniere, sorgenti solforose, boschi magici, calanchi e piramidi di sabbia, acquedotti e ponti romani, archi naturali, murales, menhir, dolmen, cromlech, fortificazioni alpine, giardini stupendi e molte altre curiosità del territorio.

Fra la chiese di Torino. Quattro itinerari nella città della sindone
La guida propone al visitatore quattro itinerari che intrecciano fede e storia, curiosità e arte, prendendo le mosse dalla reliquia per eccellenza, la Sacra Sindone. Passeggiando per le vie del centro, si esplorano le chiese e i palazzi, si ammirano dettagli architettonici e artistici, ma si trovano anche piccoli dettagli di gusto e qualche suggerimento per momenti di sosta e di ristoro.

Torino. Con cartina
Come scoprire il meglio in metà tempo: con la cartina pieghevole a colori e piantine particolareggiate dei quartieri, per orientarsi con facilità; con i luoghi da visitare, i ristoranti, i negozi; e i locali migliori consigliati dall'autore; con luoghi particolari e itinerari speciali, per sfruttare al meglio un breve soggiorno con i segreti di Torino svelati dai suoi abitanti: dai ristoranti ai posti migliori per lo shopping.

Langhe e Monferrato
Un paesaggio incantato e vario, dai colori cangianti: nel fondovalle le alture sono disseminate di prati e vigneti, ma quando la strada inizia a salire si spalanca uno scenario tipicamente appenninico punteggiato da splendidi boschi. Le più belle escursioni tra valli, colline, riserve naturali e santuari ricchi di fascino, tesori artistici, storia e leggende. Gli itinerari dei vini e del tartufo, alla scoperta di paesi che evocano già nel nome delizie per il palato: le valli del Moscato; i borghi di Barolo e Barbaresco; Cinzano, la patria del vermut; Bra, Murazzano e Roccaverano che producono formaggi d'alta qualità.

Torino è la mia città... e lo sarà per sempre!
Che cosa ci fa innamorare di una città? Bruno Gambarotta risponde a questa domanda senza troppi giri di parole, ma con un’antologia di personaggi e situazioni incredibili, che danno al lettore un’idea della “torinesità” e delle sue sorprendenti caratteristiche.

Alla tavola di Giovanni Arpino. Sapori e colori del Piemonte
Il libro è un percorso attraverso le opere di Giovanni Arpino alla ricerca di sapori, profumi, sollecitazioni sensoriali. La Langa appare gloriosa nel trionfo dei colori e delle portate che l'hanno resa famosa nel modo.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Occhio alle scienze! Guida ai musei di scienze naturali della Regione Piemonte per giovani naturalisti
Una guida agile per quanti, dagli 8 ai 13 anni, vogliano conoscere i musei di scienze naturali della Regione Piemonte e far capolino tra le mille curiosità che essi offrono.

Fiabe piemontesi
Maghi con sette teste, palazzi in fondo al pozzo, statue trasformate in ragazze che compiono prodigi, tovaglie che apparecchiano banchetti da re, vecchi che soffiano le nuvole in cielo... E tremendi grifoni, piume magiche, flauti incantati, pulcini d'oro...

Questo itinerario è stato proposto da Giulia, puoi contattarla:
HomePage