HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Che fare in quel di Urbania
Un luogo che ci farà rabbrividire, uno che ci appassionerà e un paio di ottimi posti dove scoprire la cucina del territorio

 

Già che siamo in Urbania, magari in occasione della Fiera delle Donne, vediamo un po' di prolungare la permanenza nella maniera più piacevole possibile. I consigli che ci sentiamo di suggerire riguardano un luogo che ci farà rabbrividire, uno che ci appassionerà e un paio di ottimi posti dove scoprire la cucina del territorio, magari ingentilita dal guizzo della cuoca, e dal sorriso che ti accoglie. Mattino, pausa pranzo, pomeriggio e cena sono consigliati direttamente dal Duca del Montefeltro.

Le Mummie
Forse una rimembranza africana? Non diremmo, visto che la loro presenza spettrale è viva e vegeta anche nel Montefeltro. Provare per spaventarsi. Nella Chiesa dei morti, in pieno centro storico, è conservato un cimitero del tutto particolare. Infatti, grazie ad una particolare muffa, si è assistito, nel corso dei secoli, al fenomeno della mummificazione naturale. La scoperta è avvenuta a seguito dell'Editto napoleonico, che ha imposto la sistemazione dei corpi fuori dal recinto cittadino. Merito di questa sensazionale, quanto rabbrividente esposizione, la dobbiamo ad una confraternita, detta della "Buona Morte". Quest'ultima si è occupata del trasporto gratuito e della sepoltura dei morti, tanti "buoni" Caronte, insomma. Il visitatore non può rimanere indifferente, anche perché ogni mummia ha una storia da raccontare: vi è una giovane deceduta di parto cesareo, un giovane accoltellato durante una veglia danzante e addirittura un povero sventurato, sepolto vivo in stato di morte apparente (per visite guidate, telefonare allo 0722319841).

Sosta 1: Mezzogiorno di fuoco
Troverete osterie I cui pezzi forti sono i più robusti piatti che la tradizione ci ha ereditato: coratellina di agnello salata in padella con olio, prezzemolo ed aglio e spezzatino di oca con patate e trippa. Come primi piatti sono proposti gnocchi e tagliatelle al sugo di fagioli.

Il Museo di Storia dell'Agricoltura
Un po' di curiosità, una voglia di verificare con occhio moderno le pratiche agricole dei nostri nonni, non ci manca di certo. Dirigiamoci a questo proposito verso Il Museo di Storia dell'Agricoltura, collocato nelle cantine del Palazzo Ducale dove sono esposti gli strumenti di lavoro più significativi dei cicli del grano, della vite e del vino. Dobbiamo sapere infatti che ogni ciclo di lavorazione dei due prodotti base dell'alimentazione dei nostri avi (grano e vino appunto), prevedeva un determinato rituale, e un certo utilizzo di arnesi da lavoro. Il Museo restituisce la possibilità di dialogare con gli strumenti che espone. Inoltre la scelta di abbinare gli attrezzi raccolti localmente con la figurazione artistica rappresenta la peculiarità dell'allestimento

Sosta 2: A cena
E' forse parecchio tempo che pensate ad una Osteriola vecchio stile, dove il menù è deciso in giornata ed è dettato dalla stagionalità dei prodotti? Potrete essere condotti attraverso dei tagliolini fatti in casa con i fiori di zucca, o delle indimenticabili lumache dell'Appennino. Anche il coniglio in porchetta si distingue per la propria bontà, soprattutto quando accompagnato da un pane alle mandorle e ai semi di papaveri.

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Marche
Le Marche sono l'unica regione italiana con un nome al plurale, forse riflesso di quella vocazione alla varietà che è uno dei suoi tratti distintivi. Molte sono le bellezze che questa regione custodisce, sparse ovunque nelle sue eleganti città, nei centri antichi ricchi d'arte, dove storia e tradizione costituiscono ancora un valore preciso.

101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita
Dagli Appennini all'Adriatico, attraversando l'Italia centrale. Le Marche hanno la fortuna di accogliere un territorio eterogeneo che va dalle alte montagne dell'entroterra fino al mare, con una costa a sua volta variegata, ricca di spiagge basse come pure di riviere scoscese...

Pesaro-Urbino e il Montefeltro
Gli Appennini da un lato; l'Adriatico dall'altro, e, in mezzo, un susseguirsi di rilievi ora dolci ora più aspri, punteggiati da boschi intatti. Di castello in castello per rivivere l'epopea dei Malatesta, dei Della Rovere e dei da Montefeltro, che fecero di Urbino una delle culle della cultura umanistica e rinascimentale d'Italia.

La cucina delle Marche
Brodetti, vincisgrassi, maccheroncini di Campofilone, arrosti morti, preparazioni in potacchio: Petra Carsetti, da anni coautrice con Carlo Cambi de "Il mangiarozzo", ha intrapreso un viaggio tra i profumi e i sapori delle terre marchigiane per compilare un ricettario completo e accurato, che ha lo spessore della ricerca, la praticità del ricettario e il fascino del romanzo.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Marche
Gli ambiti geografici sono posti in evidenza attraverso gli itinerari didattici sviluppati sia in ambito urbano, che extraurbano. Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia.

Questo itinerario è stato proposto da Henry Marinelli
HomePage