HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Rocca di Narni
E' nato a Narni il primo parco medievale dell'Umbria

 

Aperto tutte le domeniche per rivivere in pieno il mondo del '300, tra cavalieri, giullari, cortigiane, mercanti e armigeri nel meraviglioso castello dell'Abornoz.
Per i più piccoli con Artù, l'incredibile albero parlante in esclusiva per il Parco Rocca di Narni.

E' nato a Narni il primo Parco tematico medievale dell'Umbria, ospitato all'interno della storica Rocca Albornoz del 1371.
Entrare nel parco è come varcare uno stargate e ritrovarsi all'istante in un'altra epoca, popolata da spadaccini e cavalieri, maghi e cantastorie, seducenti danzatrici e musici, mercanti e artigiani.

E c'è anche l'albero parlante Artù, un robot alto quattro metri, in grado di muovere occhi, bocca e… rami e interagire con il pubblico, grazie ad un animatore a distanza. Un'attrazione esclusiva del Parco Rocca di Narni, che già nei primi giorni di apertura ha riscosso un enorme successo, soprattutto da parte dei più piccoli.

Nel parco è stato ricostruito un vero e proprio villaggio trecentesco, animato da figuranti provenienti dalle città storiche dell'Umbria e del Lazio, unico in Italia; un campo militare con tanto di armigeri e tende; un mercato con 30 espositori di oggetti e strumenti medievali, tutti collezionisti privati provenienti da varie parti d'Italia e la taverna dove degustare i piatti della tradizione locale dell'epoca.

Oltre alle animazioni a tema, durante le domeniche di apertura sono proposti spettacoli di sbandieratori, giullarate, concerti di musica medievale e danze storiche, commedie "boccaccesche", gare di tiro con l'arco.

All'interno del Castello si potranno visitare varie esposizioni di oggetti, fedeli riproduzioni degli originali, realizzate dai migliori artigiani nazionali, raccolte in apposite sale tematiche.

Ci sarà, dunque, la Sala della Musica con gli strumenti musicali trecenteschi, la Sala delle Armi, quella dei Costumi con abiti di sartoria riproducenti quelli medievali fin nei minimi particolari, la Sala dei Mastri dipintori, la Sala delle feste e quella del Consiglio.

Realizzato dalla società Rocca di Narni srl in collaborazione con il Comune di Narni e la Provincia di Terni e sostenuto dall'imprenditore Andrea Pucci, che ha creduto nell'iniziativa finanziandola, il progetto del Parco medievale di Narni prevede anche la possibilità di utilizzarne le strutture per feste, come quella della birra artigianale o la festa del grano, così come per cerimonie nuziali originali, mostre, conferenze e convivi aziendali o serata di gala, ospitate nelle splendide ed accoglienti sale del castello.

Verranno proposti infine percorsi di trekking nelle aree naturali circostanti la Rocca, oltre ad iniziative di didattica culturale per le scuole, laboratori artigianali e ricostruzioni storiche.

LA STORIA DELLA ROCCA

La Rocca di Albornoz fu eretta nel 1367 sui resti di un primitivo insediamento militare costruito da Federico Barbarossa, per volere del cardinale Egidio Albornoz. Tra gli architetti che lavorarono al progetto s'ipotizza Ugolino I di Montemarte e Matteo Gattapone sotto la supervisione del legato pontificio Anglico di Grimoard. Nel 1371 s'insediò il primo castellano, Giovanni de Novico (Jehan de A vis). Nel 1378 vennero ultimati i lavori: per l'inaugurazione intervenne il cardinale Filippo di Alengon, vicario apostolico del Patrimonio. La potente struttura militare, nei secoli, accolse papi, cardinali, condottieri e divenne la sede del governatore; dal 1370 al 1762 fu comandata da propri castellani.

Nel 1449, per l'epidemia di peste, vi si rifugiò Niccolò V il quale fece eseguire numerose opere difensive dall'architetto Bernardo da Settignano; i lavori proseguirono anche sotto Sisto IV e Innocenzo VIII. Dopo la partenza il papa inviò come comandante della guarnigione Pietro Parentucelli da Sarzana, suo congiunto. Costruita secondo schemi difensivi e residenziali fu protetta anche da una robusta cinta muraria che sopportò non pochi assalti, tra cui quello delle milizie lanzichenecche di ritorno dal Sacco di Roma (1527).

Nel 1798, 14.000 francesi al comando del generale Alessandro Louis Berthier, dopo la proclamazione della Repubblica Romana e la fuga di Pio VI, spogliarono la rocca di tutte le armi che furono portate a Perugia e fuse per fare cannoni.
Dal 1834 al 1906 divenne carcere, arrivando ad ospitare anche 300 detenuti.

Nel 1860 il colonnello Luigi Masi alla testa di 150 volontari ternani cercò di espugnare la rocca, rifugio del presidio pontificio.

Nel 1906 fu acquistata all'asta dal principe russo Mestschezsy per una somma irrisoria: 13.000 lire con pagamento rateale; la vendita venne fatta dal Demanio quasi in sordina. Il principe con un altro socio la tenne fino al 1972, quando passò ad una famiglia romana.

La fortezza ha forma di quadrilatero, presenta quattro torri angolari quadrate e il mastio, più alto e possente, formato dall'unione di due torri. Immersa in un suggestivo paesaggio coronato da olivi su un colle a 332 metri a dominio della valle del Nera, circondata da un fossato e da una doppia cinta muraria, ospita internamente una cappella e una cisterna in travertino che si apre sul cortile. Al primo piano si trova la residenza signorile, mentre altre stanze servivano per la guarnigione. Attualmente è patrimonio comunale e, dopo anni d'impegnativi restauri, è tornata all'antico splendore.

Dopo il grande successo registrato in occasione dell'inaugurazione, nel week end pasquale, che ha registrato oltre 2.000 visitatori, il parco resterà aperto tutto l'anno, ogni domenica dalle 10,00 alle 19,00.

Costo del biglietto d'ingresso giornaliero: 8,00 Euro.

Come arrivare: Percorrendo la Flaminia si arriva fino a Narni centro storico e si prosegue verso Roma. Dopo due km si svolta a sinistra per Via Feronia seguendo le indicazioni per la Rocca e il Parco medievale.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.roccadinarni.it e per essere costantemente aggiornati sulle iniziative anche la pagina Facebook www.facebook.com/ParcoRoccaDiNarni

Trovate questa meta anche nella nostra sezione dedicata ai Parchi

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Toscana e Umbria
Che il vostro obiettivo sia una cascina isolata, un piatto di tagliatelle al tartufo bianco di San Miniato o il panorama che si gode dall'alto di uno sperduto villaggio in cima a una collina, questa guida è il miglior compagno di viaggio per chi vuole conoscere due regioni di grande ricchezza culturale.

Umbria
Umbria settentrionale. Umbria meridionale. Oltre 400 fotografie a colori mostrano il meglio dell'Umbria. Piante e sezioni aiutano a esplorare i luoghi più belli. Splendide strade panoramiche si affacciano sui colli attirando turisti da tutto il mondo e non è raro imbattersi in coppie di americani o frati dai tratti tipicamente nordici.

Di qui passò Francesco. 350 chilometri a piedi o in bicicletta tra la Verna, Gubbio, Assisi fino a Rieti
Sedici giorni con lo zaino in spalla tra Toscana, Umbria e Lazio, tra foreste millenarie e vallate ricche di arte e di storia. L'unica guida a piedi sulle "strade di Francesco", dai luoghi più noti come La Verna e Assisi a quelli meno famosi, ma altrettanto affascinanti, come Montecasale o il Sacro Speco di Narni. Un itinerario da seguire tutto d'un fiato oppure a tappe, costruendosi un percorso ad hoc.

Perugia e Assisi
In questa guida sono segnalate tutte le mete da non perdere, illustrate da fotografie, disegni tridimensionali e corredate da 100 indirizzi selezionati. Piantine e spaccati permettono di visitare in modo autonomo le principali attrattive delle città.

Ricette di osterie e famiglie dell'Umbria
Una gastronomia popolare e contadina segnata dall'incontro tra la civiltà dell'olio e la cultura del lardo, valorizzata da materie prime pregiate: tartufo, lenticchie, farro, pesci di lago, maiale, piccione.

Biblioteca di viaggio dei bambini

Umbria
Una pubblicazione dedicata in modo particolare al pubblico giovane sempre più indirizzato verso la conoscenza dell'ambiente che lo circonda e, in particolare, del territorio in cui vive. Dopo una presentazione della regione, con la carta generale, si prosegue con una illustrazione del territorio attraverso la descrizione, leggera ma puntuale, delle singole province, alle quali si accompagna una carta di dettaglio e una sezione didattica di approfondimento.

La bella storia di Giotto bambino
Questo coloratissimo libretto è il primo di una collana dedicata ai bambini, disegnato da Cavezzali con l'intenzione di parlare dei grandi pittori, di quando anche loro erano dei bambini, di quando anche loro, come tutti i bambini del mondo, facevano i dispetti e le birbonate.

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage