HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari nel Mondo  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Socotra
Santuario della natura nell'oceano indiano

Nell’oceano Indiano, 350 km al largo delle coste dello Yemen, al quale appartiene, e 250 da quelle del Corno d’Africa e della Somalia, si estende l’arcipelago di Socotra, quattro isole (una maggiore lunga 135 km e larga 40, e tre decisamente minori e disabitate) grandi un settimo della Sicilia.

Un nome che dice ben poco in quanto, dopo secoli di totale isolamento, sono state aperte al turismo soltanto di recente e con strutture ancora pionieristiche. Ma un nome destinato a diventare ben presto assai famoso, poichè si tratta di un luogo di bellezza straordinaria e di estremo interesse naturalistico, dove si entra in contatto con un ambiente autentico e primordiale, per giunta del tutto incontaminato, cosa ormai non più facile da trovare sul nostro pianeta.

Diciamo subito che se Charles Darwin fosse transitato da quelle parti, oggi sarebbero conosciute quanto le Galapagos, perché come laboratorio di studio per l’evoluzione biologica Socotra non è meno importante dell’arcipelago ecuadoregno.

Tutto nasce dal fatto che l’isola si è staccata dall’Africa sei milioni di anni fa, vivendo da allora una autonomia biologica senza interferenze esterne, e che le sue montagne non sono mai state sommerse negli ultimi 135 milioni di anni, cioè dall’epoca dei dinosauri, con il risultato di riuscire a preservare animali e, soprattutto, piante risalenti a quel periodo e che oggi non esistono più in nessuna altra parte della terra. Un po’ un Jurassik park in versione vegetale, con autentici fossili viventi.

Si spiega così la mancanza di mammiferi, che allora non esistevano ancora, e il fatto che su 22 specie di rettili presenti 19 siano endemici e su 850 piante gli endemismi siano ben 283. Tra questi meritano di essere ricordati l’albero del sangue di drago, una pianta ad ombrello il cui tronco secerne un liquido rosso, usato come inchiostro, colorante e medicinale, oppure un albero di 6 metri che produce frutti simili ai cetrioli, il fico di Socotra, analogo ad un piccolo baobab, la rosa del deserto dai delicati fiori rosa e le molte varietà di piante grasse.

La grande attrattiva dell’isola è sicuramente costituita dal suo enorme e integro patrimonio naturalistico e ambientale. La vegetazione fa di questo luogo la decima isola più ricca in assoluto del mondo per la varietà della flora esistente e, allo stesso tempo, nessuna isola al mondo offre una tale varietà di vita vegetale in rapporto alla propria limitata superficie. La maggior parte delle piante si è adattata al clima caldo e arido in modo sorprendente, adottando specifiche strategie di sopravvivenza.

Le peculiarità di Socotra, che in sanscrito significa isola della felicità, non si esauriscono soltanto nella natura. L’interno offre montagne di calcare e picchi granitici alti fino a 1.500 metri, che determinano un paesaggio estremamente vario e sempre mutevole con numerose grotte, fiumi, cascate e profondi canyon.

I 350 km di coste alternano falesie precipiti, faraglioni e grotte, enormi spiagge bianchissime deserte dove nidificano le tartarughe, dune candide di sabbia corallina alte 40 metri, colonie di uccelli e tutt’intorno un mare d’incanto con una barriera corallina più intatta di quella del mar Rosso, bassi fondali di rara bellezza popolati da miriadi di pesci e di crostacei multicolori, dove sguazzano branchi di centinaia di delfini giocherelloni.

Conosciuta già da Egizi, Greci e Romani, che vi approdavano per acquistare incenso e mirra, nonostante la sua posizione strategica lungo le rotte tra Oriente e Occidente ha vissuto un lungo isolamento. I suoi 35mila abitanti sono formati da pescatori di origine africana lungo le coste e da pastori nomadi arabi nell’interno; parlano una lingua autoctona incomprensibile e hanno sviluppato costumi assai peculiari. Curiose anche le case: di corallo sulla costa, di sassi e fango nell’interno.

Tutto l’arcipelago costituisce oggi un’area protetta, oggetto di studio da parte di ricercatori internazionali, ed è tutelata dall’Unesco come patrimonio naturale dell’umanità e riserva della biosfera.

C’è solo da augurarsi che il turismo non abbia mai ad alterare questo lembo di paradiso.






 

Biblioteca di viaggio

Oman, Yemen, Emirati Arabi Uniti
La Repubblica dello Yemen vanta un retaggio culturale ricco e straordinarie bellezze naturali. I viaggiatori possono immergersi in una magica atmosfera da "mille e una notte" che perdura grazie all'orgoglio yemenita che difende le proprie origini anche in un contesto di forzata modernizzazione. Lontano dalla più conosciute mete turistiche e dalla sfavillante Dubai, il viaggiatore può immergersi nelle calde atmosfere delle oasi del deserto, visitare siti archeologici risalenti al terzo millennio a.C. negli Emirati e le centinaia di forti che caratterizzano l'Oman. Chilometri di spiagge bianche e acque cristalline, escursioni di giorni in un deserto sempre uguale e sempre diverso, attività di ogni genere aspettano i visitatori, casuali e non.

Arabia felix. Un viaggio nell'archeologia dello Yemen
La Regina di Saba e il suo paese favoloso. Memorie affascinanti che, pur confuse dall'accavallarsi di leggende corse per trenta secoli, restano vive, fissate dall'arte, dai testi sacri e dal profumo dell'incenso. Il volume affronta il discorso in modo da considerare campi culturali e cronologici più vasti, fino a restituire un quadro di dati archeologici e storici nuovo, per restituire un quadro organico ed esauriente di tutta la materia.

Un tuffo nel passato in un'isola da sogno. Diario di un medico nell'isola di Socotra
Il libro è il racconto romanzato, sotto forma di diario, di una straordinaria esperienza di volontariato effettuata a Socotra, isola incontaminata e paradiso naturale dell'Oceano Indiano, che solo di recente ha cominciato ad uscire dal totale isolamento geografico e culturale. Il lungo isolamento ha prodotto un elevato livello di endemismo, riscontrabile, ad esempio, con la presenza di 240 specie endemiche vegetali che non esistono in alcuna altra parte del mondo e che le conferiscono un aspetto primordiale. Proprio per il fatto di essere stata virtualmente isolata per un lunghissimo periodo, Socotra rimane uno dei posti più affascinanti del mondo.

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff

HomePage