HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
La guida per partire!  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Nowboarding: la guida per partire di Sottocoperta.Net
 
Cosa mettere in valigia
Il bagaglio 'a mano'
Al mare o in appartamento
La valigia per la neve
Il bagaglio dei più piccoli
I documenti da portare
Il passaporto
In viaggio in nave
Traveller's cheque e valuta
Una farmacia portatile
Vaccinazioni
Acqua e alimenti all'estero
Cibi: Paese che vai.
Team e Modello E111
Bagaglio smarrito e danni
Overbooking e ritardo voli
Diritti nave & traghetto
Il Jet-Leg
La trombosi del viaggiatore
Proteggersi dal sole
Occhiali e sole
Guidare all'estero
Guidare negli Stati Uniti
La tua mail in viaggio
Telefonare dall'estero
Chiudere casa
Far sopravvivere le piante
Elettricità all'estero
B&B, Guesthouse, Ostelli
Un turista responsabile è...

La piccola farmacia da portare in viaggio.
Un piccolo pronto soccorso

Cosa non dimenticare per un piccolo 'pronto soccorso' in caso di comuni malesseri:

- Un antipiretico per la febbre (paracetamolo)
- Un antidolorifico comune
- Un collirio
- Un prodotto per il mal d'aria, d'auto o di mare
- Un antidiarroico comune a base di loperamide e flaconcini di spore di Bacillus clausii per ripristinare la flora batterica
- Un antistaminico che già avete usato, se siete allergici
- Una pomata per le scottature
- Un disinfettante, meglio in polvere (ottima la pennicillina)
- Un prodotto contro gli insetti e zanzare
- Gel astringente al cloruro di alluminio per le meduse, ma anche per punture di zanzare
- Pomata all'arnica ottima per strappi, crampi ed ematomi
- Polveri antimicotiche per i piedi e l'inguine
- Garze e cerotti (anche per piccole vesciche per troppo camminare!)
- Forbici e termometro (MAI nel bagaglio a mano, sono proibiti in aereo)
- Eventuali soluzioni per disinfettare l'acqua
- Eventuali preparati a base di metoclopramide per la nausea e il vomito
- Preservativi
- Un paio di occhiali da vista di scorta (obbligatori se guiderete) o/e eventuali prodotti per le lenti a contatto
- Creme protettive e lozioni per il sole o per la neve

Contro il mal di movimento
Se non volete prendere un farmaco, potete trarre effetti benefici subito prima di partire con caramelle alla menta peperita o delle capsule allo zenzero; mangiate solo cibi secchi (pane, biscotti, crackers) e bevete poco. In viaggio non sbucciate frutta e non spruzzate profumi. Appena arrivati massaggiatevi polsi e tempie con olio essenziale di pompelmo, rosmarino o sedano: vi sentirete meglio.

Antibiotici e diarrea del viaggiatore
Gli antibiotici devono essere sempre somministrati sotto controllo medico e non dovrebbero mai essere assunti indiscriminatamente. Fatevi quindi consigliare dal vostro medico, specie se viaggiate al di fuori delle zone turistiche, in particolare per antibiotici intestinali per curare forme serie di diarrea del viaggiatore, congiuntamente a soluzioni reidratanti, importanti se viaggiate con bambini.
Per maggiori informazioni sulla diarrea del viaggiatore, cliccate qui.

Punture velenose... in acqua
È utile calzare scarpe di gomma, in spiaggia e in acqua: un suggerimento che è una necessità quando ci si reca nei Paesi tropicali, i cui mari sono popolati da varie specie di pesci velenosi e anche alcuni parassiti che vivono nella sabbia e che possono penetrare nella cute umana.

La puntura degli aculei di un riccio di mare può causare dolore e bruciore, soprattutto se le spine si spezzano all’interno della pelle. Accertatevi che la spina sia completamente eliminata senza penetrare nella pelle, in caso contrario rivolgetevi ad un medico.
La Tracina o pesce ragno, vive in acque poco profonde o lungo le spiagge, mimetizzandosi sui fondali sabbiosi. Se calpestata utilizza le pinne dorsali contenenti aculei velenosi per difendersi. Il dolore è molto acuto e progressivamente, nel giro di 30 minuti, può risale lungo l’arto sino all’inguine. Può durare 16-24 ore. Vanno rimossi gli aculei conficcati e bloccato il flusso del veleno, è necessario un supporto medico.
Gli stessi consigli valgono per gli aculei dello scorfano e per il pesce pietra dei paesi esotici: posare il piede sopra gli aculei aghiformi della pinna dorsale provoca dolori che risalgono dal piede, formicolii e intenso malessere con sudorazione, dispnea e insufficienza cardiaca.
Importante rivolgersi tempestivamente al soccorso medico.

Speciale Meduse: cosa fare
Le meduse del Mediterraneo sono fra le meno pericolose, ma i loro filamenti possono causare bruciore intenso e dolore, seguito da prurito, causati dalla sostanza urticante che le meduse iniettano nella nostra pelle, ovvero una miscela di tre proteine a capacità paralizzante, urticante e neurotossica. Il nostro organismo reagisce naturalmente, liberando adrenalina che contrasta gli effetti della sostanza liberata dalla medusa.
Attenzione anche alle attinie vicino agli scogli, che hanno il medesimo comportamento.

Pelagia noctilugaNel Mediterraneo...
La Pelagia noctiluga detta medusa luminosa perché di notte è fosforescente, è la più pericolosa presente nel Mediterraneo. Le sue dimensioni sono ridotte, circa 10 cm di diametro, colore rosa-marroncino, spesso se ne vedono interi banchi; ha tentacoli esili e quasi invisibili, che arrivano anche a un metro, molto urticanti al punto da lasciare anche cicatrici. E' velenoso anche l'ombrello.
Una meno pericolosa è la Rhizostoma pulmo, di colore bianco latte-azzurrognola con il caratteristico bordo violetto dell’ombrello; il diametro può essere superiore ai 50-60 cm, con tentacoli corti e tozzi.

La "Caravella portoghese" si diffonde anche nel Mediterraneo
Pericolosissima anche la Physalia Phisalis, detta Caravella portoghese, presente nei mari tropicali, con una parte galleggiante simile a una piccola busta di plastica blu rigonfia, con tentacoli sottilissimi, traslucidi, lunghi sino a 40 metri, la cui tossicità è paragonabile a quella del serpente cobra. Diffusa negli oceani, è recente notizia la sua presenza, sempre più diffusa, anche nel Mediterraneo e nelle coste italiane.
Non è una vera medusa, quanto una colonia di quattro diversi tipi di polipi reciprocamente dipendenti per la sopravvivenza.
L’aspetto più preoccupante è l’estrema difficoltà nel percepire la sua presenza in mare: un tentacolo lungo una trentina di metri è in grado di ustionare una persona che sta nuotando senza che questa abbia la minima possibilità di vedere la sacca dell’animale, lontana diverse decine di metri. I lunghissimi tentacoli rilasciano aculei particolarmente urticanti e che hanno il potere di far abbassare la pressione sanguigna con il rischio di collasso. E' necessario prestare molta attenzione, perchè i tentacoli rimangono attivi e potenzialmente urticanti anche quando la caravella portoghese è morta da qualche tempo: ha piu di 10 tipi di veleni diversi e non si conoscono ancora antidoti efficaci.
In seguito ad una puntura il dolore è lancinante e può causare perdita grave di coscienza. Sulla zona colpita si forma quasi subito un eritema che poi si ricopre di bolle, mentre su tutto il corpo si formano successivamente pompfi prurigginosi. Segue ansia, angoscia, vomito, svenimento e sensazione di morte imminente. Nei casi lievi le lesioni si risolvono con cicatrici che possono rimanere per mesi, mentre ansia e vomito si risolvono in qualche giorno. Nei casi gravi le lesioni possono trasformarsi in piaghe profonde e purulente.
Come prima misura immediata, immergere in acqua a 45°C la parte colpita per 20 minuti. Non bisogna fare bendaggi che aumentano la quantità di veleno iniettato, non bisogna lavare con soluzione alcoliche e non bisogna usare farmaci studiati per altre meduse del tipo Chironex: sulle punture di Physalia e Sthomolopus provoca l'effetto opposto.

... e negli oceani
La medusa più pericolosa vive nelle acque dell’Australia settentrionale: è la Chironex fleckeri, chiamata cubo-medusa (box jellyfish) per la forma quadrangolare, soprannominata dai pescatori filippini e giapponesi medusa di fuoco. E’ piccola (il diametro è di circa un palmo) con tentacoli che si possono allungare da qualche centimetro a qualche metro, trasparente. Al contatto, dolorosissimo, introduce un veleno neurotossico che può portare rapidamente alla morte. Si nasconde nei bassi fondali fra le radici delle mangrovie, presso gli sbocchi dei corsi d’acqua dolce. Nella stagione secca (da maggio ad ottobre), abbandona la costa e si porta al largo. Si ritiene che faccia più vittime dei pescecani.

Primo intervento
I consigli fondamentali: lavate con acqua calda la parte urticata, non grattate, mettete gel al cloruro d'alluminio, e chiamate subito il 118 in Italia o il soccorso medico all'estero, se la reazione è diffusa e se si hanno difficoltà respiratorie, pallore, sudorazione.
Uscite dall'acqua e fatevi aiutare da qualcuno, se sono rimaste parti della medusa attaccate alla pelle cercate di rimuoverle con movimenti simili a una rasatura, anche con un coltello (attenzione a non tagliare, dovete rasare e rimuovere i tentacoli, e ovviamente non con le mani nude!) e fate scorrere acqua di mare quanto più calda possibile, per eliminare eventuali tossine residue: se non rimosse o neutralizzate, continueranno ad aprirsi ed urticare, specie se vengono toccate o strofinate.

Cosa applicare
Non
grattate, non strofinate sabbia, non applicate alcol o ammoniaca. Sono inutili anche cortisonici e antistamici. Non utilizzate ghiaccio o acqua dolce, favorisce l'apertura delle tossine residue.
Applicate, invece, sulla parte interessata di un gel astringente al cloruro d'alluminio (venduto in farmacia), che ha un'immediata azione antiprurito e blocca la diffusione delle tossine.

La farmacia minima per bimbi in viaggio
Nel nostro Speciale Bambini di Sottocoperta.Net, trovate tutti i consigli per un kit medicinali da portare in viaggio se viaggiate in famiglia con i più piccoli.

 






HomePage