HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Italia  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Da Vicenza a Treviso
Un weekend alla scoperta di Palladio e non solo: Vicenza, Marostica, Bassano, Maser e Treviso, radicchio, grappe e molto altro!
La Basilica di Vicenza del PalladioLa piazza degli Scacchi di MarosticaVeduta su Marostica dal castello superioreBassano del Grappa e il ponte degli Alpini, ricostruito secondo il disegno del PalladioBassano del Grappa,  sul ponte di legno degli AlpiniVilla Barbaro a Maser, PalladioTreviso e uno dei suoi canali

Si parte! Un weekend fuori porta è proprio quello che ci vuole quando la Primavera bussa alle porte... approfittiamo di un grande evento come la Mostra VanGogh e gli impressionisti per visitare una parte del Veneto.

Vicenza
Giunti a Vicenza ci rechiamo a visitare il centro storico, davvero suggestivo con scorci d'incanto... l'atmosfera è molto particolare, ogni palazzo, anche di residenza popolare, è una piccola opera d'arte, di varie epoche e stili, dal medioevo al neoclassicismo. Non manchiamo di visitare la grandiosa Basilica del Palladio, la cui copertura in legno lascia senza parole e il capolavoro del Teatro Olimpico, dove in pochissimo spazio effettivo si ha l'impressione di un teatro di notevoli dimensioni. (Siti utili: www.vicenzae.org e www.vicenzanews.it )

Marostica
Riprendiamo l'auto e proseguiamo il nostro itinerario spostandoci a Marostica, 29 km più a nord. La strada è davvero bella e panoramica, ai piedi delle Alpi. Ci fermiamo a pranzare in un baretto nella celebre Piazza degli Scacchi, particolare, ma Marostica non offre molto altro; da non perdere una visita al Castello Superiore (andateci in auto!) davvero suggestivo, da cui si gode di un bellissima vista sulla cittadina sottostante. Ci si arriva dalla vie delle Ciliegie, prodotto tipico di Marostica. Questo è punto di partenza per escursioni a piedi nei dintorni, tra le prime colline e boschi.

Bassano del Grappa
Noi proseguiamo invece in auto, e raggiungiamo Bassano del Grappa, 7 km più avanti, e qui scopriamo una cittadina che non ha solo il ponte da mostrare! E' davvero bella, pressochè pedonale, con brulicanti negozietti anche molto particolari, come uno che vende solo peperoncini e aglio e che tiene appesi non solo all'interno del negozio, ma anche su ogni finestra della facciata di tre piani dell'annesso palazzo! O ancora un negozio di specialità scandinave, un ceramista specializzato in gufi e molti altri ancora. Ma a farla da padrone sono sicuramente i prodotti tipici locali, tra i quali la grappa è regina. La 'Grappa' è la montagna di Bassano, da qui il nome. Sono tantissimi i negozi di grappe artigianali o prodotte con metodi tradizionali, e tutti vi offriranno una degustazione gratuita! Si impara presto che non esiste la grappa, bensì le grappe: una particolarissima è senza dubbio la Tagliatella, ma assaggiando si gustano mille sapori dei boschi e della terra. Alle distillerie Poli si può visitare gratuitamente un piccolo Museo della Grappa, davvero unico nel suo genere. Inoltre, potrete leggere tutto sulle curiosità legate alla grappa nel nostro articolo in 'enologia'. Ma qui non si trova solo grappa: vi sono anche moltissimi sottoli e sottaceti, radicchio preparato in mille modi, prodotti dei boschi, naturalmente i grandi e piccoli vini Veneti e negozi di soli baccalà, tipico vicentino e ancora dolci tipici vari e i bigoli, sorta di pasta lunga artigianale, l'asparago bianco e il Grana Padano; ancora ottima la Soppressa veneta, un salume a pasta media.

Quanto all'artigianato non commestibile questo è territorio indiscusso di mobili d'epoca, vecchi e antichi; ma anche i ceramisti sono moltissimi. E non dimentichiamo il vetro: si trova grappa in bottiglia a forma di tartaruga, gatto, lumaca, porcellino o bellissime bottiglie in vetro soffiato. Ripercorriamo il Ponte degli Alpini, ricostruito l'ultima volta dagli Alpini nel dopoguerra secondo il disegno del Palladio, in legno per contrastare l'impetuosità del Brenta, mentre tutti bevono l'aperitivo, come consuetudine nei giorni di festa.

Maser - www.villadimaser.it
Si fa buio, ci portiamo una decina di kilometri più avanti presso Maser, dove il giorno successivo visiteremo la bellissima Villa Barbaro con annesso tempio, riccamente affrescata all'interno, sublime all'esterno e sede del Museo delle Carrozze e di una cantina Vinicola. Se vi trovate da queste parti, vi consigliamo una trattoria tipica, specialità carni alla brace: 'Da Ciccio', dove non si termina la cena senza il Grappino!

Treviso
Riprendiamo l'auto per raggiungere l'ultima nostra tappa del weekend veneto, Treviso. E' una città molto carina, una piccola Venezia, ma forse questa definizione è troppo ristretta: è molto piacevole passeggiare tra viuzze e viette, sopra ponti e tra mulini, nel centro interamente pedonale. E qui, terminiamo il nostro weekend ammirando i colori di Monet, Manet, Renoir, Cezanne e molti altri fino a VanGogh, cui la mostra è dedicata. Un ultimo consiglio: se dovete riprendere l'autostrada portatevi a Vicenza con la statale ed entrate solo qui in autostrada, il tratto di statale è molto piacevole e consente deviazioni di percorso per visitare le innumerevoli ville palladiane sparse nella campagna.

Tutto su Palladio e su ogni sua opera: www.cisapalladio.org

 

Attendere prego!





Gardaland Disneyland Paris
Leolandia Coupon

 

Biblioteca di viaggio

Venezia e il Veneto
I sestieri di Venezia. La pianura Veneta. Verona e il lago di Garda. Il tour del vino in Valpolicella. Itinerari dettagliati. Carnevale, arte, architettura, vini, gastronomia e altro ancora, nella classica visuale Mondadori.

Venezia. Con cartina
A Venezia incontrerete le tracce dei due grandi pittori veneziani, Tintoretto e Tiziano, andando di bottega in scuola, di chiesa in chiesa; i commenti degli spettatori esperti nei palchi del Teatro La Fenice; l'arte contemporanea dell'ultima Biennale e delle collezioni Peggy Guggenheim e Pinault; un prelibato "mangiare locale" a base di moleche, sarde insaor e asparagi di Gassano; gli intrighi e i misteri di Palazzo Ducale; un'escursione fra le isole meno frequentate della laguna a bordo di un bragozzo.

Verona Amor
Verona Amor è un percorso a enigmi nella città dell’Amore per svelare i suoi misteri e scoprire gli angoli più suggestivi. Diventa il protagonista della storia.

Il Veneto in cucina
Una raccolta di ricette tipiche del Veneto, dall'esecuzione estremamente semplice, all'insegna della regola aurea che dovrebbe ispirare ogni buon ristorante: far da mangiare pochi piatti, ma fatti bene. Come diceva Angelo Beolco detto il Ruzante, citato nella prefazione dagli autori, "la cucina veneta ha la prerogativa di accontentare il signore e il popolano".

Il gastronauta in Veneto. Viaggio tra le eccellenze del Veneto minore
16 itinerari attraverso la provincia veneta, alla scoperta di luoghi poco conosciuti, ma ricchi di paesaggi, opere d'arte e giacimenti golosi.

Biblioteca di viaggio dei bambini

I bambini alla scoperta di Venezia
Venezia è la città dell'arte, del carnevale, dell'amore, del fascino e del mistero. Questa guida pensata per i più piccoli, conduce i bambini tra dedali di vie nascoste e piazze incantevoli, volando tra i ponti e le acque di questa città "unica" al mondo, protagonista di antiche storie, favole e leggende. Età di lettura: da 8 anni.

Veneto
Aneddoti curiosi e specialità gastronomiche tipiche del luogo descritto vanno a integrare le sezioni di ogni singola provincia. Inoltre una parte dedicata all'interattività (Lavoro io) con testi e immagini su cui lavorare giocando.

Questo itinerario è stato proposto dallo Staff
HomePage