HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Cucina  Ricette Italia  Ricette Europa  Ricette Mondo  Menu speciali  Vostre ricette  Enologia
 
 
Bacco risponde
Ho imbottigliato del vino Cabernet del Friuli della vendemmia del 2002 e da qualche giorno ho notato che il vino è divenuto frizzante, inoltre alcune bottiglie si sono stappate a causa di ciò. Vi sarei grato se mi potreste dire cosa devo fare per evitare di gettare il tutto.
Grazie anticipatamente


Gentile lettore,

indubbiamente il Suo problema è causato da una rifermentazione in bottiglia che non sarebbe avvenuta se il vino, prima di essere imbottigliato, fosse stato stabilizzato cioè fossero stati in qualche modo allontanati dallo stesso, i microrganismi in grado di condurre una fermentazione.
I metodi per stabilizzare un vino sono molteplici ma non sempre effettuabili in casa quando, come nel Suo caso, si acquista vino sfuso dalla cantina e lo si imbottiglia personalmente.

Le tecniche di stabilizzazione possono prevedere solfitazioni (aggiunta di anidride solforosa), filtrazioni, etc… le quali però richiedono l'utilizzo di apparecchiature particolari non facilmente sostituibili con attrezzi più "casalinghi". L'unica cosa che Lei potrebbe fare a questo punto, è mantenere le bottiglie in un luogo il più freddo possibile, l'ideale sarebbe intorno ai 5°C o poco più, ma ovviamente in questa stagione è molto difficile avere queste temperature in normali locali non termocondizionati. La temperatura di una cantina sicuramente è migliore di quella di altri locali anche se non è l'ottimo e al massimo può solo limitare il danno. Una cosa che sicuramente potrà fare per evitare questo inconveniente nei suoi futuri acquisti, è accertarsi al momento dell'acquisto che il vino sia stato stabilizzato già in cantina.

 

a cura della nostra enologa Enrico Tiziana





HomePage