HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Cucina  Ricette Italia  Ricette Europa  Ricette Mondo  Menu speciali  Vostre ricette  Enologia
 
 
Bacco risponde
Vorrei sapere qual è il sistema migliore per trasportare (tipo contenitori) su strada (600 KM) vino (alcune centinaia di litri) e poi conservarlo per alcuni mesi (stessi contenitori del trasporto o altri?). Trattasi di vino produzione 2003 o 2002 sia bianco che rosso. E' necessario usare additivi per evitare modifiche di tipo organolettico?
Ringrazio infinitamente per i consigli tecnici che potrà fornire.


Gentile lettore,
può tranquillamente trasportare il vino di cui parla in damigiane, a patto che siano ben chiuse e cercando di "sballottarle" il meno possibile. La sua conservazione sarebbe più consigliabile in bottiglia per un semplice motivo: nel momento in cui il vino venisse sottratto dalla damigiana per essere consumato, la damigiana stessa rimarrebbe inevitabilmente scolma con rischio di alterazioni dovute al nefasto contatto del vino con l'ossigeno.

Per quanto riguarda l'uso di additivi direi che essi non dovrebbero essere necessari in quanto se Lei ha acquistato il vino in una cantina, il produttore dovrebbe già aver provveduto a quanto necessario sia in materia di additivi o più in generale di interventi atti a prevenire ossidazioni, sviluppi batterici, malattie, etc… che di interventi di stabilizzazione (contro precipitazioni, alterazioni, etc…).

È comunque buona norma utilizzare, per prevenire l'insorgere della fioretta, le pastiglie di isosolfocianato di allile, reperibili in diversi preparati commerciali con nomi di fantasia (tipo Flor Stop), sono le classiche pastiglie di paraffina che si trovano comunemente nei negozi di prodotti enologici. Perché si sviluppi la fioretta infatti è sufficiente che il vino sia a contatto con quantità di ossigeno molto piccole (come la "testa" scolma della damigiana) a temperature superiori ai 5°C. È quindi importante utilizzare queste pastiglie (una per damigiana) anche perché la presenza di fioretta, di per sé non preoccupante perché eliminabile, favorisce l'acescenza cioè il processo di trasformazione del vino in aceto, malattia molto più preoccupante perché difficilmente curabile soprattutto se si hanno a disposizione solo metodi casalinghi.

 

a cura della nostra enologa Enrico Tiziana





HomePage