HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
La Barcellona di Antoni Gaudí
Barcellona è una città magnifica...

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

Barcellona, Gaudì

 

...Camminando tanto e riposandosi poco si può vivere appieno questa affascinante città, che ha una raffinatezza e un dinamismo culturale molto maggiori del resto del paese. E' una città che offre molte possibilità, vantando notevoli edifici gotici e modernisti (art nouveau o liberty) e alcuni splendidi musei.

Barcellona ha anche sviluppato un'identità culturale individuale ed eclettica, espressa al meglio e nel modo più eccentrico dall'architettura di Antoni Gaudí, che da sola è un valido motivo per visitare la città. Ed è per questo che abbiamo deciso di visitarla.

Ecco cosa si può trovare dell'opera di Antoni Gaudí:

Casa Batló: si trova nel quartiere dell'EIXAMPLE, un enorme museo urbano in cui è un piacere andare a giro, e fa parte del gruppo d'edifici della cosiddetta Manzana de la Discordia (caseggiato della discordia o pomo della discordia); terminata nel 1907 e progettata per l'industriale Josep Batlò è la rielaborazione di un condominio già esistente ma ritenuto troppo anonimo dai contemporanei. Gaudi riuscì a crearne un'opera che più tardi Dalì paragonò alle "calme acque di un lago".

Casa Milà: é più nota come La Pedrera (casa di roccia) e vale la pena visitarla anche per la splendida vista dalla terrazza sul tetto.

Palau Guëll: in una traversa delle Ramblas si trova Palau Guëll. Il palazzo, primo edificio moderno dichiarato parte del Patrimonio Mondiale dall'UNESCO, è aperto al pubblico. Qui è pregevole l'uso che fa Gaudi di materiali differenti. In un'epoca in cui gli architetti cercavano di nascondere i sostegni di ferro all'interno degli edifici, Gaudí li utilizzò a suo vantaggio, disponendoli come piacevoli elementi decorativi.

Casa Calvet: risale al 1889 e fu la sua prima casa per appartamenti, lo stile é ancora abbastanza convenzionale, ma l'evidente ispirazione barocca della facciata principale doveva poi riemergere nei suoi edifici successivi, più elaborati.

Temple de la Sagrada Familia: a differenza degli edifici nell'Eixample che non attirano il turismo di massa, la Sagrada Familia è una meta fondamentale di ogni visita a Barcellona. Iniziata nel 1882 e finanziata da una sottoscrizione pubblica, la Sagrada Familia fu concepita originariamente dal suo patrocinatore, l'editore catalano Josep Bocabella, come un edificio "espiatorio", per fare ammenda delle idee sempre più rivoluzionarie della città. Bocabella affidò l'incarico all'architetto Francesc de Paula Villar, e la sua idea era di una chiesa modesta in uno stile neogotico ortodosso. Dopo una serie di litigi fra i due uomini, due anni più tardi Villar fu sostituito da Gaudí, che quasi immediatamente cambiò la direzione e la dimensione del progetto, vedendo nella Sagrada Familia l'opportunità di rappresentare i suoi stessi profondi sentimenti spirituali e nazionalisti.

Attualmente la chiesa è ancora incompiuta, anche se i lavori sono ripresi fra accese polemiche negli anni '50 e proseguono ancora oggi. La dimensione in sé per sé è impressionante. Preparatevi a salire tanti scalini per raggiungere le alte guglie, ma se non ve la sentite ci sono sempre gli ascensori a pagamento.

Parc Guëll: il parco, situato su un colle che consente favolose vedute panoramiche della città, è un'espressione quasi allucinatoria della fantasia. Padiglioni di pietra contorta, gigantesche lucertole decorative, un vasto salone delle colonne, una serpeggiante panchina di ceramica…. Tutto si combina in un unico vortice maniacale di idee e di eccessi.

Casa Vincens: è la prima importante commissione privata di Gaudí, terminata nel 1885. Qui si ispirò allo stile mudéjar, rivestendo la facciata di piastrelle verdi e bianche che compongono un motivo floreale.

Finca Güell: costruita come scuderia e scuola di equitazione per la famiglia del vecchio mecenate dei Gaudí, Don Eusebio Güell, e ora residenza privata, non è aperta al pubblico; si può vedere solo lo straordinario drago in metallo della porta d'ingresso, che ringhia ai passanti con i suoi denti affilati come rasoi.

Cripta Güell: iniziata nel 1898, sarebbe dovuta diventare una chiesa; la cripta rimase talmente incompiuta, che soltanto ricorrendo al disegno si può avere una vaga impressione di come Gaudí intendesse il capolavoro che anticipa nella struttura quella che doveva diventare la sua opera maggiore, la Sagrada Familia.

Buon viaggio a tutti !!!

Paolo & Leslie







 

Biblioteca di viaggio

Spagna settentrionale
Castiglia-León, Barcellona, Catalogna, Andorra, Aragona, Paese Basco, Navarra e La Rioja, Cantabria e Asturie, Galizia...

Spagna centrale e meridionale
La guida segnala le feste che rendono particolare il viaggio, offre dettagliati percorsi a piedi, con indicazione delle distanze e della percorrenza, orari aggiornati di musei noti e meno noti.

Barcellona
Barcellona è e non è Spagna: la seconda città spagnola dopo Madrid è anche la capitale della regione autonoma della Catalogna...

Madrid. Con cartina
Una città che "sprizza" vitalità, energia e dinamismo e che esprime la propria essenza nel movimento che anima le sue strade: da vivere forse ancor più che da vedere...

Moleskine pocket. City Notebook Madrid
Un taccuino speciale destinato ai viaggiatori, per turismo o per lavoro, che vogliono organizzare il proprio viaggio e conservarne memoria...

Storia politica di Euskadi ta Askatasuna e dei Paesi Baschi
La storia di un'organizzazione armata che dal 1959, anno della sua nascita, non ha mai cessato di sparare...

Il Cammino di Santiago. Con DVD
"Il Cammino di Santiago" racconta il viaggio del narratore Paulo lungo il sentiero dei pellegrini che conduce a Santiago di Compostela, in Spagna. Un libro del grande Paulo Coelho

La via di Santiago
Per Natalino Russo, che ha percorso il Camino de Santiago lungo tre itinerari diversi, le convinzioni iniziali si sono andate trasformando di tappa in tappa...

Andalusia
Emozionante, piena di colore e di vita, l'Andalusia rispecchia questa sua caratteristica vivacità soprattutto in quella particolare forma d'arte che è il flamenco...

Siviglia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi

Valencia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi di ristoranti, caffè, sale da tè e da concerto, bar, teatri, negozi, mercati, alberghi.

Ibiza e Formentera
Ibiza è una delle capitali del divertimento mondiale: questa fama rischia però di oscurare le bellezze naturali dell'isola, che vanta magnifiche spiagge ancora incontaminate e un entroterra ricco di boschi.

Isole Canarie
Dalle isole occidentali, meno conosciute, al Parque Nacional de Garajonay, sito dichiarato Patrimonio dell'Umanità, dal vulcano di Tenerife alla Cueva de los Verdes di Lanzarote

Tenerife
Hotel, appartamenti, ristoranti e tapa-bar illustrati nel dettaglio e con l'indicazione dei prezzi. Informazioni sulle cose da vedere, le gite, i divertimenti, lo shopping e gli sport.

Fuerteventura
Attirati dalle fiestas, dalle discoteche e dai club aperti fino a tardi, dai parchi acquatici e dai campi da golf, i turisti esplorano in ogni stagione l'esuberante Fuerteventura...

Il libro delle tapas
"Il libro delle tapas" propone un'imperdibile raccolta di semplici ricette originali di tapas, dai gambas al ajillo, i gamberi all'aglio, alla tortilla de patatas a la espanola, la tornila di patate alla spagnola. Scritto da Simone e Inés Ortega, con un'introduzione del celebre chef di tapas spagnolo José Andrés, il volume dimostra quanto le tapas siano versatili e gustose.

3000 anni di cucina spagnola
Questo libro ha l'ambizione non solo di far conoscere e provare tutto (o quasi) ciò che si gusta e si cucina in Spagna, dalla Catalogna alle Baleari, dai Paesi Baschi a Siviglia, dall'Estremadura ai Pirenei, ma di raccontarne la storia, dalle origini...

... e tutti i film sulla Spagna, cliccando qui!

 

 

 

Questo itinerario è stato proposto da Paolo & Leslie
HomePage