HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Barcellona - Febbraio 2005
Febbraio 2005, due sono i motivi che mi invogliano ad andare a Barcellona...
Vista dalla funiviaSagrada familiaCasa BatlòParc GuellPoble Espanyol

...i racconti della sua bellezza scritti da chi l'ha vista, e che fra pochi giorni purtroppo Ryanair sopprimera' il collegamento da Torino, oltre all'imperdibile tariffa del volo 15 euro A/R che avevo acquistato due mesi prima.
Avevo poi trovato dopo varie ricerche una camera in affitto, anche su questo mi sono trovato benissimo, situata ai piedi della collina di Montjuic, vicino al porto.

Sara il suo nome, ha due camere che affitta, una singola e una doppia, servizi, molto pulito, disponibile tutte le informazioni e necessita' che possono servire, se state cercando un posto per dormire scrivetemi, sicuramente vi troverete bene, spesa 22 euro/notte, a 100mt nella AVINGUDA DEL PARAL-LEL la fermata del metro', linea viola L2 che taglia orizzontalmente la citta', comoda per molti punti di interesse.

Arrivo col volo a Girona, cittadina a 80 km a est di Barcellona, mentre aspetto i bagagli acquisto il biglietto del bus Ryanair, la biglietteria e' proprio di fronte al tappeto mobile dei bagagli, costo 19 euro A/R, arrivo in poco piu' di un'ora in PASSEIG DE SANT JOAN.

Accendo il mio ineguagliabile e mi faccio guidare in PLACA DE CATALUNYA alla ricerca dell'ufficio turistico, fatico un po' a trovarlo, il navigatore dice che si trova di fronte a me… io non lo vedo… strano, non sbaglia mai… rinuncio, voglio posare la valigia a casa, ritorno il giorno dopo, non mi arrendo, e infatti aveva ragione! Bisogna scendere una scala, si trova sotto la piazza, difficile vedere l'indicazione in una piazza cosi' movimentata.

Acquisto una tessera metro'/bus per 4 giorni, costo 16 euro, essendo sabato approfitto per vedere il mercato EL ELCANTS, molto vivace, con oggetti usati, abbigliamento, li' vicino l'imponente SAGRADA FAMILIA, e' veramente altissima e quando si arriva di fronte colpisce la grandezza di questa cattedrale: decido di entrare anche se avevo letto che l'interno non vale il prezzo del biglietto, 8 euro, ma volevo salire sulle torri con l'ascensore (2 euro) fino a 60 mt per ammirare una vista mozzafiato e scendere a piedi gli oltre 400 scalini. L'interno e' effettivamente un cantiere, impalcature a vista d'occhio, gru, mi da' pero' l'impressione che e' stato scelto di non finire mai i lavori…iniziati nel 1883.
Nel seminterrato il museo con le varie fasi della costruzione.

Al ritorno prima passeggiata sulla RAMBLA il salotto di Barcellona, negozi di souvenir (cari), spettacoli improvvisati, un labirinto di stradine laterali stracolme di negozietti e locali.
In direzione del porto prosegue col nome RAMBLA DE MAR, una passerella in legno sul mare che conduce al MAREMAGNUM un centro commerciale sul molo con inclusi cinema, discoteche, ristoranti.

Secondo giorno, col metro' fino al QUARTIERE GOTICO, un giro a esplorare tutte le stradine strettissime, la piu' caratteristica CARRER DE MONTCADA, dove si trova il MUSEO PICASSO, ingresso 6 euro, interessante esposizione, poco lontano vale la pena vedere PLACA DE SANT FELIP NERI e PLACA DEL PI, e la CATTEDRALE DI BARCELLONA, molto ricca internamente con sul retro un bel giardino.

Mi dirigo verso il porto sul molo che costeggiando il QUARTIERE BARCELONETA, zona costruita in occasione delle olimpiadi, porta alla filovia per MONTJUIC, bisogna aver pazienza per la coda, ci ho messo 45 minuti prima di partire, la cabina porta una quindicina di persone, la tratta completa costa 9 euro A/R, il panorama e' decisamente stupendo, fa' solo un po' impressione il momento in cui si stacca dalla stazione e ci si ritrova sul mare con le barchette piiiccole sotto..

Terzo giorno, PASSEIG DE GRACIA, un grande corso centrale ricco di storia, al numero 43 si trova una creazione di Gaudi', CASA BATLO', molto caro l'ingresso 16 euro (con audioguida), per vedere una casa, sicuramente e' un capolavoro di architettura, vale la pena vederlo, per le originali tecniche di costruzione, i particolari studiati per l'aerazione, l'illuminazione naturale, i magnifici interni che ricordano il mondo marino, le grandi porte della sala con vetri tondi e colorati, le mansarde arcate e la coloratissima terrazza con i camini e le tegole come scaglie di pesce, bella bella bella!.

Continuo con l'autore trasferendomi nella collina per vedere PARC GUELL stesso stile, si entra passando fra due costruzioni decorate come la casa precedente, e davanti una grande scalinata doppia bianca porta a un colonnato chiamato sala delle cento colonne, il soffitto ricoperto da mosaici bellissimi, salendo ancora si arriva alla placa de la naturalesa, al lato frontale la panchina serpeggiante decorata con frammenti di ceramica, sul lato posteriore diversi viali coperti, con colonne chiamate "alberi di pietra", in quanto sembrano delle palme, cosi da mimetizzarsi con quelle vere.

Un labirinto di stradine, porticati, scale e la CASA MUSEO GAUDI', visitabile con 4 euro, un delizioso giardino sicuramente favoloso nella bella stagione.

Riprendo il metro' fino al porto per vedere il MUSEO NAVALE, prezzo 6 euro (con audioguida), con una favolosa nave antica a remi. Al ritorno ripassando sulla RAMBLA per vedere il MERCATO DELLA BOQUERIA, principalmente alimentare, ma con un'esposizione spettacolare di frutta e verdura di ogni tipo.

Quarto giorno, dedicato alla COLLINA DI MONTJUIC, salita passando da PLACA ESPANYA per arrivare al POBLE ESPANYOL una ricostruzione caratteristica dei quartieri spagnoli, 7.50 euro, una piccola citta' nella citta', con botteghe artigianali, negozietti, proseguo salendo fino al MUSEO NACIONAL D'ART DE CATALUNYA, ingresso 8 euro, palazzo immenso, appena varcata l'entrata ci si trova in una sala a forma di stadio con gradinate, enorme, diverse porte conducono alle varie zone del museo ricchissimo di dipinti e sculture, poco avanti la FONDAZIONE MIRO', 7.20 euro, mostra di pittura.

Discesa passando per i giardini botanici per ritornare in centro a vedere l'ennesimo capolavoro di Gaudi', CASA MILA', costo 7 euro, molto piu grande della Batllo', ma secondo me, meno appariscente, stesse tecniche di costruzione, dalle forme tondeggianti, grandissima terrazza in diversi livelli, per attraversarla si salgono e scendono molti gradini, classici camini decorati in ceramica, all'interno stanze piu' classiche.

Quinto giorno, veloce visita al PARC DE LA CIUTADELLA, poi ero indeciso se vedere lo ZOO oppure L'ACQUARIUM, al prezzo ognuno di 14 euro, scelgo il secondo, avevo gia' visto quello di Londra, ma questo era migliore, comprende 80 mt di tunnel trasparente percorso su un nastro dove si e' immersi sott'acqua, tantissimi esemplari marini, anche dei piccoli pinguini.

Avevo letto per pericolo dei borseggiatori e ladruncoli della citta': personalmente non mi e' successo niente e l'impressione avuta non e' cosi' allarmante, neanche nel metro' non ho visto nulla di particolare, basta fare un po' di attenzione e non offrire occasioni facili.
Il ritorno e' un po' pesantino, bus alle 4,00 del mattino, prendo un taxi per arrivare alla fermata, con un costo abbordabile, 8.40 euro, un ora e mezza di attesa all'aeroporto di Girona e alle 8.30 ero gia' nella mia Torino, grazie Ryanair… alla prossima.







 

Biblioteca di viaggio

Spagna settentrionale
Castiglia-León, Barcellona, Catalogna, Andorra, Aragona, Paese Basco, Navarra e La Rioja, Cantabria e Asturie, Galizia...

Spagna centrale e meridionale
La guida segnala le feste che rendono particolare il viaggio, offre dettagliati percorsi a piedi, con indicazione delle distanze e della percorrenza, orari aggiornati di musei noti e meno noti.

Barcellona
Barcellona è e non è Spagna: la seconda città spagnola dopo Madrid è anche la capitale della regione autonoma della Catalogna...

Madrid. Con cartina
Una città che "sprizza" vitalità, energia e dinamismo e che esprime la propria essenza nel movimento che anima le sue strade: da vivere forse ancor più che da vedere...

Moleskine pocket. City Notebook Madrid
Un taccuino speciale destinato ai viaggiatori, per turismo o per lavoro, che vogliono organizzare il proprio viaggio e conservarne memoria...

Storia politica di Euskadi ta Askatasuna e dei Paesi Baschi
La storia di un'organizzazione armata che dal 1959, anno della sua nascita, non ha mai cessato di sparare...

Il Cammino di Santiago. Con DVD
"Il Cammino di Santiago" racconta il viaggio del narratore Paulo lungo il sentiero dei pellegrini che conduce a Santiago di Compostela, in Spagna. Un libro del grande Paulo Coelho

La via di Santiago
Per Natalino Russo, che ha percorso il Camino de Santiago lungo tre itinerari diversi, le convinzioni iniziali si sono andate trasformando di tappa in tappa...

Andalusia
Emozionante, piena di colore e di vita, l'Andalusia rispecchia questa sua caratteristica vivacità soprattutto in quella particolare forma d'arte che è il flamenco...

Siviglia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi

Valencia
Una città tutta da scoprire in questo album con 6 dettagliate carte pieghevoli. Di quartiere in quartiere, per tutti i gusti e tutte le tasche: una scelta di 60 luoghi da non perdere, una selezione di 150 indirizzi di ristoranti, caffè, sale da tè e da concerto, bar, teatri, negozi, mercati, alberghi.

Ibiza e Formentera
Ibiza è una delle capitali del divertimento mondiale: questa fama rischia però di oscurare le bellezze naturali dell'isola, che vanta magnifiche spiagge ancora incontaminate e un entroterra ricco di boschi.

Isole Canarie
Dalle isole occidentali, meno conosciute, al Parque Nacional de Garajonay, sito dichiarato Patrimonio dell'Umanità, dal vulcano di Tenerife alla Cueva de los Verdes di Lanzarote

Tenerife
Hotel, appartamenti, ristoranti e tapa-bar illustrati nel dettaglio e con l'indicazione dei prezzi. Informazioni sulle cose da vedere, le gite, i divertimenti, lo shopping e gli sport.

Fuerteventura
Attirati dalle fiestas, dalle discoteche e dai club aperti fino a tardi, dai parchi acquatici e dai campi da golf, i turisti esplorano in ogni stagione l'esuberante Fuerteventura...

Il libro delle tapas
"Il libro delle tapas" propone un'imperdibile raccolta di semplici ricette originali di tapas, dai gambas al ajillo, i gamberi all'aglio, alla tortilla de patatas a la espanola, la tornila di patate alla spagnola. Scritto da Simone e Inés Ortega, con un'introduzione del celebre chef di tapas spagnolo José Andrés, il volume dimostra quanto le tapas siano versatili e gustose.

3000 anni di cucina spagnola
Questo libro ha l'ambizione non solo di far conoscere e provare tutto (o quasi) ciò che si gusta e si cucina in Spagna, dalla Catalogna alle Baleari, dai Paesi Baschi a Siviglia, dall'Estremadura ai Pirenei, ma di raccontarne la storia, dalle origini...

... e tutti i film sulla Spagna, cliccando qui!

 

 

 

Questo itinerario è stato proposto da Paolo, puoi contattarlo:
HomePage