HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
Itinerari in Europa  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Giù al nord - estate 2009

Un viaggio nel paesi del nord della Francia e del Belgio,
partendo dalla meravigliosa Parigi (dal 05 al 21 agosto)

 

Il nostro viaggio di quest'anno si propone di visitare la Francia del Nord partendo da Parigi per proseguire poi per la regione dei castelli della Loira, la Bretagna e parte della Normandia fino ad arrivare nel Nord passo di Calais e da qui entrare in Belgio e visitare la regione delle Fiandre per poi fare ritorno a casa attraversando il Lussemburgo, la Germania e l'Austria.

Durante l'inverno abbiamo visto al cinema il film francese campione d'incassi "Giù al Nord" così nel programmare il nostro viaggio nelle terre francesi del nord abbiamo deciso di fermarci a Bergues, al Nord passo di Calais dove è stato interamente ambientato questo film (guardatelo perché è molto divertente).

05-08-09 mer - Albinea (I) - Ivrea (I) alla partenza Km 47765

Ci siamo Finalmente. Come consuetudine dire il fatidico giorno è arrivato e dopo tutti i preparativi siamo pronti per metterci in marcia. L'equipaggio è composto da Gianni (45) Paola (45) Andrea (9) Gianluca (4) ed Ary, la nostra cucciolona di 3 anni. Sono le 22.30 e ci dirigiamo verso Torino via Piacenza, per poi proseguire per il Traforo del Monte Bianco. Il traffico è praticamente nullo e procediamo speditamente. Verso le 01.30 ci fermiamo nell'area di sosta Viverone nord per dormire. Notte tranquilla sotto una luna piena e cielo stellato. Km 278

06-08-09 gio - Ivrea (I) - Maicon (F) - Auxerre (F) - Courtenay (F) alla partenza Km 48043

Oggi tappa di trasferimento. Di buon mattino, per evitare eventuali problemi di traffico, riprendiamo il nostro viaggio verso Parigi arrivando verso le 08.00 al traforo del Monte Bianco. La fortuna ci assiste in quanto non troviamo code e riusciamo subito ad attraversarlo senza fare nessuna attesa (conviene comunque consultare il sito del Traforo del Monte Bianco per verificare se vi sono chiusure serali per manutenzione e per la stima del traffico) Paghiamo il nostro biglietto (camper 44 € solo andata ovviamente… alla faccia…) ed entriamo.
Nel tunnel bisogna mantenere una distanza di sicurezza minima di 150 mt e una velocità tra i 50 e i 70 km orari per questioni di sicurezza (Autovelox in galleria. Attenzione) ma alla fine eccoci in Francia. Procediamo oltre Chamonix e percorriamo la A40 in direzione di Lione e poi di Macon. Il traffico rimane scarso e solo il caldo ci dà qualche problemino. Ci fermiamo per il pranzo in un'area di servizio nei pressi di Macon insieme a tanti altri turisti di diversa nazionalità. Dopo un buon riposo si riparte sempre verso Parigi via Auxerre sulla A6 e decidiamo di fermarci a Courtenay a 130 km da Parigi in un bellissimo campeggio immerso nel verde di un giardino botanico, molto rustico ma ubicazione fantastica. (18.95 € tutto compreso compreso il cane).
Serata passata in campeggio a giocare a calcio e a guardare le stelle perché anche oggi il tempo è stato stupendo Km 636

07-08-09 ven - Courtenay (F) - Fontainebleau (F) - Parigi (F) alla partenza Km 48679

Stamattina partiamo con calma in quanto abbiamo la prenotazione del campeggio nella capitale, il Bois de Boulogne per le ore 15.00 per cui, senza fretta ci prepariamo e lasciamo il campeggio verso le ore11.00. Prendiamo sempre l'autostrada A6 in direzione di Parigi e ci fermiamo a visitare Fontainebleau ed il suo castello rinascimentale, dimore dei re di Francia da Francesco I a Napoleone III. Dal 1981 il castello ed il suo enorme parco sono iscritti alla lista del Patrimonio dell'umanità Unesco. Il palazzo è davvero imponente ma ancora di più lo sono i suoi giardini e i laghi che lo circondano (Assolutamente da non perdere).
Tralasciamo la visita interna e partiamo per la nostra meta: Parigi. Da Fontainebleau prendiamo la strada statale N7 e cominciamo a vedere un certo aumento di traffico.

Mi affido al mia amato Tom Tom per districarmi nelle vie caotiche della capitale e in un lampo, e senza sbagliare strada, arriviamo al campeggio in perfetto orario: sono le 15.20 Meno male che, seguendo le raccomandazioni riportate sul sito del campeggio, abbiamo prenotato in anticipo altrimenti stavamo in strada visto l'alto numero di turisti presenti. Le operazioni per la registrazione sono un po' lunghe in quanto cominciano per tutti alle 15.00 precise e, come già detto, vi sono molte persone e di tantissime nazionalità. Finalmente, dopo una lunga attesa, ci danno la nostra piazzola. Il campeggio è grande ma pulito e comunque ben organizzato. Si trova proprio lunga la riva destra della Senna a 5 chilometri (misurati in corsa mattutina) dalla torre Eiffel e a 10 minuti dalla Avenue des Champs-Elysèes (149€ tutto compreso pagati in anticipo)

Vi è un servizio di bus (non gratuito) per Port Marriott (a 2 km di distanza) da dove è poi possibile prendere il metrò e visitare la città. Cosa che noi, sistemato il camper e tutto il resto, abbiamo fatto subito. Infatti alle 17.30, con i bimbi carichi più che mai e con il nostro bel cagnone Ary al seguito siamo partiti per la scoperta di Parigi, andando subito al Trocadero: Andrea era ansioso di vedere la torre il prima possibile (In Francia è possibile portare i cani sia in autobus che sul metrò... grande paese). Dopo 2 fermate e un cambio linea eccoci finalmente arrivati, di fronte a questa meraviglia: la Torre Eiffel. La nostra intenzione era di salire in cima ma visto la calca ci riproveremo domani. Comunque è uno spettacolo unico che diventa magico quando con il calar del sole accendo i fari. La torre illuminata nel cuore di Parigi fa un certo effetto. Dalle ore 22.00 e per 5 minuti soltanto accendono anche le luci argentate lampeggianti inaugurate nel capodanno del 2000 e mantenute come attrazione ulteriore per abbellire la struttura. Lo spettacolo viene ripetuto sia alle 23.00 che alle 24.00 (verificato) Alle 23.30 facciamo rientro in campeggio sempre utilizzando prima il metrò e poi l'autobus. Tutto perfetto. Domani ci aspetta Notre-Dame.
Giornata calda ma leggermente nuvolosa mitigata da un leggero vento. Km 138

08-08-09 sab - Parigi (F) alla partenza Km 48817

Dopo un buon riposo e dopo un'abbondante colazione partiamo finalmente alla nostra scoperta di Parigi, io e Paola la conosciamo già ma per i bambini è tutta una scoperta, come lo è stata la metropolitana ieri sera e la vista della torre Eiffel. Alla reception del campeggio compriamo i ticket validi 2 giorni su tutti i trasporti pubblici (metrò e autobus compreso quello che dal camping ci porta in centro 20.8€ adulti 10.4€ i bambini) e alla fine si dimostreranno davvero utili (sia come risparmio che come comodità: basta file alle casse)
Usciamo dal campeggio alle ore 11.00 e ci dirigiamo, dopo preso il pullman ed il metrò, verso l'Arco di Trionfo, Arc de Triomphe de l'Etoile (in francese) che si trova all'inizio del famoso viale dei Champs-Élysées, al centro della piazza denominata Place de l'Étoile dove confluiscono i 12 vialoni di Parigi. Commissionato da Napoleone Bonaparte nel 1806, l'arco venne progettato da Jean Chalgrin e costruito dagli architetti Louis-Robert Goust e Jean-Nicolas Huyot, come versione neoclassica degli antichi archi di trionfo dell'Impero Romano. La vista è davvero mozzafiato per la sua imponenza e per la vista che se ne goda dalla cima. Oggi l'Arco di trionfo è anche la tomba del milite ignoto francese.

Proseguendo la nostra visita ci siamo fermati a Place de la Concorde: in questa enorme piazza, la seconda in ordine di grandezza di tutta la Francia e luogo importante ai tempi della rivoluzione, fu ghigliottinato il re Luigi XVI e al centro vi è posto l'obelisco di Luxor donato alla Francia dall'Egitto nel 1836.
Riprendendo il metrò, arriviamo alla basilica di Notre-Dame che non ha bisogno di presentazioni.
Risalente al 1163 è spesso chiamata semplicemente Notre-Dame (ovvero "Nostra Signora", in riferimento alla Madonna) ed è la cattedrale cattolica dell'arcidiocesi di Parigi. La sua bellezza è unica ed in totale stile gotico.
Verso le 14.00 ci fermiamo per un pasto veloce in un ristorante della catena McDonalds vicino alla basilica e subito dopo decidiamo di far ritorno al campeggio perché Gianluca è un po' stanco e vogliamo farlo riposare in quanto la serata sarà sicuramente impegnativa.

Rientrati in campeggio verso le 15.30 dedichiamo il resto del pomeriggio al riposo. Alle 21.00 siamo pronti per uscire di nuovo e ci dirigiamo verso la Tour Monparnasse. La Tour Montparnasse è il più alto grattacielo di Parigi (33 avenue du Maine, XIV arrondissement) ed è stato progettato dal gruppo di architetti capitanati da Jean Saubot. È inoltre il più alto grattacielo di Francia. L'attesa per salire è nulla a differenza di quella per la torre Eiffel, in un attimo siamo in cima a 209 mt di altezza. Il panorama è stupendo ed unico.
Dopo le foto di rito (davvero uniche con la torre in primo piano) ci dirigiamo verso la torre Eiffel e facciamo la nostra coda. Anche da qui il panorama e stupendo ma per essere sincero è più bello visto dalla Tour Monparnasse in quanto si vede, oltre che a tutta Parigi, anche la torre Eiffel illuminata. Verso le 00.30 facciamo ritorno in campeggio davvero stanchi e desiderosi di metterci a letto. Domani sarà un'altra giornata impegnativa. Tempo con leggere nuvole ma fresco e sopratutto senza pioggia.

09-08-09 dom - Parigi (F) alla partenza Km 48817

Anche stamattina c'è la prendiamo con calma. Partiamo infatti alle 11.00 dal campeggio per la basilica del Sacro Cuore e di Montmartre. Ormai l'uso del metrò è alla nostra portata ed in un attimo eccoci a Pigalle, il quartiere delle luci rosse (forse di sera perché di giorno non sembra). Una breve passeggiata (in salita) ed eccoci in cima a Montmartre. Davvero bella. La prima pietra fu posata il 16 giugno 1875, ma la chiesa fu conclusa solo nel 1914 e consacrata nel 1919, dopo la fine della Prima Guerra mondiale, che ironicamente fu vista da molti francesi come una rivincita nei confronti della Germania vittoriosa nella guerra franco-prussiana.
Dopo le consuete foto di rito e la visita ad alcuni negozi di souvenir sulla collina ci fermiamo per un pranzo volante in uno dei tanti locali presenti. Ristorati facciamo ritorno in campeggio per il solito riposo quotidiano, visto che abbiamo prenotato un tour della città in pullman e bateaux-mouches serale, vogliamo arrivarci ben riposati.

Nel frattempo che Gianluca fa il suo riposino, io e Andrea decidiamo di andare alla torre Eiffel in bici. Il tragitto lo avevo già percorso in mattinata in quanto l'ho fatto di corsa per cui è semplicissimo: attraverso piste ciclabili e strade chiuse al traffico si attraversa il Bois de Boulogne ed alcune vie del centro per ritrovarsi proprio al Trocadero nella via antistante il ponte di fronte alla torre. La soddisfazione è enorme, soprattutto per Andrea. Verso le 20.30 siamo partiti dal campeggio per la gita serale in pullman e bateaux-mouches di Parigi. Abbiamo percorso tutte le zone più importanti della città: dall'Operà al palazzo dell'Eliseo, dalla piazza della Concorde all'Arco di Trionfo, poi sugli Champs-Élysées illuminati per passare poi per la torre Eiffel, il ristorante Ritz e il tunnel Dell'Alma (dove la notte del 31 agosto 1997 vi fu l'incidente stradale che provocò la morte di Lady Diana Spencer, Dodi Al-Fayed e l'autista della loro macchina Henri Paul), al Louvre ect, prima di imbarcarci sul bateaux-mouches per la tradizionale crociera sulla Senna. Siamo rientrati in campeggio alle ore 00.20, una bella doccia e poi a letto. Anche oggi giornata nuvolosa ma senza pioggia; meglio cosi, abbiamo girato Parigi senza morire di caldo

10-08-09 lun - Parigi (F) - Orleans (F) - Chambord (F) alla partenza Km 48817

Anche oggi c'è la prendiamo con calma, d'altra parte sono ferie, per cui lasciamo il campeggio alle ore 11.00 (tempo massimo) e ci dirigiamo verso Orleans (lasciare Parigi è stato facile grazie al Tom Tom, devo ammetterlo). Il tragitto è senza problemi e alle 15.00, dopo pranzo arriviamo finalmente nella regione dei Castelli della Loira e più precisamente a Chambord il nostro primo castello. All'interno dell'immenso parco vi è un'area di sosta per camper nella quale, per la modica cifra di 15€ è possibile pernottare (senza carico/scarico e luce) ma, mio consiglio, fermatevi se potete perché, in estate, vi è lo spettacolo di luci al castello e ve lo garantisco, ne vale davvero la pena (costo biglietto 4.5€)
Il castello è immerso in una riserva di caccia di 5.500 ettari ed è davvero molto imponente. Scegliamo di fare la visita non guidata ma seguendo noi l'opuscolo datoci alla reception e si rivelerà una scelta azzeccata in quanto riusciamo a tralasciare alcune sale meno interessanti e a preferirne altre in virtù dei bimbi. (Gianluca è molto più interessato alle barchette del fossato). L'ingresso costa 9.5€ a persona ma i minorenni non pagano. La visita passa in rassegna le varie stanze, lo scalone principale e i vari balconi davvero tutto molto interessante. Chambord è il più grande fra i castelli della Valle della Loira ed è tra i più spettacolari.

Fu Francesco I a far costruire nel XVI secolo questa stravagante costruzione di 440 stanze e per creare lo spazio necessario fece deviare il corso di un fiume. E' famoso soprattutto per il tetto ricco di torrette in ardesia nera, comignoli, abbaini e contrafforti ornati da una vasta serie di timpani e statue. Il castello fu saccheggiato durante la Rivoluzione e alcune stanze non sono state arredate di nuovo. Nell'interno, simile a un labirinto, si trovano 84 scalinate e 365 comignoli. Particolare è la scalinata a doppia spirale che si snoda dalla torretta centrale sovrastata da un lucernario fino al pianterreno e che conduce dal primo piano alla terrazza sul tetto. All'uscita siamo andati a prendere in affitto per un'ora la barchetta a remi per fare il giro del fossato e devo dire che è stato davvero divertente.

Alle ore 22.00, dopo cena, siamo ritornati di nuovo al castello per vedere lo spettacolo di luci. In orario, alle 22.30 e iniziato ed è stato davvero incantevole: disegni e filmati, luci e ombre si susseguivano sulla facciata del castello in una serata stupenda e piena di stelle. Davvero uno spettacolo unico. Alle ore 23.15 gran finale e poi ritorno al camper. Oggi giornata stupenda piena di sole e stellata di notte. (notte di S. Lorenzo) km 204

11-08-09 mar - Chambord (F)- Chenonceaux (F)- Azay le Rideau (F) alla partenza Km 49021

Oggi partenza un po' prima rispetto al solito e sosta a Blois per una piccola visita: la città è un po' caotica e il parcheggio per il castello non è dei più comodi per cui rinunciamo al castello di Blois e ci dirigiamo a visitare Chenonceaux, il castello che fa da ponte sul fiume Cher. All'arrivo troviamo il parcheggio grande e ben raggiungibile con varie zone d'ombra. Lasciamo Ary in camper e fatti i biglietti in una biglietteria automatica superando agevolmente una notevole coda, ci dirigiamo all'ingresso del castello (10€ gli adulti - 8€ i ridotti). Come detto prima la particolarità di questo castello è che fa da ponte sul fiume Cher. Fu costruito nel suo nucleo originario fra il 1513 ed il 1521 dalla ricchissima famiglia Bohier -Briconnet. Successivamente passò a Francesco I re di Francia ed ai suoi successori. Intorno sono ubicati bellissimi giardini (uno fu voluto da Caterina de' Medici). Abbiamo visitato le varie stanze, la cucina, le camere da letto e la grande sala che attraversa il fiume. All'uscita, anche qui, abbiamo preso a noleggio la barchetta a remi per un giro sul fiume, passando sotto le arcate del ponte-castello e facendo foto davvero particolari. Dopo aver riconsegnato la barchetta abbiamo visitato parte dei giardini ed il famoso labirinto formato da siepi nel quale ci siamo addentrati.

Verso le 17.30 siamo poi ripartiti per il castello di Azay le Rideau distante circa 60 km. All'arrivo ci siamo sistemati nell'area di sosta all'esterno del campeggio proprio di fianco al giardino del castello (area gratuita con carico e scarico 2€ e possibilità della doccia nel campeggio, a pagamento). L'area è molto ben organizzata ma un po' piccola max 15 camper per cui è bene arrivarci nel primo pomeriggio, noi infatti abbiamo trovato l'ultimo posto libero. Sistemato il camper abbiamo cenato e poi ci siamo diretti a visitare il piccolo ma molto grazioso centro di Azay le Rideau con le sue vie strette e piene di negozi poi, verso le 23.30 siamo ritornati in camper per la notte.
Anche oggi giornata stupenda piena di sole e molto calda. Km 145

12-08-09 mer - Azay le Rideau (F) - Langeais (F) - St. Atienne alla partenza Km 49166

Oggi ci siamo alzati alle 10.00 per visitare il castello di Azay le Rideau ed il piccolo paesino di giorno. Tutto davvero incantevole. Il castello fu costruito su un'antica fortificazione medioevale da Gilles Berthelot, tesoriere del Re e sindaco di Tours nel 1510 e nel 1905, venne acquistato dallo Stato. Anche qui abbiamo visitato le varie stanze ed i giardini ma non abbiamo fatto il giro in barca, non c'era.

Verso le 11.30 ci siamo diretti verso Langeais e abbiamo visitato il castello omonimo. Costruito intorno al 1465 sulle ceneri di una vecchia rocca mantiene oggigiorno il suo puro stile medievale e merita sicuramente una visita. A Langeais è molto bello anche il ponte che attraversa il fiume. Dopo aver visitato anche i giardini, nei quali vi è un'area gioco per bambini davvero originale (vi è una casetta di legno costruita su un albero molto alto) ci siamo avviati verso il castello di Ussè ma visto l'esosa richiesta del prezzo del biglietto ci siamo limitati ad ammirarlo dall'esterno (13€ gli adulti e 10€ i bimbi). Alle 14.00, un po' fuori orario, ci siamo fermati in un'area pic-nic per il pranzo lungo il fiume Indre.

Dopo pranzo siamo infine partiti per la Bretagna (terza tappa del nostro itinerario) dirigendoci verso Nantes e fermandoci per la notte a St. Atienne de Montluc nel campeggio Municipal de la Colleterie dove, tutto compreso (anche il cagnone) abbiamo speso ben 15€ . Bisogna ammettere però, che i campeggi Municipali, sono un po' scarsi sia come attrezzature che come servizi. Comunque la corrente c'era e le docce erano pulite.
Tempo leggermente nuvoloso al mattino e soleggiato nel pomeriggio. Km 245

13-08-09 gio - St. Atienne - Carnac (F) - Brest (F) - Kerhuon (F) alla partenza Km 49411

Con molta calma, come sempre ormai, siamo partiti alle ore 11.00 per Carnac dove siamo arrivati alle 12.00. Dopo aver girato 5 muniti per trovare un parcheggio (trovato poi a fianco della strada) abbiamo subito visitato il sito megalitico dei menhirs ed il museo situato nelle vicinanze (gratuito). I menhir sono delle grandi pietre fitte verticalmente nel terreno sommariamente sbozzate o scolpite e solitamente di forma allungata, che possono raggiungere svariati metri di altezza. Appartengono al mondo religioso e funerario di alcune popolazioni dell'età neolitica.
Alle 13.30 ci siamo fermati per il pranzo, lungo il lungomare dove non vi erano aree di sosta per camper ma solo parcheggi. Qui Andrea e Gianluca si sono divertiti a correre e a raccogliere conchiglie lungo la riva in quanto la marea era molto bassa ed anche Ary ha apprezzato i cumuli di gabbiani che le volavano intorno.
Verso le 16.00 ci siamo rimessi in viaggio per raggiungere Brest, capitale della Bretagna. Al nostro arrivo e dopo aver fatto un tour della città, della sua fortezza e della sua baia abbiamo trovato posto nel campeggio Municipale a Kerhuon, sul litorale (17.5€ tutto compreso)
Anche oggi abbiamo avuto leggeri nubi al mattino e sole al pomeriggio Km 336

14-08-09 ven - Kerhuon (F) - St. Mathie - St- Pol De Leon (F) alla partenza Km 49747

Questa mattina ci siamo svegliati molto presto per poter essere al centro oceanografico di Brest Oceanopolis il prima possibile. Arrivati (il centro si trova nella zona del porto seguire comunque i cartelli) abbiamo parcheggiato nel parcheggio per camper che può essere usato anche come area di sosta in quanto è sempre aperto e gratuito. Oceanopolis (14.7€ gli adulti e 10€ i bambini) è un grande centro a forma di granchio dove è possibile ammirare le specie marine di diverse parti del mondo. Vi sono infatti tre diversi padiglioni: uno dedicato alla fauna ittica nel mondo polare, uno alla fauna ittica del mondo tropicale e l'ultimo alla fauna ittica del mondo temperato, il tutto correlato con splendide vasche piene di pesci e mammiferi marini di tantissime specie. Inoltre vi sono diverse sale dove è possibile vedere filmati e documentari e percorsi didattici a tema. A noi è piaciuto moltissimo il padiglione dedicato alla fauna polare, dove c'erano i pinguini.
All'interno del centro vi sono diverse aree di ristoro e negozi di souvenir. La visita ci ha impegnato ovviamente tutta la mattina ma ne è valsa davvero la pena. Alle 14.00, dopo pranzo, siamo partiti verso Saint Mathieu, sulla costa occidentale per la visita del faro omonimo e dei resti della chiesa abbaziale de sec. XIV appartenuta ad un monastero benedettino. La costa è fantastica e la giornata piena di sole e ventilata c'è la rende ancora più magica.
La salita al faro è d'obbligo e la vista del panorama è incantevole. Siamo poi ripartiti seguendo la strada costiera fino ad arrivare a Lampaul Plouarzel fermandoci a visitare altri fari di minore importanza per poi arrivare a St- Pol De Leon vicino a Roscoff nel camping Trologo proprio sul mare (31€ tutto compreso).
Serata trascorsa a colorare i sassi presi prima di cena sulla spiaggia.
Giornata soleggiata e calda e serata stellata Km 145

15-08-09 sab - St. Pol De Leon - Ploumanac'h (F) - Le M. S. Michel alla partenza Km 49892

Alle ore 11.00 dopo le operazioni di carico e scarico siamo partiti per la penisola della Costa di Granito Rosa (Cotè de Granit Rose) fino ad arrivare a Ploumanac'h dove, dopo aver pranzato il lauto banchetto di ferragosto preparato da Paola, abbiamo visitato il famoso faro costruito tutto con questo tipo di pietra e la costa che lo circonda (davvero unico). La zona circostante è tutta formata da massi e sassi di granito di un color rosa-rossastro che ne fa una delle mete più gettonate di questa parte di costa.

Alle ore 17.00 siamo partiti per Le Mont St. Michel, in Normandia, dove siamo arrivati alle 19.30 La scelta dell'orario è stata azzeccata infatti non abbiamo trovato confusione nè fila per entrare nel grandissimo parcheggio antistante la rupe. Ci saranno stati almeno altri 300 camper (a occhio e croce) al modesto costo di 8€ a camper per pernottare. Mentre la Paola preparava la cena io ne ho approfittato per fare una corsetta intorno all'isolotto, ovviamente libero dalle acque. Lo spettacolo è unico ed il sole al tramonto crea un'aria davvero surreale. Insieme a me anche tanta gente percorre a piedi il periplo dell'isola e tanti si spingono verso la baia per scattare foto o semplicemente per avere una visione diversa.
Dopo cena, ci siamo incamminati per visitare questo magico posto di sera. In 5 minuti siamo arrivati all'ingresso e passo dopo passo, e negozio dopo negozio, siamo arrivati fino in cima dove vi è un museo a pagamento. Dalle balconate lo spettacolo è fantastico con le lucine delle macchine in lontananza. Ritornati al camper abbiamo dedicato 30 minuti della nostra serata a fare una lunga serie di fotografie notturne, che dato il bellissimo soggetto, sono venute decisamente bene.
Giornata caratterizzata da leggere nuvole alla mattina e pallido sole al pomeriggio. Km 301

16-08-09 dom - Le M. S. Michel - Utah Beach (F) - Arromanch (F) alla partenza Km 50193

Questa mattina partiamo prima del solito per visitare il centro rettili a 4 km da Le Mont St. Michel, l'Alligator Bay parco tematico con alligatori, tartarughe e varani. Mentre uscivamo dal parcheggio, verso le 09.00 vi era una colonna di macchine e camper in entrata già di oltre 2 km (consiglio: arrivate verso sera a Mont St. Michel)
Arrivati al parco (11€ gli adulti - 7€ i piccoli) abbiamo visitato le tre sezioni del parco: la serra degli alligatori, la casa delle tartarughe ed il labirinto dei dragoni con numerose specie di rettili. I bambini si sono divertiti un mondo anche perché vi erano moltissimi spazi e percorsi didattici ben organizzati.
Verso le 12.30 prendendo la A84, ci siamo messi in marcia per raggiungere Carentan e da li la spiaggia di Utah Beach, una delle 5 spiagge dove all'alba del 6 giugno del 1944 vi è stato il famoso sbarco in Normandia. In ogni angolo vi è un vecchio mezzo di guerra (carro armato o autoblindo) oppure un museo. La spiaggia invece era affollata di persone che faceva il bagno o prendevano il sole in quanto la giornata era soleggiata e calda. Sembra impossibile che 65 anni fa questi luoghi siano stati testimoni di cruente e violente battaglie per la libertà.
Ci siamo poi spostati verso la seconda famosa spiaggia dello sbarco: Omaha Beach (ribattezzata in seguito Omaha la sanguinosa per la terribile battaglia che qui si è svolta) dove anche qui molte persone facevano vita balneare.
Un tutta la zona è possibile vedere fortificazioni tedesche e oggetti che ricordano lo sbarco.

Lasciato la spiaggia siamo andati a visitare il Cimitero di guerra americano di Colleville che sorge a strapiombo sul mare proprio di fronte alla spiaggia, su un area di 70 ettari è il più vasto cimitero americano di Francia. Il cimitero è di forma rettangolare, ha i viali disposti a forma di croce latina. Nei quadrati di prato che separano i viali sono disposte 9387 croci o stelle di Davide bianche perfettamente allineate. Proseguendo siamo arrivati ad Arromanches, dove gli alleati avevano costruito il porto artificiale Mulberry utilizzando enormi parallelepipedi di cemento armato messi a semicerchio di fronte al piccolo paesino. Ancora oggi sono ben visibili questi pezzi di cemento. Qui il campeggio del paese era già completo per cui ci siamo spostati 8 chilometri, a Port en Bessina al camping De la Prairie dove abbiamo dormito (23.8€ tutto compreso)
Anche oggi leggere nuvole al mattino ed un bel sole al pomeriggio Km 268

17-08-09 lun - Arromanch (F) -Cap Griz-Nez (F) - Bergues (F) alla partenza Km 50461

Partiamo verso le 09.30, dopo una buona prima colazione, ed andiamo subito a visitare le Batterie di Longues sur Mer a poca distanza dal nostro campeggio. Nel parcheggio è possibile fermarsi a dormire per la notte (sosta libera). Questa batteria è l'unica in tutta la zona atlantica ad aver conservato i propri cannoni. Comprende 4 postazioni di tiro in casematte di cemento armato, munite di pezzi di artiglieria da 150 mm, con una portata di circa 19 km, e una postazione per la direzione del tiro che si affaccia sulla costa, dalla quale è oggi possibile scorgere il fianco orientale del porto artificiale Mulberry di Arromanches, distante solo pochi chilometri.
Verso le 11.30 siamo partiti, lasciando la Normandia, verso il Nord Pas de Calais. Piccola sosta a Bayeux per spese alimentari e poi via fino a Boulogne sur Mer perorrendo la E402. Qui siamo usciti dall'autostrada e , seguendo la costa, siamo arrivati a Cap Griz-Nez, dove vi è una vista stupenda sulla Manica e sulle scogliere francesi. Siamo riusciti anche a vedere la costa Inglese visto la stupenda giornata di sole che ci accompagnava. Dopo le foto di rito e un giro intorno al faro (qui vi è anche il centro operativo regionale di sorveglianza e di salvataggio organismo per monitorare il traffico marittimo nello stretto) siamo ripartiti per raggiungere Bergues, paesino a 14 chilometri da Dunkerque famoso per il film francese "Giù al Nord". Arrivati ci siamo sistemati nell'area di sosta camper proprio all'ingresso del paese (gratis ma senza carico/scarico) ed abbiamo finalmente cenato. Verso le 22.00 siamo usciti per visitare il paesino di sera: abbiamo rivisto i luoghi del film ma in giro non c'era praticamente nessuno ed i negozi erano tutti chiusi. Cosi siamo ritornati al camper e ci siamo preparati per la notte.
Anche oggi leggere nuvole al mattino ed un bel sole al pomeriggio Km 461

18-08-09 mar - Bergues (F) - Oostende (B) - Bruges (B) alla partenza Km 50922

Oggi ci siamo alzati con calma e ci siamo preparati per il nostro ultimo giorno in terra francese. Partiamo infatti per la visita di Bergues in bicicletta, (Gianluca con me sul seggiolino). La piazza del municipio, la Torre del campanile con il suo famoso carillon formato da 50 campane, le grandiose mura e le sue 4 porte di accesso alla città. Poi i luoghi dove hanno girato il film: le vie del centro, la piazza, la casa dove aveva sede l'ufficio delle poste, ect. Davvero una visita interessante e simpatica nello stesso tempo. In ogni angolo del paese e in tantissimi negozi vi sono foto, articoli di giornale e locandine del film che tanta fama ha portato a questo piccolo angolo di terra della regione del nord.

Verso le 12.00 siamo ritornati al camper per pranzare e verso le 16.00 siamo partiti per la costa belga (il Belgio da qui dista solo 15 km). Abbiamo percorso l'autostrada fino a De Panne e poi la strada costiera fino a Oostende costatando che il litorale belga è molto più caotico ed affollato di quello francese in generale. Vi sono grandi palazzi e condomini proprio sul mare e sembra di stare praticamente a Rimini in virtù anche dei numerosi locali e negozi che durante la strada si incontrano.

Da Oostende prendendo strade secondarie arriviamo a Bruges capoluogo della regione delle Fiandre occidentali, dove ci fermiamo nell'area di sosta proprio di fianco al grande parcheggio per pullman vicino ad uno dei tanti ingressi della città (22.5€ la notte compresa corrente elettrica con carico/scarico e uscita entro le 11 del giorno successivo) Sistemato il camper partiamo per la scoperta della città in bicicletta: le sue vie caratteristiche, i negozi di cioccolato e le immancabili birrerie e pub che circondano il centro. Poi la piazza del municipio con la sua torre civica: Belfry of Bruges del XIII sec. e il suo carillon formato da 47 campane. La piazza è molto affollata di gente che canta e balla e piena di tanti turisti in cerca di foto. E' circondata da ristoranti non proprio a buon mercato ma vi è anche un fast-food, per chi non vuole spendere. Ritornati al camper, ceniamo poi aspettiamo la sera per ripetere il giretto in centro e sempre in bicicletta. La vista notturna è molto suggestiva così ne approfitto per fare delle foto serali. La piazza ed il centro storico sono ancora molto affollate, grazie a i tantissimi locali, ma i negozi alle 23.00 spengono le luci delle vetrine (erano comunque già chiusi da prima) per cui decidiamo di andare a dormire.
Oggi abbiamo avuto il sole tutto il giorno con un vento fresco lungo la costa Km 135

19-08-09 merc - Bruges (B) - Gent (B) - Waterloo (B) - Homburg (D) alla partenza Km 51057

Oggi iniziamo sostanzialmente il viaggio di ritorno verso casa toccando comunque diverse località degne di una breve visita. Partiamo infatti dall'area di sosta di Bruges prima delle 11.00 (altrimenti ci toccava pagare un'altro giorno) e ci dirigiamo, lungo la E40 verso Gand (o Gent) distante poco più di 50km. Arriviamo verso le 12.00 e fortunatamente troviamo un posto per parcheggiare a 5 munti dal centro storico (come ci siamo arrivati ancora nessuno lo sa) comunque questo ci ha permesso di effettuare una veloce visita del centro che devo dire è davvero bello. La città è capoluogo delle Fiandre orientali ed è la terza città del Belgio. La piazza, le sue vie strette e colorate da numerosissimi fiori, la torre campanaria del Belfort e la chiesa Saint-Nicolas che è visibile dietro il campanile sono tutte degne di una visita.

Tornati al camper siamo poi ripartiti verso le 13.30 per trovare un'area di sosta, fuori dalla città, per pranzare. Dopo pranzo e dopo un piccolo riposino, siamo ripartiti in direzione di Bruxelles, capitale del Belgio, che però non abbiamo visitato. Abbiamo preferito visitare un piccolo paese poco distante dalla capitale (16 km) ma molto famoso: Waterloo, scenario di una delle battaglie più cruente della storia (la battaglia di Waterloo) che ha decretato la fine politica dell'imperatore francese Napoleone Bonaparte. Dopo aver parcheggiato il camper abbiamo visitato la "Butte du lion" una collina alta 41 mt con in cima la statua di un leone a simboleggiare il coraggio (6€ glia adulti - 4€ i bimbi) per salire fino in cima abbiamo percorso 225 scalini ma ne è valsa la pena. Anche se davanti noi c'era campagna a perdita d'occhio è stato toccante pensare a questa famosa battaglia che proprio li si è combattuta. Dopo le foto di rito abbiamo visitato il museo con vari tipi di divise, armi e oggetti dell'epoca.

Fatta merenda siamo ripartiti verso la Germania e ci siamo fermati a dormire a Homburg, dopo aver attraversato il Lussemburgo (qui il gasolio costa solo 0.89€ al litro), in una comodissima area di servizio. Anche oggi tempo stupendo caldo e purtroppo niente venticello Km 510

20-08-09 gio - Homburg (D) - Rothemburg (D) - Trento (I) alla partenza Km 51567

Oggi giornata di rientro. Partiamo in direzione di Rothemburg ob der Tauber, anche se questo vuole dire deviare dal nostro tragitto di circa 60 km ma poco importa, siamo in ferie. Arriviamo nell'area di sosta antistante l'ingresso della città vecchia verso le 11.30 sotto un sole rovente in una giornata caldissima. Decidiamo di pranzare e di visitare il paesino (per l'ennesima volta: ormai è la terza ma a noi piace tantissimo) nel pomeriggio, dopo le 16.00 in modo da proseguire il viaggio nelle ore serali, più fresche e meno trafficate. Nel frattempo ci dedichiamo ad una bella pausa di riposo. Come detto, verso le 16.00, in bicicletta, partiamo per il centro storico di questo gioiello medioevale posizionato sulla Romantische Strasse: la piazza del municipio (Markplatz), le sue mura, la strada principale Herrngasse (via dei Signori) che collega la Marktplatz con i Burggarten (giardini del castello) ed infine ma non ultimo il famoso negozio di giocattoli e articoli natalizi fondato nel 1977 dalla famiglia Wohlfahrt che, forte del grande successo ottenuto in Germania, ha aperto alcune filiali all'estero che si trova nella Herrngasse al n/r 1.

Verso le 18.00 siamo ripartiti con destinazione Innsbruk. Sosta per la cena verso le ore 21.00 presso Monaco. Poi visto il fresco che c'era ed il traffico quasi inesistente abbiamo deciso di procedere oltre e siamo arrivati in questo modo a Trento (per molti chilometri non vi era nessuno, e dico nessuno, sull'autostrada). A Trento ci siamo fermati per dormire in un'area di servizio in mezzo a tantissimi altri camper. Oggi giornata caldissima e alquanto soleggiata. Km 775

21-08-09 venerdì - Trento (I) - Albinea alla partenza Km 52342

Oggi è previsto il rientro a casa e la fine del nostro viaggio. Ci siamo alzati presto, perché in un'area di servizio non si riesce a dormire bene, e ci siamo incamminati con molta calma verso casa. Gli ultimi chilometri passavano quasi senza accorgersene e nel frattempo la mente volava a tutti i bellissimi posti che avevamo visitato.
Una vacanza davvero stupenda e aiutata anche da un clima che devo dire unico. In 16 giorni di viaggio non abbiamo trovato mai la pioggia, al massimo nuvoloso e sempre quando c'era da visitare città o monumenti (vedi Parigi). Ormai siamo sotto casa e già si parla della prossima meta... chissà quale sarà fra le tante proposte emerse tra di noi, vedremo.

Dati Tecnici

Giorni totali viaggio = 16
Notti in campeggio = 8
Notti libere = 3
Notti in area di sosta = 5
Km totali percorsi = 4866
Litri carburante usato = 479
consumo medio = 10.15 km/l

Conclusioni:

La Francia è sempre un paese stupendo da visitare e ancor di più da visitare in camper sia per le sue bellezze, per le sue strutture e per la cordialità. Molto bella la regione del Nord Pass di Calais che merita davvero una visita più approfondita. Abbiamo apprezzato molto anche il Belgio, paese dove non eravamo mai stati ma che ci è piaciuto molto e dove è necessario ritornare presto. Per concludere una vacanza bellissima che ricorderemo a lungo anche perchè ha battuto un record: in 16 giorni al nord non abbiamo mai visto la pioggia.

by Paola, Gianni, Andrea, Gianluca e Ary
www.arctictravel.it

 







 

Biblioteca di viaggio

Francia centrale e settentrionale
Questa parte del paese ospita Parigi e la Bretagna, le spiagge normanne del D-Day, il monumento più visitato di Francia...

Francia meridionale
Tra le città più grandi nel sud la bella Lione, e poi piccoli gioielli architettonici e artistici in Provenza, le passeggiate e spiagge della Costa Azzurra, la natura selvaggia della Camargue

Parigi con cartina
Centinaia di fotografie, illustrazioni e cartine. Quattro giornate a tema. Otto itinerari a piedi per scoprire la città. Alberghi, ristoranti e mercati.

Parigi da impazzire. Tutte le cose più belle da fare e da vedere almeno una volta nella vita
Parigi offre ai suoi visitatori molto più di quanto comunemente si creda. Questo volume conduce il lettore alla scoperta di luoghi, monumenti, musei, negozi e quartieri perlopiù trascurati dalle guide tradizionali, e di molte altre seducenti attrattive che renderanno il suo viaggio nella capitale francese indimenticabile.

Bretagna e Normandia
Che siate in cerca di paesaggi mozzafiato o di cibi deliziosi, di chiese medievali o di monumenti antichi, di un romantico albergo o di un ottimo ristorante, questa edizione vi fornisce tutto il necessario per rendere il vostro viaggio indimenticabile.

Francia del Nord
Le Rough Guides sono le compagne ideali per il viaggiatore che vuole scoprire e conoscere a fondo la realtà che lo circonda. Come un'amica del luogo sempre informata e brillante, la Rough della Francia del Nord offre notizie dettagliate e consigli pratici, con uno sguardo mai superficiale sulla storia, l'arte e le tradizioni.

Corsica
Fondali marini limpidi e turchini, coste frastagliate e ricche di cale e porticcioli, il profumo della macchia mediterranea sulle alture di Balagne e di Capo Corso, faranno la felicità dei visitatori dell'isola, dagli escursionisti...

Provenza dalla A alla Z
Chi ama la Provenza, i suoi piaceri e i suoi divertimenti trova da sempre in Peter Mayle una guida affidabile, piacevole e amena: le sue pagine sono ricche di notizie utili, ma anche di curiosità e indiscrezioni.

Formaggi di Francia. 180 specialità da conoscere
180 specialità da conoscere. Il patrimonio caseario francese raccontato e illustrato: tipologia, luogo di origine, modi di produzione, caratteristiche organolettiche di tante specialità.

Dolci francesi
Dalla famosa pesca Melba al soufflé, passando per dolci al cucchiaio e crostate, tutto quello che di buono ha da offrire la tradizione dolciaria francese in un libro essenziale e pratico. In una sola parola - delizioso!

Vini francesi. Vitigni, regioni, degustazione, cantine, annate
Un viaggio affascinante nella storia e nelle tradizioni delle regioni vinicole francesi, per imparare a conoscere e ad apprezzare i loro prodotti, esportati in tutto il mondo. Come trovare, degustare e abbinare alcuni tra i vini più prestigiosi disponibili oggi sul mercato.

... e tutti i film sulla Francia, cliccando qui!

 

 

Questo itinerario è stato proposto da Lupi Gianni - www.arctictravel.it
HomePage