HomePage
 
SCNews Itinerari Cucina Mediateca Souk Eventi Biblioteca Iscriviti alla nostra newsletter!
 
La guida per partire!  Italia  Europa  Mondo  Parchi  Musei curiosi  Nowboarding  Risorse  DisneylandNews
 
Nowboarding: la guida per partire di Sottocoperta.Net
 
Cosa mettere in valigia
Il bagaglio 'a mano'
Al mare o in appartamento
La valigia per la neve
Il bagaglio dei più piccoli
I documenti da portare
Il passaporto
In viaggio in nave
Traveller's cheque e valuta
Una farmacia portatile
Vaccinazioni
Acqua e alimenti all'estero
Cibi: Paese che vai.
Team e Modello E111
Bagaglio smarrito e danni
Overbooking e ritardo voli
Diritti nave & traghetto
Il Jet-Leg
La trombosi del viaggiatore
Proteggersi dal sole
Occhiali e sole
Guidare all'estero
Guidare negli Stati Uniti
La tua mail in viaggio
Telefonare dall'estero
Chiudere casa
Far sopravvivere le piante
Elettricità all'estero
B&B, Guesthouse, Ostelli
Un turista responsabile è...

Trombosi del viaggiatore

Dagli studi noti emerge in maniera evidente che esiste di fatto un'associazione tra viaggi di lunga durata e insorgenza di trombosi venosa profonda, chiamata DVT o TVP, che porta alla formazione di un coagulo del sangue, che normalmente si verifica negli arti inferiori e può verificarsi in assenza di manifestazioni o sintomatologia evidenti.
Questo coagulo crea un ostacolo al deflusso del sangue e se si muove dal suo punto di formazione, migrando fino alla rete venosa del polmone, e provoca un’embolia polmonare che può essere mortale.

Il rischio calcolato di sviluppare trombosi venosa profonda dopo un volo di lunga durata è compreso tra 0,1-0,4 per 1.000 nella popolazione generale.

I sintomi generali, se presenti, sono dolore, edema e alterazione del colore degli arti colpiti. La gamba può inoltre apparire calda al tatto e può esserci congestione delle vene superficiali.

Raccomandazioni per prevenire l'insorgenza di DVT per tutti i viaggiatori:
- Bere sufficiente quantità di liquidi
- Evitare di fumare
- Evitare l'assunzione di bevande contenenti alcol e/o caffeina sia prima che durante il volo
- Evitare di accavallare le gambe in posizione seduta
- Camminare lungo la cabina ogni volta che sia possibile
- Alzarsi nella propria zona di seduta e distendere braccia e gambe
- Eseguire gli esercizi per piedi e gambe consigliati
- Indossare abiti larghi e comodi durante il viaggio

Si raccomanda l'uso delle calze di sostegno che grazie alla sua compressione graduata massaggia e riposa le gambe, in particolare dopo i 40 anni e nei soggetti a rischio. Viaggiatori a rischio consultino il proprio medico prima di partire, in modo da valutare una adeguata profilassi.

Troverete questi esercizi anche sulla rivista ufficiale delle compagnie, direttamente in aereo.






HomePage