Don Camillo e Peppone, protagonisti delle celebri vicende narrate da Giovannino Guareschi, si preparano a “sbarcare” nientemeno che nel presepe. Accadrà, per il secondo anno consecutivo, ad Ardola di Zibello, piccola borgata della provincia di Parma adagiata sulle rive del Grande fiume. Dal 7 dicembre, nel santuario di San Rocco, oggetto negli ultimi anni di un’attenta ed infaticabile opera di tutela e valorizzazione portata avanti dai volontari dell’omonimo Comitato, si potrà ammirare una grande rassegna presepistica con un’intera sezione dedicata proprio al grande scrittore Giovannino Guareschi, nell’anno centenario della nascita, ed ai suoi più celebri personaggi: Don Camillo e Peppone che si “presenteranno”, nei contesti più singolari, nelle opere preparate da diversi presepisti. Accanto alla sezione “guareschiana” si potranno ammirare presepi di tutti i tipi, di ogni forma e dimensione realizzati con le tecniche più svariate. Ci saranno natività realizzate in tronchi d’albero e, addirittura, in una forma di Parmigiano Reggiano, con la sabbia del Po oppure sfruttando oggetti della tradizione contadina; creazioni in stoffa, in sassi, in legno, in carta e in vetro. Senza dimenticare il presepe costruito in una palafitta sul Po, le opere più legate alla tradizione e la sezione multietnica con opere provenienti da Africa, Asia e America Latina.

La rassegna presepistica “Un Presepe per Ardola” sarà inaugurata domenica 7 dicembre alle 15 nel santuario di San Rocco (che per la prima volta ospita la mostra, dopo che le tre precedenti si erano tenute nel Teatro Pallavicino di Zibello) e sarà visitabile tutti i sabati, le domeniche ed i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18.

Negli altri giorni la rassegna sarà aperta su prenotazione da effettuare contattando i numeri 052499388, 3386931689 e 3402499355, oppure scrivendo a [email protected]