Sabato 27 febbraio Cavour avrà l’onore di inaugurare, e ospitare fino al 9 marzo, la mostra “Camillo Benso di Cavour e il suo tempo”, primo tassello delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia in programma nel 2011, dedicato ad uno dei Padri della patria.

La mostra, inaugurata ufficialmente a Roma il 18 gennaio scorso dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è stata realizzata dalla Provincia di Torino in collaborazione con l’Associazione Amici della Fondazione Cavour di Santena e la Fondazione Cavour.
I pannelli ricordano e documentano i cambiamenti scientifici, tecnologici, sociali, istituzionali, economici, produttivi, commerciali e culturali in atto nell’Italia pre-unitaria e la complessità del quadro politico e strategico nazionale ed internazionale di metà Ottocento.
Il carattere divulgativo-didattico e il supporto storico e tecnico garantiscono la fruibilità ad un vasto pubblico di studenti, di insegnanti, di appassionati della storia del nostro paese e di estimatori di Camillo Cavour.

Dopo le presentazioni a Roma e a Torino (a Palazzo Cisterna, sede aulica della Provincia) e di un paio di comuni della provincia, è la volta dell’importante passaggio a Cavour dove “tutto ebbe inizio”;.
L’allestimento, nella sala consiliare del municipio, in piazza Sforzini (dove resterà aperta fino a martedì 9 marzo), sarà arricchito da alcuni documenti originali risalenti al periodo cavouriano, come l’atto redatto dai Savoia che infeudava i Benso del titolo nobiliare di Marchese di Cavour e cedeva alla famiglia potestà sui terreni della Rocca e sui possedimenti nelle campagne di Cavour.
L’inaugurazione ufficiale è in programma sabato 27 febbraio alle 15,30.

«Per Cavour ospitare la mostra dedicata al Conte Camillo Benso è un onore – dichiara il sindaco -, e non potrebbe essere altrimenti. Si tratta di un vero e proprio “ritorno” perché proprio con il conferimento del titolo nobiliare alla famiglia Benso fu possibile carriera politica del conte Camillo.
Fatto curioso, utilizzò spesso l’appellativo Cavour, per questo suo suono francesizzante, come “lasciapassare” per i tavoli politici dell’Europa che contava allora».
«Iniziative come queste – aggiunge Giovanna Giolitti, consigliere comunale con delega alla Cultura ed erede della famiglia dello Statista Giovanni GIOLITTI – sono uno sprone ad evidenziare il rapporto che grandi personaggi come Cavour ebbero con il nostro territorio. Sono aspetti che vanno evidenziati perché rappresentano alcune tra le pagine più importanti della nostra storia locale».

ORARI DI APERTURA DELLA MOSTRA
Sabato 27 e domenica 28 febbraio: dalle 15,30 alle 18,30
Da lunedì 1 a venerdì 5 marzo: dalle 9,30 alle 12, 30 e dalle 15 alle 18,30
Sabato 6 e domenica 7 marzo: dalle 9 alle 18,30 (orario continuato)
Lunedì 8 e martedì 9 marzo: dalle 9,30 alle 12, 30 e dalle 15 alle 18,30.

INFO

COMUNE CAVOUR www.comune.cavour.to.it

27 Febbraio 2010