Sabato 27 ottobre torna il tradizionale appuntamento con la Giornata Nazionale del Trekking Urbano. Dopo la prima edizione primaverile, andata in scena in diciassette città sabato 21 aprile, sono trentaquattro le città italiane che hanno aderito alla IX edizione intitolata “Storie comuni di uomini e donne non comuni”. In Toscana, accanto alla capofila Siena, l’iniziativa dedicata al turismo “vagabonding” andrà in scena ad Arezzo, Massa, Pisa e Pistoia. Un’esperienza di viaggio da condividere anche in rete all’interno della pagina Facebook “Trekking Urbano”, dove si possono ricevere informazioni aggiornate sui percorsi delle varie città ed entrare a far parte della community online per scambiarsi consigli, caricare foto e condividere video. Un’edizione autunnale sempre più green, dato che quest’anno il trekking urbano aderisce all’iniziativa del WWF BiodiversaMente che, sabato 27 e domenica 28 ottobre, promuoverà su tutto il territorio nazionale un ricco calendario di eventi per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della biodiversità e della ricerca scientifica.

Musei, storia e percorsi del gusto nel weekend di trekking urbano a Siena Il percorso intitolato “Ti racconto le storie di Siena, lungo 3 chilometri per la durata di 2 ore e mezza, partirà da Piazza del Campo, ogni quarto d’ora a partire dalle ore 17 e fino alle 18.30 e si snoderà sulle tracce dei tanti personaggi, spesso non abbastanza conosciuti, protagonisti di storie di fede, passione e talento. Per la speciale occasione, inoltre, i ristoratori senesi, in collaborazione con Confesercenti e Confcommercio, proporranno il “Piatto del Trekking”: menù a prezzi sostenibili per far vivere un’esperienza golosa indimenticabile anche a tavola. Lungo gli itinerari senesi saranno istallati alcuni pannelli Qr code per segnalare ai partecipanti la possibilità di condividere immagini, commenti e video, da postare in tempo reale attraverso il proprio smartphone sulla Pagina Facebook dedicata al Trekking. In Piazza del Campo sarà, inoltre, possibile partecipare a “Facce da Trekking”: l’iniziativa che immortalerà i partecipanti che avranno voglia di “metterci la faccia”. La IX Giornata Nazionale del Trekking Urbano proseguirà domenica 28 ottobre al passo del Nordic Walking, un’attività sportiva nuova, semplice e divertente da praticare all’aria aperta e adatta a tutti, con partenza alle ore 9.15 da Fonte Gaia.

Ivan Bruschi guida il percorso dei trekker di Arezzo. Ivan Bruschi, collezionista antiquario di fama internazionale e fondatore della “Fiera Antiquaria” aretina, sarà il protagonista del percorso di trekking urbano di Arezzo. Dal cuore della città: anfiteatro romano, scavi di piazzetta San Niccolò, Piazza San Francesco e il mosaico romano di Palazzo Lambardi, il percorso aretino prevede una visita alla collezione d’arte di casa Bruschi, che oggi conta circa diecimila pezzi tra mobili, dipinti, sculture, libri, vetri, ceramiche, argenterie, gioielli, arnesi e attrezzi da lavoro e monete. L’itinerario, lungo quasi sei chilometri, si snoderà, sulle tracce dell’antiquario, alla scoperta dei reperti archeologici fino a giungere, passando per il cuore religioso e civile della città, alla Casa natale di Francesco Petrarca.

A Massa “Sulle orme di Giovanni Pascoli”. L’edizione 2012 del trekking a Massa è dedicata a Giovanni Pascoli, per far conoscere non solo il poeta ma anche l’uomo. Il percorso si snoderà tra vie, luoghi, suggestivi borghi e panorami della città in cui il Pascoli visse, insegnò e trovò ispirazione. Un’imperdibile occasione per seguire le orme della vita dell’artista tra poesia e realtà. Il percorso inizierà dalla Biblioteca Civica nella tipica piazza caratterizza dalla colonna con la statua del Mercurio; scendendo il sottopasso si arriverà al Fondo Antico composto di circa dodicimila volumi editi

dal XVI al XIX secolo. Il tragitto proseguirà tra il liceo in cui il Pascoli insegnò e la residenza familiare, per concludersi in biblioteca con la conferenza “Pascoli e Massa”.

Pisa: storie di vita lungo le sponde dell’Arno. Sabato 27 ottobre la storia secolare di Pisa sarà ripercorsa attraverso le vite dei suoi personaggi più illustri per comprendere un passato lontano, quando la città era una florida repubblica marinara, al centro di rotte commerciali e scambi culturali. Durante il percorso del trekking s’incontreranno personaggi leggendari, come l’eroina Kinsica dè Sismondi che salvò la città da un attacco saraceno o come Santa Bona e Santa Ubaldesca. A queste giovani donne si contrappongono le tristi vicende del Conte Ugolino della Gherardesca, ma anche le quelle di Pietro Gambacorta e gli studi del grande matematico Leonardo Fibonacci. Ma la città è stata anche amata da poeti e scrittori: Ariosto, Leopardi, Lord Byron, D’Annunzio, Pascoli. Accanto a loro troviamo scienziati quali Galileo Galilei e Pacinotti e anche patrioti e ferventi politici come Garibaldi e Mazzini. Altrettanto illustri gli architetti, i pittori e gli scultori: Buscheto e Rainaldo, Diotisalvi, Nicola e Giovanni Pisano, Andrea, Nino e Tommaso Pisano, Aurelio Lomi e tanti altri.

Pistoia: dalla villa di Niccolò Puccini all’Accademia Medica “Filippo Pacini “, un percorso tra natura, arte e scienza. L’itinerario inizierà con la scoperta del parco della Villa Puccini, uno dei giardini romantici più interessanti d’Italia: con specchi d’acqua, castelli e torri. Niccolò Puccini durante il corso della sua vita si dedicò alla sua dimora di campagna rendendo la villa e il suo parco un vero santuario dell’arte e, al tempo stesso, uno strumento con cui esprimere i propri ideali risorgimentali. Da qui si tornerà verso il centro storico per la visita all’Accademia Medica “Filippo Pacini” all’interno dell’Ospedale del Ceppo. L’Accademia Medica, con la sua Sala Anatomica, è direttamente collegata a Puccini mecenate. E’ proprio lì che ha studiato Filippo Pacini, grande scienziato pistoiese, noto per l’identificazione del vibrione del colera e dei corpuscoli tattili, al quale Puccini mise a disposizione un microscopio che gli permise di condurre, proprio nella villa Puccini, le prime ricerche anatomiche e istologiche. E’ in programma, inoltre, il giorno successivo, una visita al Museo Civico che offre una sezione specificatamente dedicata alla collezione di dipinti della famiglia Puccini, con grandi tele di gusto romantico ispirate alle ideologie libertarie risorgimentali di Niccolò.

Per informazioni sulla Giornata Nazionale del Trekking Urbano è possibile contattare il Servizio promozione turistica e sviluppo economico del Comune di Siena al numero 0577 – 292128 oppure inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica [email protected] Per conoscere e scaricare gli itinerari e i percorsi, proposti dalle trenta città per sabato 27 ottobre è possibile consultare il sito www.trekkingurbano.info o seguire la pagina Facebook www.facebook.com/trekkingurbano.
*************************
Cos’è il Trekking Urbano. Il trekking urbano è un’attività che coniuga sport, arte, gusto e voglia di scoprire gli angoli più nascosti e curiosi delle città, attraverso itinerari caratterizzati da forti dislivelli del suolo e da scalinate. Si tratta di una forma di turismo “vagabonding”, libera e ricca di sorprese, adatta a tutte le età, senza un particolare allenamento preventivo. Oltre ad essere un’attività che fa bene al fisico e alla mente, il trekking urbano fa bene alle città perché permette di decongestionare le zone attraversate dai flussi turistici tradizionali, allargare il raggio delle visite alle aree più periferiche dei centri urbani e prolungare i soggiorni.