I bambini di quest‘età hanno acquisito indipendenza motoria e un certo vocabolario linguistico e iniziano anche ad organizzare giochi di comunicazione con i coetanei.

Dopo i giochi da 1 a 2 anni, segnaliamo qualche altra idea che si aggiunge alla precedenti, per organizzare le giornate in modo creativo e stimolante dei più grandicelli… non dimenticate anche l’importanza del gioco spontaneo e libero dei bimbi, che non deve mancare.

Ogni attività proposta può durare fino a un’ora. Al termine del gioco, fatevi aiutare dai piccoli nel riordino di ogni cosa: anche questa è una esperienza da condividere ed imparare.

Preparate un vecchio lenzuolo o del cellophane e una vecchia tuta o un grambiulino apposito, così da poter giocare liberamente e alla fine, un bel bagnetto caldo!

Prima della nanna, come momento di relax quotidiano, è ideale un bell’angolo morbido, con tappeti, cuscini e peluches, dove ascoltare i genitori o i fratellini più grandi che leggono o raccontano una favola, con un bel libro colorato anche da sfogliare insieme
I bambini amano sentirsi raccontare decine di volte la stessa favola e imparano a conoscere la propria piccola biblioteca casalinga.

Manipolazione
Con la pasta di pane (vedi da 1 a 2 anni) potete iniziare a fargli creare qualche semplice oggetto. Un adulto penserà alla cottura in forno, e poi via libera per dipingerlo!
Dopo la pasta di pane e di sale, si possono manipolare e anche modellare anche das, plastilina, creta e argilla naturale e cartapesta.

Gioco simbolico, di ruolo e di travestimento
Il gioco simbolico diventerà sempre più presente e importante, soprattutto nel far finta di… e imitare adulti e attività degli adulti. E’ quindi necessario materiale per travestirsi, gli attrezzi gioco per imitare papà, le collane per imitare la mamma, scialli, scarpe, guanti, il bambolotto per giocare a fare la mamma, la frutta finta per fare la spesa, giocare al dottore, imitare il papà che guida la macchina ecc. Oltre alla cucina o alla casetta gioco, è perfetto un baule o un cassapanca di vimini piena di travestimenti da poter rovistare a piacimento! Importantissimo uno specchio grande.

Drammatizzazione e teatro
Si va in scena! I bambini iniziano ad imparare, spontaneamente e guidati da un adulto, a drammatizzare ruoli e scenette delle fiabe, come hanno imparato nel gioco simbolico. E’ importante quindi anche la presenza di amichetti o fratellini.

Disegno, trucco e pittura
Si possono iniziare ad usare tempere e pennelli, pennarelli ad acqua per i piccoli, pastelli a cera. Con i colori a dita potete giocare a fare le impronte, a dipingere sul corpo ecc.
Anche il truccabimbi è una divertente alternativa.
Utile un tavolino con sedioline di adeguata dimensione.

Collage
Ritagli, cartoncini colorati, palline e quadretti di cartacrespa colorata, ma anche foglie, ritagli di stoffe, passamanerie e bottoni, pasta secca e colla: con l’aiuto di un adulto è il momento dei primi collage!

Costruzioni
E’ il momento di incastrare e costruire con i mattoncini grossi, ma anche infilare oggetti come rocchetti del filo e spago…

Il percorso ad ostacoli
In giardino o in casa, è un’attività divertentissima!
Preparate un percorso del tipo di quelli che si fanno in palestra, disseminato di oggetti da saltare, scavalcare, aggirare o passarci sotto (si può usare di tutto: sedie, giocattoli, birilli…), magari facendo finire il percorso con una bacinella riempita di acqua tiepida in cui possono infilare i piedini.

Libri sullo scaffale

Due titoli utilissimi, zeppi di idee da mettere in pratica subito e con materiali semplici che tutti hanno in casa: Facciamoci un dono. Come giocare con la prima infanzia e Centouno giochi intelligenti e creativi da fare con il tuo bambino. Da 0 a 5 anni