Raro esempio di edificio fortificato medioevale integralmente conservato, il Castello o Rocca Borromeo di Angera si erge su di uno sperone di roccia calcarea che da sempre domina la parte meridionale del Lago Maggiore.

L´imponente costruzione racchiude testimonianze importanti della storia locale, ripercorsa attraverso il mirabile ciclo di affreschi risalenti alla fine del ´200 della “Sala della Giustizia”, le Sale storiche, la Torre Castellana, dalla cui sommità si gode un panorama di rara suggestione. Particolarissimo anche il torchio seicentesco visibile nella vinaia. Alcune sale ospitano il Museo della Bambola e della Moda Infantile, la collezione più importante in Europa, cui è annessa un´ampia sezione dedicata agli automi del XIX secolo, perfettamente funzionanti.

La spettacolare Rocca invita il turista ad un affascinante incontro con le vicende storiche di questa terra e le sue tradizioni, un patrimonio secolare valorizzato dall´ampia distesa del Lago Maggiore e coronato dall´incomparabile bellezza delle Prealpi e delle Alpi. Quest’anno la famiglia Borromeo ha deciso di intensificare tutto quanto, nella Rocca, richiama l’epoca medievale, per far conoscere meglio ad adulti e studenti questa epoca storica. Accanto al “Paradiso in terra”, una sorta di “laboratorio conoscitivo” sulle piantagioni e le colture del Medio Evo, aperto l’anno scorso e tuttora visibile all’interno della Rocca, si avranno a partire da aprile le ‘Domeniche medievali’, non più incentrate su personaggi fantastici, ma impostate su tematiche connesse al periodo medievale.

Queste le date: 20 aprile ‘Arte e antichi mestieri’; 25 maggio ‘Entriamo insieme in un mondo fatato’; 8 giugno ‘Il giardino incantato’; 28 settembre ‘Il mercato medievale’. E inoltre: danze e balli popolari rinascimentali, banco armaiolo, tenzone di arme tra cavalieri e avventure coinvolgenti per il pubblico. La Rocca di Angera è visitabile dalle ore 9 alle 17,30 (ultimo ingresso).

Per informazioni e per prenotare visite guidate: tel 0323/30556

20 Aprile 2008