Home Page

SCNewsCURIOSITA' DAL MONDO DEI VIAGGI, DELL' ENOGASTRONOMIA E DINTORNI...

NEWS PIÙ RECENTI

GIROVAGANDO
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
dicembre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
marzo 2016
febbraio 2016
dicembre 2015
luglio 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
giugno 2014
maggio 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
luglio 2008
giugno 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
maggio 2007
aprile 2007
marzo 2007
febbraio 2007
gennaio 2007
dicembre 2006
novembre 2006
ottobre 2006
settembre 2006
agosto 2006
luglio 2006
giugno 2006
maggio 2006
NEWS DAI MUSEI
C'E' DI NUOVO IN CUCINA
DALLE CANTINE
PERSONAGGI CON GUSTO
CONSIGLI DELLA NONNA
STRANO MA WEB
PAGINA DOPO PAGINA
RICEVUTI & PUBBLICATI
EXPO





Gardaland Disneyland Paris
GIROVAGANDO 10/08/2009
Trieste: restaurate tre statue quattrocentesche del Castello di Duino

Tre statue quattrocentesche in pietra di Vicenza alte più di due metri che fanno parte del patrimonio artistico del Castello di Duino e che l’estate scorsa erano state abbattute dalla furia degli elementi durante l’uragano che aveva colpito con eccezionale violenza il Golfo di Trieste fino a Grado, dopo essere state sottoposte a lunghi e delicati lavori di restauro, sono state ricollocate nella stessa posizione che avevano avuto per secoli in prossimità dell’ingresso pedonale, lungo il muro di cinta con merli che sovrasta il grande parco a picco sul mare. Le tre statue fanno parte di un gruppo scultoreo composto da quattro elementi (uno solo dei quali, trovandosi in una zona più riparata, non fu danneggiato dall’uragano) e raffigurano, rispettivamente: l’imperatore romano Ludovico, il condottiero sabaudo Lodovico I, il re ungherese Ladislao e Carlo Vii re della Gallia.

I lavori di restauro sono stati eseguiti con il contributo economico della compagnia di assicurazione Ras-allianz. Sotto il controllo della soprintendenza delle belle arti da due esperte, Elisa Barberi e Paola Venuti, per conto della Edil Carso, la società che ha in appalto il ripristino di tutti i danni che furono provocati dall’uragano ai tetti, ai comignoli, alle grondaie e ai muri di sostegno del Castello, attuale dimora storica dei principi della Torre e Tasso. “Dapprima” spiegano le restauratrici Elisa Barberi e Paola Venuti, ”abbiamo provveduto all’incollaggio dei pezzi con resine speciali e polveri inerti differenziate a seconda che si trattasse di interventi strutturali o riempitivi e, dove i pezzi erano mancanti, alla loro ricostruzione con stucchi specifici per manufatti di pietra particolarmente adatti a garantire maggiore stabilità alle singole statue che si erano rivelate molto fragili proprio nelle gambe, senza ricorrere a perni che, utilizzati in un precedente restauro, ne avevano indebolito le strutture. Poi abbiamo rimosso la pellicola di natura vinilica che era stata utilizzata in un precedente restauro con l’intento di dare uniformità all’aspetto esteriore delle statue ma che in realtà, non facendo traspirare l’umidità, aveva favorito nel tempo lo sgretolamento e la polverizzazione della pietra.

Le tre statue da restaurare e la quarta che non aveva subìto particolari danni dall’uragano, sono state sottoposte un accurato lavoro di pulitura con impacchi di acqua demineralizzata e carbonato d’ammonio che ha restituito l’originario colore della pietra di Vicenza, un materiale insolito per la zona Carsica. Successivamente, tutte le lacune superficiali, le fessure e le imperfezioni delle tre statue danneggiate sono state stuccate con una miscela di calce e sabbie di diversa natura e granulosità, così da rendere il loro aspetto uniforme. Infine, le quattro statue sono state trattate con uno specifico prodotto protettivo che le preserverà per parecchio tempo ancora nel loro originario, antico splendore. Attualmente la stabilità delle quattro statue è assicurata da un traliccio provvisorio collocato nella parte posteriore di ciascun monumento che, quanto prima, sarà sostituito, sempre sotto il controllo della soprintendenza delle belle arti, da un supporto meno invasivo.

 







HomePage